25 marzo: in piazza contro l’Europa neoliberista

Un articolo di Roberto Ciccarelli (*) e il comunicato della «Piattaforma Sociale Eurostop» (**)

Tre giorni di incontri, dibattiti, forum, flash mob a partire dal 23 marzo in occasione del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma e un corteo da piazza Vittorio alle 11 di sabato 25 marzo. Questo è il programma de «La Nostra Europa. Unita, democratica, solidale», una coalizione che unirà nella Capitale organizzazioni, associazioni e reti italiane ed europee formata da decine di associazioni cattoliche e di sinistra, partiti, sindacati e movimenti come Arci, Cgil, Legambiente, Rifondazione comunista, Sinistra Italiana, Sbilanciamoci, il movimento dell’acqua pubblica o Cobas. Alla mobilitazione contro l’austerità e il neoliberismo europeo si unirà anche un altro drappello di forze che sostengono l’appello «Libertà di movimento-Europe for All» (Esc atelier di Roma, Baobab Experience, Action, Rete della Conoscenza o Tpo di Bologna). Sabato 25 marzo, giorno in cui sfileranno a Roma tutte le possibili sfumature dell’opposizione dalle destre alle sinistre, ci sarà anche il corteo del movimento dei federalisti europei: partirà dalla Bocca della verità e si unirà a quello de «La nostra Europa» al Colosseo.

Il controvertice, in opposizione alla riunione dei capi di stato e ai primi ministri riuniti in Campidoglio venerdì e sabato fino alle 13, si svolgerà principalmente all’università Sapienza, ma anche in altre zone della città: dalla sede della Cgil in via Buonarroti alla città dell’altra economia: è prevista anche la partecipazione del primo ministro greco Alexis Tsipras (Syriza). Previsti anche gli interventi di esponenti di Diem25, il movimento promosso dall’ex ministro dell’economia greco Yanis Varoufakis che sabato 25, a sera, presenterà il suo programma economico al teatro Italia. Parteciperanno, tra gli altri, Luigi De Magistris e Ken Loach. Prevista anche un’assemblea aperta con contadini braccianti migranti e lavoratori della terra. «L’Europa è entrata in un circolo vizioso – ha detto Raffaella Bolini (Arci) in una conferenza stampa organizzata ieri in piazza San Silvestro a Roma – che rischia conseguenze tragiche con l’austerity, disuguaglianze, aumento della disoccupazione e della frustrazione sociale che porta alla creazione di movimenti reazionari, razzisti e nazionalisti. Contro Orban, Salvini e il ritorno delle frontiere degli stati-nazione continuiamo a costruire un campo di forze politiche oltre la frammentazione imperante». «È una manifestazione indispensabile contro l’Ue che ha costituzionalizzato il liberismo, distrugge i diritti sociali e afferma il primato della finanza» ha aggiunto Roberta Fantozzi (Rifondazione).

Ieri il corteo «Contro la Ue, l’euro e la Nato» convocato dalla Piattaforma Sociale «Eurostop», dai «Movimenti e Territori per il No Sociale» e dagli «Studenti in Lotta» per sabato 25 marzo alle 14 è stato autorizzato dalla questura. Partirà da piazzale Ostiense e terminerà alla Bocca della Verità. «È stata respinta la discriminazione nei confronti di questo arco di forze» sostengono i promotori.

25 marzo. Cade la discriminazione sul corteo Eurostop

di Piattaforma Sociale Eurostop

Autorizzato il corteo “Contro la Ue, l’euro e la Nato” convocato dalla Piattaforma Sociale Eurostop, dai Movimenti e Territori per il No Sociale e dagli Studenti in Lotta per sabato 25 marzo.

Una modifica radicale rispetto alla prima richiesta e all’inaccettabile comportamento della questura di Roma, che pretendeva di indirizzare una protesta popolare… tra gli alberi di Villa Borghese.

L’appuntamento è dunque spostato in Piazzale Ostiense, alle ore 14, luogo storico della Resistenza antifascista italiana. Di lì il corteo muoverà attraverso il quartiere di popolare Testaccio per poi concludersi in Piazza Bocca della Verità, nei pressi del Campidoglio. Questo il percorso completo:

Piazzale Ostiense, via Marmorata, via Galvani, via Luca Della Robbia, via Giovanni Branca, via Marmorata, Lungotevere Aventino, Piazza Bocca della verità.

E’ stata così respinta la discriminazione nei confronti di questo arco di forze politiche, sociali e sindacali, grazie alla denuncia politica fatta ieri a Montecitorio e alla compattezza degli organizzatori. Come per tutte le altre manifestazioni, il corteo potrà arrivare nei pressi di uno dei luoghi del vertice a 27. Riteniamo questo un dato politico importante e un primo successo, per cui invitiamo tutti a partecipare alla manifestazione, smentendo così quanti vorrebbero depotenziarla con oscuri messaggi già consegnati alla stampa.

La piattaforma politica della manifestazione, con la lista delle organizzazioni e delle persone aderenti, è consultabile ai seguenti indirizzi:

http://www.eurostop.info/

http://contropiano.org/news/po

(*) Pubblicato sul quotidiano «il manifesto» del 18 marzo

(**) ripreso da contropiano.org; cfr anche “No euro, No Ue, No Nato!”. Intervista a Giorgio Cremaschi | Contropiano di Redazione Radio Città Aperta

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.