Violenze – Torture – Omertà

21luglio

Comunicato di Imola Antifascista scritto in seguito al volantinaggio di sabato 4/7 a Imola del sindacato di polizia SAP contro l’introduzione del reato di tortura, alla recente condanna per il vicequestore di Imola, ed in vista dell’iniziativa “Violenze – Torture – Omertà” prevista per il 21 luglio all’Archivio Storico della FAI di Imola.

Aldrovandi, Giuliani, Bianzino, Cucchi, Uva…
SAPpiamo chi è Stato
A quasi 10 anni dalla morte di Federico Aldrovandi, la madre Patrizia Moretti ha deciso di ritirare le denunce sporte in seguito alle offese ricevute al figlio e alla famiglia, senza perdonare ma ritenendo inutile una sentenza di condanna per persone che costruiscono la loro carriera sull’aggressività e sul rancore. Tra queste persone figura Paolo Forlani, uno dei quattro poliziotti coinvolti nell’omicidio di Federico, gli stessi poliziotti accolti da vergognosi applausi durante un congresso del sindacato di polizia del SAP.
Il SAP è lo stesso sindacato che oggi si scaglia contro l’introduzione del reato di tortura, ed in seguito a queste pressioni la Commissione Giustizia del Senato ha modificato pesantemente la legge in discussione, con il grottesco inserimento della formula delle ‘reiterate violenze’ e con riduzioni per le pene previste per i pubblici ufficiali.
In tal modo una singola minaccia di stupro -come accadde a Bolzaneto-, un solo atto di soffocamento, un solo tentativo di affogamento, tutto ciò sarebbe riconosciuto e ammesso.
Allo stesso tempo altre morti, da Aldo Bianzino a Stefano Cucchi a Giuseppe Uva, uccisi in seguito ad evidenti episodi di violenze e torture da parte delle forze dell’ordine che li avevano in custodia, continuano ad essere “dimenticate” da una giustizia che non riesce, o non vuole, individuarne i colpevoli.
Infine a 14 anni dalla morte di Carlo Giuliani, ucciso da un colpo di pistola durante il G8 di Genova, un altro sindacato di polizia, il COISP, promuove una raccolta firme per rimuoverne la targa commemorativa dalla piazza dove morì, in un nuovo tentativo volto a cancellare la memoria.
Ed arriviamo così fino a Imola, dove il vicequestore Luca Cinti continua tranquillamente il suo operato nonostante una condanna definitiva per falsa testimonianza per aver coperto quattro agenti suoi sottoposti, colpevoli di aver arrestato illegalmente due persone durante il G8 del 2001. Due innocenti rinchiusi senza motivo a Bolzaneto e lì vittime di abusi e torture.
Noi continueremo a ricordare e a dire ad alta voce che SAPpiamo chi è Stato!
Chiediamo verità e giustizia per tutte le vittime di malapolizia!

Imola antifascista

____________________________________

 

VIOLENZE – TORTURE – OMERTA’
Per raccontare il comportamento delle forze dell’ordine durante il G8 di Genova 2001 e nei processi che ne sono seguiti

Martedì 21 luglio 2015
Archivio Storico della FAI
Imola (BO) (entrata da via Caterina Sforza)
Ore 20: ritrovo e buffet
Ore 21: incontro con:
– LORENZO GUADAGNUCCI (giornalista, autore di “sTortura” e “L’eclisse della democrazia”)
– ITALO DI SABATO (Osservatorio sulla Repressione)

Ci sono eventi che sembrano lontani ma che, come diceva un celebre
cantautore genovese, ci coinvolgono lo stesso.
I fatti di Genova di quei giorni non si limitano alle violenze ingiustificate verso manifestanti pacifici o alle torture perpetrate alla Diaz e a Bolzaneto, ma prendono strade poco note che parlano di omertà e impunità.
Strade che arrivano fino a Imola, con l’insediamento come vicequestore della città di un condannato per falsa testimonianza per fatti relativi al G8.

Organizza la serata Imola Antifascista

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *