La nube di Rogor e la coscienza nera del capitalismo italiano

di Gianluca Ricciato   Trent’anni fa più uno, il 17 luglio 1988, una serie di esplosioni di Rogor, misto ad altri composti chimici pericolosi, contaminò una zona di circa duemila kilometri quadrati tra l’alta Toscana e la provincia di La Spezia. L’esplosione avvenne all’interno dello stabilimento Farmoplant, di proprietà della Montedison. Il Rogor, cioè il Dimetoato, pesticida (insetticida) ampiamente usato

Continua a leggere

L’etica in soffitta di Coop tra rose, farmaci e forzieri

di Saverio Pipitone (*) A Torino in Via Palma 7 la Società generale di mutuo soccorso degli operai il 4 ottobre 1854 aprì uno spaccio alimentare, chiamandolo Magazzino di previdenza. I prodotti erano venduti agli associati al “primitivo costo”, cioè ad importi convenienti e leggermente superiori a quelli di acquisto, con un guadagno che serviva solo a coprire le spese

Continua a leggere

Bologna 28 gennaio: La difesa di madre terra

di Alexik Più volte la Bottega si è occupata delle lotte dei contadini e degli attivisti salentini contro le misure imposte nell’ambito della “emergenza xylella”. Contadini ed attivisti che hanno rifiutato gli espianti di massa degli uliveti tradizionali e l’irrorazione a tappeto di pesticidi, opponendosi alla trasformazione delle proprie campagne in un deserto chimico, rivendicando metodi di cura rispettosi della biodiversità, dell’ambiente e

Continua a leggere
1 2 3 6