Cile: allarme per i prigionieri politici al tempo del Covid-19

Condannati alla prisión preventiva a seguito delle proteste che dallo scorso ottobre hanno coinvolto tutto il paese, i prigionieri politici cileni si trovano nelle carceri in una situazione dove mancano le condizioni igieniche sanitarie minime per far fronte al virus. Intanto il presidente Piñera, tramite l’indulto ai condannati “a bassa pericolosità”, prova a far ottenere benefici ai responsabili delle violazioni

Continua a leggere

America latina alla prova di Covid-19

Due articoli di Laura Vales e una panoramica di David Lifodi La quarantena nei quartieri popolari argentini, dove quattro milioni di persone vivono in sovraffollamento e senza possibilità  di lavorare a casa. Provvedimenti repressivi in Uruguay, Bolivia, Colombia, Cile. La pandemia utilizzata dai governi di destra per ristabilire l’ordine pubblico. E crescono gli omicidi contro i lottatori sociali.

Continua a leggere

Cile: lottarono per un sogno

La storia dei fratelli Rafael ed Eduardo Vergara Toledo, militanti del Movimiento de Izquierda Revolucionaria, che volevano far cadere il regime pinochettista e vivere in un Paese senza più liberismo e disuguaglianze sociali. Furono uccisi dai carabineros il 29 marzo 1985. Oggi i giovani che riempiono le piazze contro Piñera condividono con loro il desiderio di giustizia sociale. di David

Continua a leggere
1 2 3 5