Abd al-Rahman III che fece di Cordova il centro del mondo

di Daniela Pia

Quando il 16 ottobre del 961 morì Abd al-Rahman III – fondatore del califfato omayyade di al-Andalus (come gli arabi chiamarono la penisola iberica) – si concluse un’epoca di tolleranza, ospitalità e grande progettualità. Divenuto emiro nel 912, in un periodo di grave crisi, Abd al-Rahman III fu capace di placare i numerosi focolai di caos, ripristinando l’autorità dell’emirato. Impose la sua autorità sui regni cristiani spagnoli facendone uno dei centri intellettuali del mondo musulmano: la biblioteca reale fu luogo di incontro e diffusione del sapere del tempo con 400.000 volumi a raccontare la cultura di un’umanità variegata. Cordova divenne il centro intellettuale dell’Occidente, punto d’incontro dei dotti ebraici i quali – protetti anche se non erano musulmani – godevano di ampi spazi per il commercio e totale libertà di movimento. Il mondo islamico considerava sia gli ebrei che i cristiani come dhimmi (protetti in quanto “gente del libro” cioè credenti nello stesso Dio) e consentiva loro di praticare la propria religione più liberamente di quanto non facessero i cristiani con i mori e con i giudei.

Il regno di Abd al-Rahman III fu foriero di una vera e propria rivoluzione culturale: venne varato un piano di ristrutturazione e abbellimento che fece di Cordova la città più civilizzata e moderna d’Europa; si creò una rete idrica che rese disponibile l’acqua per una città di mezzo milione di abitanti; furono costruiti magnifici palazzi, alberghi, scuole e sorsero numerosi bagni pubblici.

Quando nel 936 Abd al-Rahman III fondò la città di Az Zara, dedicata alla memoria della moglie, il nuovo sito divenne un luogo da sogno per l’armonia dell’architettura e per i sontuosi giardini, tanto da essere poi definita «la Versailles degli Omayyadi».

Ed è ad Az Zara che visse il medico Albucasis, prestigiosa figura che contribuì al progresso delle scienze mediche in tutto l’Occidente e nel nord Africa. 

Al Andalus – il regno – si frantumò alla sua morte. Finì così un’incredibile epoca di tolleranza, di arte e di cultura. Ma è bene ricordare che la convivenza fra genti di etnie e religioni diverse è stata possibile e può esserlo sempre. Abd al-Rahman III è fra coloro che possono indicare la strada.

MA COSA SONO LE «SCOR-DATE»? NOTA PER CHI CAPITASSE QUI SOLTANTO ADESSO.

Per «scor-data» qui in “bottega” si intende il rimando a una persona o a un evento che il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna deformano, rammentano “a rovescio” o cancellano; a volte i temi possono essere più leggeri ché ogni tanto sorridere non fa male, anzi. Ovviamente assai diversi gli stili e le scelte per raccontare; a volte post brevi e magari solo un titolo, una citazione, una foto, un disegno. Comunque un gran lavoro. E si può fare meglio, specie se il nostro “collettivo di lavoro” si allargherà. Vi sentite chiamate/i “in causa”? Proprio così, questo è un bando di arruolamento nel nostro disarmato esercituccio. Grazie in anticipo a chi collaborerà, commenterà, linkerà, correggerà i nostri errori sempre possibili, segnalerà qualcun/qualcosa … o anche solo ci leggerà.

La redazione – abbastanza ballerina – della bottega

 

Daniela Pia
Sarda sono, fatta di pagine e di penna. Insegno e imparo. Cammino all' alba, in campagna, in compagnia di cani randagi. Ho superato le cinquanta primavere. Veglio e ora, come diceva Pavese :"In sostanza chiedo un letargo, un anestetico, la certezza di essere ben nascosto. Non chiedo la pace nel mondo, chiedo la mia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.