Al cinema: dal Belgio alla Germania, passando per l’Italia

(visti da Francesco Masala) un film belga e uno italiano al cinema, entrambi da non perdere, e un bel film tedesco su Raiplay

Grazie ragazzi – Riccardo Milani

una storia di teatro e carcere, come avevano fatto i fratelli Taviani nel 2012 (Cesare deve morire, lì l’autore teatrale era Shakespeare, qui è Beckett).

Antonio Albanese è perfetto nella parte, e si assomiglia molto a Kad Merad, protagonista del film francese, del 2020, di cui Grazie ragazzi è un remake.

il film di Riccardo Milani è semplice, apparentemente, un attore senza un lavoro decente accetta una missione impossibile, quella di far diventare attori una banda di galeotti (bravissimi tutti gli attori).

e ci riuscirà, naturalmente.

come e perché lo scoprirete guardando il film, che farà ridere, pensare e anche emozionare, fino all’ultima scena, è sicuro.

non ve ne pentirete, e vedrete non la Madonna, ma Godot.

buona (beckettiana) visione

https://markx7.blogspot.com/2023/01/grazie-ragazzi-riccardo-milani.html

 

 

Close – Lukas Dhont

(dello stesso regista cercate Girl, non vi deluderà)

due ragazzini, Remi e Leo, come tanti, hanno 13 anni, sono amici, amici per la pelle, è la cosa più normale del mondo.

se non capita che i loro compagni e le loro compagne cominciano a prenderli in giro, a sottolineare che forse sono omosessuali, come un peccato e una punizione.

Leo per dimostrare che lui è “maschio” (infatti inizierà anche a giocare a hockey su ghiaccio, uno sport davvero maschio) si stacca da Remi, lo rifiuta proprio, anche con violenza, davanti a tutti i compagni.

e da lì nasce il dramma.

nonostante i genitori siano bravissimi (la mamma di Remi è Rosetta, dei fratelli Dardenne) le cose vanno per una strada non voluta.

buona (imperdibile) visione

https://markx7.blogspot.com/2023/01/close-lukas-dhont.html

 

 

Il Caso Collini – Marco Kreuzpaintner

un assassinio “politico” 57 anni dopo.

un avvocato di origine turca, al primo caso, contro i migliori avvocati del paese, una missione impossibile, visto che l’assassino (interpretato da Franco Nero) non dice neanche una parola.

un po’ thriller da tribunale, un po’ ricerca storica, nell’abisso delle stragi naziste in Italia, l’avvocato (se fosse in Turchia sarebbe lui a marcire in galera, ma questo è un altro discorso) riesce a capire tutto, insieme ai suoi collaboratori.

la fine è molto amara, ma così vanno le cose.

di Marco Kreuzpaintner avevo visto un gran film, del 2007, Trade, bello e terribile, cercatelo, non ve ne pentirete.

intanto guardate Il Caso Collini, non vi dispiacerà.

buona (antinazista) visione

https://markx7.blogspot.com/2023/01/il-caso-collini-marco-kreuzpaintner.html

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.