Week End – Jean Luc Godard

un film che continua a essere attuale, e si può vedere in rete, in italiano

succede di tutto, in un (poco) tranquillo fine settimana francese, la sceneggiatura potrebbe essere quella di Roland Barthes (Miti d’oggi)

le automobili (protagoniste del film, neanche fossimo in Crash di Cronenberg) fanno più morti del Covid, in questo film politico, che, tra l’altro,  parla dello sviluppo capitalistico, del (neo)colonianismo, di merci e feticci, di velocità e morte, di città e campagna, di omicidi per l’eredità, ci mostra facce a cui potrebbe essersi ispirato Bruno Dumont (inP’tit Quinquin).

tra l’altro gli attori criticano quel noioso film (Week end), di quel noioso regista che è Godard.

è un film sorprendente e bellissimo, da vedere e rivedere (è piaciuto moltissimo a un regista di nome Martin Scorsese, tra gli altri).

godetene tutti – Ismaele

 

QUI il film completo, in italiano

https://markx7.blogspot.com/2020/11/week-end-jean-luc-godard.html 

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *