194: la legge violata

Appello della campagna nazionale “Libera di Abortire” (*)

A 43 anni dall’entrata in vigore della legge 194 che ha decriminalizzato e regolamentato il diritto all’aborto, non siamo ancora nella condizione di decidere autonomamente e accedere liberamente all’interruzione volontaria di gravidanza, per colpa del numero altissimo di obiettori, delle violenze fisiche e psicologiche, dell’assenza di informazioni chiare e scientificamente corrette e delle amministrazioni anti-abortiste.

Alla luce della situazione allarmante e dei dati drammatici che abbiamo raccolto e che racconteremo approfonditamente qui di seguito, rivolgiamo un appello al Governo italiano, e in particolare al ministro della Salute Roberto Speranza.

Mostra tutto

LA SITUAZIONE IN ITALIA E NEL MONDO

La situazione in Italia



La situazione nel mondo



L’APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE

Alla luce di tutto ciò rivolgiamo un appello al Governo italiano, e in particolare ministro della Salute Roberto Speranza, titolare delle competenze in materia, perché si attivino urgentemente per:

Favorire l’assunzione di nuovi medici non obiettori

Incentivare o disincentivare le Regioni in funzione dell’efficienza del servizio di IVG

Favorire il ricorso alla telemedicina per i colloqui video tra paziente e medico e il rilascio telematico del certificato necessario per l’IVG

Fornire informazioni complete sull’aborto

Rendere obbligatori percorsi di formazione e aggiornamento del personale sanitario

Rendere obbligatori progetti continuativi di informazione su sessualità e affettività nelle scuole

Non restare a guardare. Firma l’appello perché ogni persona in Italia sia davvero libera di accedere pienamente al suo diritto di scelta, perché sia davvero Libera di Abortire.

(*) la campagna nazionale “Libera di Abortire” è promossa da Radicali Italiani insieme a IVG ho abortito e sto benissimo, Non è un veleno, UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti), Giovani Democratici Abruzzo, Giovani Democratici Milano, Si può fare e Take… Action!

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • E’ un ritorno terrificante ad anni tristi, dove le donne morivano per poter abortire. Sulla pelle delle donne i medici obiettori non lo fanno per questioni di coscienza, ma spesso perché è faticoso e per ragioni carrieristiche.

  • Giuseppe Lodoli

    Sono assolutamente contrario alla pena di morte inflitta ai criminali ma anche alla pena di morte inflitta agli esseri umani innocenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.