A 25 anni dalla morte misteriosa (neanche tanto) di Tarzan Sulic

di Gianni Sartori


Ci sono storie che uno magari preferirebbe rimuovere, seppellire. Eppure – di tanto in tanto – alcuni nomi tornano fatalmente alla mente: Sara Gesses, Paolo Floriani, Soledad Rosas…per esempio.

Oppure «Tarzan» …ve ne parlo per non dimenticare.

Il 23 settembre 1993 Tarzan Sulic, bambino «zingaro» di 11 anni moriva nella caserma di Ponte Brenta (Padova) per un colpo della beretta 92s in dotazione al carabiniere Valentino Zantoni. Lo stesso ha ferito – quasi mortalmente trapassandola al torace – la cuginetta Mijra.
Su questa morte, definita «omicidio di Stato» da radio Sherwood (di Padova) all’epoca si era cercato di stendere un velo poco pietoso, una «copertura» istituzionale della verità in cui «magistrato, giornali, TV e colonnelli dell’arma hanno giocato il loro ruolo». Questo sosteneva il Comitato di controinchiesta che a Padova si era mosso con impegno e determinazione per mantenere aperta l’attenzione.
Al Comitato avevano aderito decine di gruppi, associazioni, singoli che avevano partecipato alla realizzazione di un video per raccogliere gli elementi della controinchiesta.
Il Comitato aveva messo in discussione la versione ufficiale, quella data per buona dal PM. dottor Cappellari secondo cui un bambino di 11 anni sarebbe stato in grado di disarmare un ex parà nello spazio di 70 cm e poi, lottando con il carabiniere alto 1.90, caricare la pistola e spararsi addosso.
«Attualmente – scriveva all’inizio del 1994 il Comitato – il carabiniere in questione è stato sospeso e trasferito, unicamente a sua tutela, non è ufficialmente ancora indagato, mentre la famiglia dei due bambini nomadi ha dovuto spostarsi di molti chilometri, viste le pesanti attenzioni dei tutori dell’ordine».
Ma gli aderenti al Comitato erano molto critici anche con la stampa che avrebbe «letteralmente banchettato sulla storia del “piccolo ladro”».
Delusione soprattutto nei confronti degli articoli dell’Unità che non si era fatta scrupolo di usare epiteti puramente spettacolari (come «Tarzan di nome e di fatto») che convalidavano, dandola per scontata, la versione di giudici e carabinieri. Dato che in proposito erano sorti equivoci, colgo l’occasione per dichiarare che il sottoscritto non aveva nessuna parentela nè tanto meno affinità ideologica con il corrispondente padovano dell’organo dell’allora PDS, Michele Sartori.
Invece quelli del Comitato si battevano per ristabilire la verità, perchè «dietro a questa tragedia c’é una ben precisa cultura dominante, quella del razzismo, pianificato con leggi e coperture». Come nel caso per tanti versi analogo di Paolo Floriani (Vicenza, 1987) il comportamento di polizia e carabinieri nei confronti di «zingari» e immigrati rivelava di essere solo uno degli effetti di questa “cultura” diffusa. Alcuni esponenti del Comitato mi avevano dichiarato che in base ai dati da loro raccolti «i due bambini sono stati chiusi in cella e violentemente percossi».
Inoltre «le macchie di sangue, i fori sui corpi dei bambini, la perizia balistica, rivelavano che il colpo va dall’alto verso il basso». E ancora: «Quanto alle tracce di polvere sulle mani di Tarzan (secondo la perizia del guanto di paraffina NDA) possono significare che ha tentato di proteggersi il viso al momento dello sparo».
Un altro elemento prodotto dalla controinchiesta era che la pistola (una 92s) è dotata di più sicure; per essere caricata con il colpo in canna ha bisogno di una pressione sul carrello di oltre sette chili e per premere il grilletto, coperto da sicura, ce ne vogliono più di cinque. Inoltre, come poteva scorrere il carrello se (stando alle dichiarazioni dei carabinieri) il bambino impugnava l’arma almeno da una parte? E chi mai sarà stata la persona che si era presentata all’ospedale pretendendo la consegna del proiettile estratto dal corpo di Mijra? Tutto questo, oltre a smontare la versione ufficiale, alimentava dubbi inquietanti. Se il carabiniere voleva solo intimidire il bimbo, perché oltre a estrarre la pistola e puntarla addosso a Tarzan ha anche messo il colpo in canna, togliendo tutte le sicure?
Grazie all’opera del Comitato era anche sembrato che la Procura (dopo aver dichiarato che la versione dell’unica testimone, la bambina – secondo la quale il carabiniere avrebbe sparato a Tarzan – era «inattendibile») avesse avuto l’intenzione di far marcia indietro. Addirittura si era parlato di una possibile incriminazione del carabiniere per «omicidio preterintenzionale». Fonti accreditate spiegavano questo cambiamento di rotta con nuove deposizioni rese dal militare. Avrebbe riconosciuto che al momento dello sparo l’arma si trovava saldamente impugnata nelle sue mani. «Qualora tutto questo dovesse essere confermato – dichiarava il Comitato di controinchiesta – prende corpo una realtà atroce che va anche al di là delle ipotesi da noi formulate».

Da allora è calato il silenzio.Soprattutto non si è più accennato all’ipotesi peggiore (che comunque sembrava aleggiare): quella di omicidio intenzionale.

 

SUL CONTESTO NEL QUALE INQUADRARE QUESTA VICENDA ATROCE (E INSABBIATA, COME ACCADE QUASI SEMPRE) VEDI Canzoni contro la guerra – Quando li toccano

MA COSA SONO LE «SCOR-DATE»? NOTA PER CHI CAPITASSE QUI SOLTANTO ADESSO.

Per «scor-data» qui in “bottega” si intende il rimando a una persona o a un evento che il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna deformano, rammentano “a rovescio” o cancellano; a volte i temi possono essere più leggeri ché ogni tanto sorridere non fa male, anzi. Ovviamente assai diversi gli stili e le scelte per raccontare; a volte post brevi e magari solo un titolo, una citazione, una foto, un disegno. Comunque un gran lavoro. E si può fare meglio, specie se il nostro “collettivo di lavoro” si allargherà. Vi sentite chiamate/i “in causa”? Proprio così, questo è un bando di arruolamento nel nostro disarmato esercituccio. Grazie in anticipo a chi collaborerà, commenterà, linkerà, correggerà i nostri errori sempre possibili, segnalerà qualcun/qualcosa … o anche solo ci leggerà.

La redazione – abbastanza ballerina – della bottega

DI SOLITO LE “SCOR-DATE” ESCONO A RIDOSSO DELL’ANNIVERSARIO; IN QUESTO CASO ARRIVA CON UN LIEVE RITARDO PER MOTIVI “TECNICI” (problemi in “bottega” di connessione, di fatica e di organizzazione). MA CI SEMBRAVA IMPORTANTE RICORDARE, SOPRATTUTTO IN TEMPI DI MINISTRI “PISTOLERI” E DI MASSMEDIA SEMPRE PIU’ ALLINEATI CON LA “RAGION DI STATO” (db)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Rispondi a Giuseppe Lodoli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.