27 aprile 1937: muore Antonio Gramsci

di Mauro Antonio Miglieruolo Ho appreso, dal “Fatto Quotidiano” del 22 aprile, particolari sulle sofferenze fisiche di Gramsci (Antonio Francesco Sebastiano Gramsci: Ales, 22 gennaio 1891–Roma, 27 aprile 1937) che lo hanno afflitto sin da bambino; e castigato da adulto. Il primo dei quali è lo stesso male che ha contribuito all’infelicità di Giacomo Leopardi, il morbo di Pott; tubercolosi

Continua a leggere

Boccaccesca

di Mauro Antonio Miglieruolo *** Nautria, sappiatelo, è il più bel pianeta della galassia. Bello perché selvaggio e nello stesso tempo antropoformizzato; eppure nonostante l’immensità, ha la superfice di un milione di Terre, che ospiterebbe i trilioni e trilioni, è il più desolato vuoto tra i miliardi catalogati delle Tre Galassie. Un paio solo di colonie sono accreditate. D’una terza

Continua a leggere

Guerre civili

di Mauro Antonio Miglieruolo I cannoni protonici tuonavamo ininterrottamente da cir­ca un’ora, eppure dalla fortezza non arrivava alcun indizio che ne avessero abbastanza. Ne avevo fatti piazzare sedici, venti colpi al minuto, in tutto milleduecento cannonate, ma niente, nessun segno di cedimento. Dei duri quelli della fortezza. Ma anche buoni strateghi, bene organizzati, favoriti dalla larga disponibilità di mezzi, cannoni

Continua a leggere

Sette suggestioni sulle opere di Yerka – 8: Atlantide

(Appendice) Di Mauro Antonio Miglieruolo *** Sono tante le isole, tante quanto i pensieri e le illusioni. Nel numero dei ricordi, milioni, milioni di milioni, il peso d’infinite vite e d’una sola. Sogni e chimere come granelli di sabbia, come la polvere che attraversa il fascio di luce nella stanzetta tua d’adolescente ostruita dalla penombra; ogni essere dotato di inventiva

Continua a leggere

Sette suggestioni sulle opere di Yerka – 6: Foreste, luci, anime disperse

di Mauro Antonio Miglieruolo *** Mi inoltrai in una foresta di lucciole e sentieri erbosi, gli alberi a far da decoro. Si spandeva, l’intricato groviglio vegetale, dappertutto e copriva ogni anima, ogni luogo. Una foresta favolosa, pur non avendo attinenza con le favole e con i sogni. Non vi ero mai penetrato, non si raggiunge una foresta come quella, ogni

Continua a leggere

Il genio di Ipazia, il genio delle donne

di Mauro Antonio Miglieruolo *** (EL) « ὅταν βλέπω σε, προσκυνῶ, καὶ τους λόγους. τῆς παρθένου τὸν οἶκον ἀστρῷον βλέπων εἰς οὐρανὸν γάρ ἐστι σοῦ τὰ πράγματα, Ὑπατία σεμνή, τῶν λόγων εὐμορφία, ἄχραντον ἄστρον τῆς σοφῆς παιδεύσεως. » Traduzione: «Quando ti vedo mi prostro davanti a te e alle tue parole, vedendo la casa astrale della Vergine, infatti verso il

Continua a leggere

A proposito delle difficoltà relative alla transizione – Seconda parte

(segue da 3 marzo – ore 10) “Non è arduo costruire il socialismo; lo è stato nelle specifiche condizioni della Russia del 1917” di Mauro Antonio Miglieruolo Detto questo, occorre ahimé! Passare a una parte dell’intervento che non esito a definire polemica. Contesto sia corretto fare riferimento all’Ottobre come fallimento della “costruzione dal basso” del processo di trasformazione (se mai

Continua a leggere
1 2 3 13