Turi Palidda: il business «umanitario»

Il meglio del blog-bottega /253…. andando a ritroso nel tempo (*)

Lapidario (tanto non serve a nulla fare analisi … sono 20 anni che tutto è chiaro, cioè che ogni questione deve essere convertita in business per chi ha potere o sta nei meandri di questo)

La missione mare nostrum? Siamo all’epopea del business “umanitario”: la guerra umanitaria che diventa soccorso/protezione (droni, navi da guerra, elicotteri, 1500 militari, ecc ecc … il ministro ciellino della difesa che gongola come non mai, così si giustificano bene le spese militari con anche la benedizione di Francesco…) e nel frattempo le ong si fanno avanti e come sono brave le puericultrici dei bambini scampati all’annegamento spiegandoci in tv i disegni che rappresentano barche in mezzo a onde altissime, lampi e angoscia…

Di tutto di più

Tutti indignati da Francesco a Napolitano a Barroso Letta e Alfano!!! che bellissima unanimità … Grillo e i leghisti ne approfittano per cercare di distinguersi così come peraltro fa mr. Renzi contro l’amnistia … gli imprenditori del sondaggismo aiutano a esaltare i sentimenti “veri” dell’Italia profonda (mente fascista e quindi razzista sia di destra che di sinistra)

quindi possiamo prevedere:

i migranti avranno sempre meno chances di arrivare in Europa (elicotteri navi e droni li bloccheranno nelle acque internazionali e li rimanderanno chissà dove)

i marginali, rom e immigrati criminalizzati che costituiscono circa il 70% della popolazione nelle carceri non avranno molte chances di uscire


L’Italia post-cattocomunista continua imperterrita a perseguire nel baratro totale e non lascia alcuna speranza a chi dissente, ridotto all’impotenza (sancita anche da quei signori che ci hanno messo tutto il loro impegno – vedi i diliberti, ferrero, ingroia, ecc -). Nel XIX secolo la canzone dei disperati diceva: «noi anderemo a Roma a gridare al papa e al re che la miseria c’è»: ergo ridotti a chiedere pietà… la fine del potere di negoziare e di farsi valere.

Così la maggioranza della popolazione che ha redditi medio-bassi dovrà pagare lo spaventoso debito pubblico prodotto da decenni di banditi di destra e di “sinistra” al potere a livello nazionale e locale ma il ceto dei redditi alti e delle pensioni d’oro non ha di che preoccuparsi …

Altro che Berlusconi in galera: amnistiatelo in cambio di tutti i suoi averi visto che la loro origine è sospetta! e perché non fare così con tutti quelli che hanno prodotto il debito pubblico?

(ma questo è giacobinismo fuori tempo)

(*) Anche quest’anno la “bottega” ha recuperato alcuni vecchi post che a rileggerli, anni dopo, sono sembrati interessanti. Il motivo? Un po’ perché oltre 17mila e 700 articoli (avete letto bene: 17 mila e 700) sono taaaaaaaaaaanti e si rischia di perdere la memoria dei più vecchi. E un po’ perché nel pieno dell’estate qualche collaborazione si liquefà: viva&viva il diritto alle vacanze che dovrebbe essere per tutte/i. Vecchi post dunque; recuperati con l’unico criterio di partire dalla coda ma valutando quali possono essere più attuali o spiazzanti. Il “meglio” è sempre soggettivo ma l’idea è soprattutto di ritrovare semi, ponti, pensieri perduti… in qualche caso accompagnati dalla bella scrittura, dall’inchiesta ben fatta, dalla riflessione intelligente: con le firme più varie, stili assai differenti e quel misto di serietà e ironia, di rabbia e speranza che – lo speriamo – caratterizza questa blottega, cioè blog-bottega. [db]

 

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *