Zehra Doğan in galera

Arte “terrorista”? Non c’è limite alla repressione di Erdogan

Materiali raccolti da Francesco Masala, con una nota finale di db

zehra

 

Il nostro alleato turco ha svuotato le prigioni dai delinquenti per mettere gli oppositori.

Un modello per i nostri governi europei

La pittrice e giornalista turca Zehra Doğan arrestata

di Helen Stoilas *

L’artista e giornalista turca Zehra Doğan è tra gli arrestati questa settimana nel giro di vite del presidente Tayyip Erdogan dopo il colpo di stato militare fallito. Mercoledì 27 luglio, oltre a chiudere tre agenzie di stampa, 16 canali televisivi, 45 giornali, 15 riviste e 29 case editrici, secondo i dati ufficiali del governo, 47 giornalisti sono stati arrestati dalla polizia.

Negli ultimi cinque mesi, Doğan, che è il direttore del l’agenzia di stampa femminista Jinha, ha fatto reportages e ha dipinto dal quartiere Nusaybin della provincia di Mardin, una regione in gran parte kurda in cui è stato recentemente imposto un rigido coprifuoco. Secondo i suoi amici su Facebook, è stata arrestata dalla polizia mentre stava seduto in un caffè.

Giovedi, 21 luglio. Doğan è stata portato in tribunale, sulla base di una testimonianza anonima, l’ha descritta e identificata come “una signora minuta con un anello al naso” – Doğan è stata accusato di essere un “membro di un’organizzazione illegale”, secondo l’agenzia Jinha.

La sua arte e la scrittura sono state usate contro di lei dalla procura come prova della sua appartenenza al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), un gruppo di sinistra militante che si batte per i diritti dei curdi in Turchia, che il governo ha etichettato come “organizzazione terroristica”. La corte ha stabilito che deve essere tenuta in custodia in attesa del processo, che potrebbe richiedere mesi.

“L’arte e dipinti non possono mai essere utilizzati in tal modo,” l’avvocato di Doğan, Asli Pasinli, ha detto ai media dopo il suo arresto. “Questo è un attacco all’arte e all’espressione artistica.”

http://theartnewspaper.com/news/turkish-painter-and-journalist-zehra-do-an-arrested/

*(traduzione mia)

 

Zehra Dogan: “…è la mia mano che tiene il pennello!” (Free Collective)

Zehra Dogan, giornalista e artista, incarcerata per il suo lavoro di informazione e denuncia sul regime oppressivo turco che la ragazza raccontava attraverso i servizi e i suoi dipinti.
Negli anni Zehra, attraverso la copertura di notizie offerta e il suo tocco artistico, ha riportato la realtà di città assediate come Cizre, Derik, Dargetic e Nusaybin, ritraendo la devastazione portata dai conflitti, la disperazione di mamme che cercano di recuperare i figli minori e le urla delle donne.
Zehra, dopo essere stata arrestata proprio nella città di Nusaybin, in attesa di essere processata per aver mostrato al mondo la realtà dei fatti, ha diffuso una lettera attraverso la quale traspare tutto il coraggio di chi non si piega alle discriminazioni e alle violenze subite da tutta la vita, esprimendo la ferma volontà di continuare la lotta anche dall’interno di uno dei simboli dell’oppressione.

Ho sempre cercato di esistere attraverso i miei dipinti, le mie notizie, e la mia lotta come una donna. Ora, anche se sono intrappolata tra le quattro mura, io continuo a pensare che ho fatto assolutamente il mio dovere in pieno. In questo paese, buio come la notte, dove tutti i nostri diritti sono stati incrociati con sangue rosso, sapevo che stavo per essere imprigionata.
Voglio ripetere l’insegnamento di Picasso: pensi davvero che un pittore è semplicemente una persona che usa il suo pennello per dipingere insetti e fiori? Nessun artista volta le spalle alla società; un pittore deve usare il suo pennello come arma contro gli oppressori. Nemmeno i soldati nazisti hanno cercato Picasso a causa dei suoi dipinti, e tuttavia io sono a giudizio a causa dei miei disegni.
Terrò disegno. Quando una donna rilascia fiumi di colori, è possibile lasciare la prigione. Ma sono solo pennellate …. Non dimenticate mai, è la mia mano che tiene il pennello!

http://earthriot.altervista.org/blog/3720-2/

 

parla Zehra Dogan, alla consegna di un premio (solo per chi sa il turco)

ecco alcuni suoi quadri, arte degenerata secondo la procura, da mettere in galera anche loro, e buttare la chiave (“La corte ha stabilito che Zehra Doğan deve essere tenuta in custodia in attesa del processo, che potrebbe richiedere mesi”)

resize288x360_e6e652d50e5d6f86c310d3ded7074c8d_16e4dcae13beb65f53256ee07176abd21080x1350_quality99_o_1aorr9tepeks1vvl12qveqmckhk resize288x360_e6e652d50e5d6f86c310d3ded7074c8d_b1e3350b34ff038a0b2603edda4d64ef1080x1350_quality99_o_1aorr9teqlbb1klc1n2apf21vcpm resize359x360_e6e652d50e5d6f86c310d3ded7074c8d_106eadcac3975bf738d01e57e40843d21080x1081_quality99_o_1aorr9teq1c3kmt915f90s193ol resize455x360_e6e652d50e5d6f86c310d3ded7074c8d_2f4ae8d38dd7f518e64f500d179e12c71080x853_quality99_o_1aorr9tep1opre951v7s1mo1qlhj resize577x360_e6e652d50e5d6f86c310d3ded7074c8d_225c9e14072ec28689764339ae45ca681080x673_quality99_o_1aorr9tep1ntso5q1hqe1od6oah resize581x360_e6e652d50e5d6f86c310d3ded7074c8d_294cbd872e42cce7542cebaae3f8c91f1080x669_quality99_o_1aorr9tep1v891s3rqc6ecasfhg

care e cari, su questa vicenda – come su altre in Turchia – c’è in Italia un terribile silenzio. Come scriveva Roberta Zunini – su “Il fatto quotidiano” del 29 luglio, unico articolo apparso su un quotidiano italiano – non era mai capitato che qualcuna/o finisse in cella con l’accusa di essere del PKK a causa dei propri DIPINTI… Ovviamente i quadri e i fumetti sono un pretesto e il terrorismo un’invenzione del regime turco: sarebbe stato meno furbo accusarla apertamente di aver denunciato gli abusi contro le donne, sia turche che curde, in un Paese con un triste record di femminicidi. Qui in “bottega” ci eravamo chiesti, a fine luglio, se si poteva “sfruttare” giornalisticamente il paradosso dell’arresto “con reato di pittura” per parlare di Zehra e di tutte le altre, di tutti gli altri sotto la feroce repressione di Erdogan. Speravamo che qualche giornalista prima o poi sollevasse il caso anche in Italia. FINORA TUTTO TACE. Dunque qui in bottega iniziamo a tradurre qualche materiale non italiano ma anche a sollecitarvi: cioè a chiedervi di far circolare questa storia e/o a promuovere iniziative solidali, magari che gruppi di artisti si sentano chiamati in causa da un arresto per “arte terrorista”. Sempre sperando che – MEGLIO PRIMA CHE POI – qualcuno che lavora nei massmedia italiani racconti questa vicenda al “grande pubblico”. (db)

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

4 commenti

  • Giornalisra, artista, donna, libera. Quattro motivi potentissimi per attaccarla ed eliminarla. Il tutto con un complice silenzio dell’Italia che fabbrica ponti. A Messina come sul Bosforo.

  • Francesco Masala

    Sembrava che di Zehra Doğan si fossero perse le tracce, invece qualche giorno fa è apparso su http://bianet.org un articolo che rassicura, Zehra Doğan, nella prigione di Mardin, continua a fare la giornalista.

    Le donne della prigione di Mardin hanno creato un giornale “Özgür Gündem Zindan” (Prigione). L’originale quotidiano Özgür Gündem era stato chiuso il 16 agosto con un’irruzione della polizia nell’edificio dove era ospitato il giornale e la decisione di “chiusura temporanea” della corte è stato riportato dal giornalefilogovernativo Yeni Şafak il giorno prima.
    Zehra Doğan, uno dei redattori dell’agenzia Jinha, e altre donne della prigione di Mardin, hanno creato a mano il giornale di 8 pagine il 12 settembre. Le immagini che accompagnano gli articoli disegnate a mano dalle donne stesse.
    Il titolo del giornale fatto a mano è stato “I prigionieri politici resistono nelle carceri per Ocalan,” e il sottotitolo recita “vivere a Nusaybin (città curda attaccata dall’esercito turco) è un tradimento secondo lo stato turco!”.
    Il giornale di 8 pagine comprende sezioni sulle donne, la politica, la cultura e le arti, l’ecologia e l’attualità, e anche una pagina in lingua curda.
    Özgür Gündem Zindan ha pubblicato anche alcune interviste a donne detenute, ha affrontato argomenti come l’oppressione contro le donne, le detenzioni e le violazioni dei diritti nella prigione, così come lezioni di disegno sulla pagina di cultura e delle arti ed i benefici di prezzemolo e aglio nella pagina sull’ecologia (Ct / DG).
    (tradotto da http://bianet.org/english/women/178859-women-prisoners-create-handmade-newspaper-ozgur-gundem-zindan)

  • Tra le artiste che hanno dedicato una loro opera al progetto Ri/Costruiamo la Casa delle Donne di Kobane abbiamo voluto che fosse presente anche Zehra. Potete trovare la sua opera a pontedonna.org/artisti-per-kobane. Per lei è un modo per uscire dal carcere, per noi un modo per averla vicina in un impegno che è di tutte le donne in lotta e tanto più suo.
    Ci uniamo a voi nel richiedere la restituzione di Zehra Dogan alla libertà e alla lotta delel donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *