La recessione interiore

di Giovanni Iozzoli (*) Avete presente i vecchi film di indiani in cui improbabili Apaches si mettevano a culo in aria, con un orecchio ben piantato per terra, onde avvertire in lontananza l’arrivo del treno o lo scalpiccio dei cavalli? Ecco, quella è la postura assunta da imprenditori ed economisti italiani negli ultimi cinque mesi – più o meno dall’ultimo

Continua a leggere

La democrazia dell’algoritmo

di ANDREA BARANES (*) L’Italia è in una tempesta perfetta sui mercati, complice l’instabilità politica. Ma i rally speculativi giocano spesso su aspettative che si auto-avverano. Perciò inquieta che proprio nel giorno cruciale per un nuovo governo, Moody’s abbia ipotizzato un declassamento. Urge fissare nuove regole per la finanza. Lo spread – Lo spread è la differenza tra il rendimento

Continua a leggere

«Recessione Italia: come usciamo dalla crisi più lunga della storia»

Recensione di Gian Marco Martignoni al libro di Federico Fubini E’ una caratteristica della mentalità nazionale, grazie alla complicità dei media, quella di addebitare a cause esterne, l’Euro o la Germania della Merkel, le responsabilità relative al declino economico, sociale e culturale del nostro paese, rimuovendo le cause storiche e strutturali che lo hanno determinato nell’arco di qualche decennio.

Continua a leggere

Casino Royal: il voto e dopo

di Giorgio Monestarolo Ammettiamolo chiaramente queste elezioni sono praticamente indecifrabili: si può dire tutto e il contrario di tutto, si può essere depressi di sinistra-sinistra o allegri di centro-sinistra, sfascisti fiduciosi, arrabbiati, timorosi, indifferenti. Ci sono buoni motivi per tutti e per nessuno. Inoltrandomi nel casino, provo a fare quindi qualche semplice constatazione, azzardare uno scenario e

Continua a leggere