Armi: strani viaggi fra Domusnovas, Piombino e Port Said…

Rwm, lo strano viaggio. Dov’è finito il carico? L’intervento della Difesa nasconde una commessa americana?

di Roberto Cotti

 

Venerdì 30 giugno, pomeriggio: alcuni Tir lasciano lo stabilimento della Rwm Italia S.p.A. di Domusnovas, in Sardegna. E’ l’azienda che produce le famigerate bombe serie MK che da due anni fanno strage di civili nello Yemen. E l’export di tali ordigni viene autorizzato dal nostro Governo. I Tir sono scortati dai Carabinieri e il viaggio sarà lungo e attraverserà tutta la Sardegna, coi rischi che si possono ben immaginare: 270 Km, fino al porto industriale di Olbia. Qui si imbarcheranno sul cargo “Giuseppe S.A.” della compagnia Moby S.p.A. Alle ore 22 circa la nave lascerà l’Isola con direzione Piombino, dove arriverà alle ore 7.04 del primo luglio.

Che fine ha fatto il carico?

Una prima ricostruzione, agevolata da alcune indiscrezioni, vuole che il carico abbia preso la direzione di Genova, su strada, per un imbarco finale sulla “Maersk Taurus”, nave container-ship costruita nel 2008 che naviga attualmente sotto bandiera di Singapore (lunghezza totale di 332 m e larghezza massima di 43 m, stazza lorda di 94.193 tonnellate). La nave è poi partita da Genova alle 18.33. Il suo arrivo, previsto in Egitto (nazione che fa parte della coalizione militare che sta bombardando lo Yemen, guidata dall’Arabia Saudita), a Port Said per il 3 luglio, si è invece concretizzato nella giornata successiva.

Attualmente la nave è ferma in una banchina di Port Said (è stato ipotizzato che il materiale potesse proseguire, sempre su nave, attraverso lo stretto di Suez, per arrivare a Gedda, in Arabia Saudita, laddove già in passato i carichi Rwm sono approdati dopo essere partiti dal porto industriale di Cagliari).

E se invece fosse Livorno? Tra Piombino e Livorno corrono 88 Km, poco più di un’ora di viaggio. Il carico potrebbe essere finito proprio qui. Ma perché Livorno? Facciamo una pausa e soffermiamoci su una cronaca del Manifesto del 14 aprile 2017 (a firma Manlio Dinucci). Titolo: “Da Camp Darby armi USA per la guerra in Siria e Yemen”. Per le parti di nostro interesse, ecco la cronaca: “Si chiama «Liberty Passion» (Passione per la Libertà). È una modernissima, enorme nave statunitense di tipo Ro/Ro. La nave, appartenente alla compagnia statunitense «Liberty Global Logistics», ha fatto il suo primo scalo il 24 marzo nel porto di Livorno. Prende così via ufficialmente un collegamento regolare tra Livorno e i porti di Aqaba in Giordania e Gedda in Arabia Saudita, effettuato mensilmente dalla «Liberty Passion» e dalle sue consorelle «Liberty Pride» (Orgoglio di Libertà) e «Liberty Promise» (Promessa di Libertà). L’apertura di tale servizio è stata celebrata come «una festa per il porto di Livorno». Nessuno dice, però, perché la compagnia statunitense abbia scelto proprio lo scalo toscano. Lo spiega un comunicato dell’Amministrazione marittima Usa (4 marzo 2017): la «Liberty Passion» e le altre due navi, che effettuano il collegamento Livorno-Aqaba-Gedda, fanno parte del «Programma di sicurezza marittima» che, attraverso una partnership tra pubblico e privato, «fornisce al Dipartimento della difesa una potente, mobile flotta di proprietà privata, con bandiera ed equipaggio statunitensi». Le tre navi hanno ciascuna «la capacità di trasportare centinaia di veicoli da combattimento e da appoggio, tra cui carrarmati, veicoli per il trasporto truppe, elicotteri ed equipaggiamenti per le unità militari».

È dunque chiaro perché, per il collegamento con i due porti mediorientali, la compagnia statunitense abbia scelto il porto di Livorno. Esso è collegato a Camp Darby, la limitrofa base logistica dello U.S. Army, che rifornisce le forze terrestri e aeree Usa nell’area mediterranea, mediorientale, africana e oltre. E’ l’unico sito dell’esercito Usa in cui il materiale preposizionato (carrarmati, ecc.) è collocato insieme alle munizioni: nei suoi 125 bunker vi è l’intero equipaggiamento di due battaglioni corazzati e due di fanteria meccanizzata. Vi sono stoccate anche enormi quantità di bombe e missili per aerei, insieme ai «kit di montaggio» per costruire rapidamente aeroporti in zone di guerra. Questi e altri materiali bellici possono essere rapidamente inviati in zona di operazione attraverso il porto di Livorno Nel suo viaggio inaugurale – riportano documentate fonti (AsiaNews e altre) – la «Liberty Passion» ha trasportato 250 veicoli militari da Livorno al porto giordano di Aqaba dove, attraversato il Canale di Suez, è arrivata il 7 aprile. A questa e altre operazioni belliche, tra cui la guerra saudita che fa strage di civili nello Yemen, servono le armi Usa che partono da Livorno”.

Le ipotesi

Torniamo ora alle ipotesi investigative che stanno prendendo piede in queste ore. La prima domanda che ci siamo fatti è se per caso, in coincidenza con lo sbarco del carico Rwm a Piombino, nel porto di Livorno, fosse ormeggiata una delle navi della flotta Liberty Global Logistics LLC (società di trasporto e logistica multifunzione basata negli Stati Uniti), di cui ha riferito Dinucci nei mesi scorsi. Siamo quindi andati a verificare. BINGO!

La nave LIBERTY PASSION è una nuovissima nave cargo-ship, naviga sotto bandiera USA. Lunghezza totale di 199 m, larghezza massima pari a 32 m e stazza lorda di 58.107 t. E il 29 giugno approda Livorno. Non è stato difficile riuscire a scoprire quando è partita: il primo di luglio, intorno alle 16.08. Destinazione? Il 12 luglio se ne prevede l’arrivo in Arabia Saudita. Dove? Sempre a Gedda. Lo dice la compagnia americana nel piano viaggi della sua flotta… Da lì, in poco più di 2 ore di strada, il carico potrebbe arrivare a destinazione: la base aerea della Royal Saudi Air Force di Taif. Da dove partono gli aerei che da oltre 2 anni bombardano lo Yemen.

Il quadro finale

Allo stato attuale sono due le ipotesi. La prima è riferibile alle indiscrezioni inizialmente raccolte e quindi al trasporto del carico Rwm a Genova, per un imbarco sulla Maersk Taurus. Destinazione Port Said e, via Suez, arrivo finale nel porto di Gedda. Un percorso già seguito dalla Rwm e documentato in passato. La seconda, quella appena documentata, nasce da uno strano “incidente” di percorso. E qui un passo indietro è necessario. Dopo il trasbordo del carico Rwm da Olbia a Piombino alcune testate giornalistiche hanno ripreso le denunce e le critiche dei pacifisti e dei parlamentari (io tra questi). Le critiche si sono concentrate sull’azienda di Domusnovas e soprattutto sul Governo italiano, che continua ad autorizzare l’export degli armamenti Rwm in Arabia Saudita, un vero e proprio commercio di morte. Ora, mentre l’azienda e il Governo non hanno aperto bocca per replicare alle nuove accuse, ecco invece saltare improvvisamente fuori un comunicato della Moby S.p.A., la società che ha traghettato il carico da Olbia a Piombino. C’è un passaggio interessante nel comunicato, di assoluta novità, che vale la pena riportare. Dice la Moby: “Il trasporto è stato effettuato su precisa richiesta del Ministero della Difesa”. Oplà!

Le domande

Prima domanda: come mai su questo carico è intervenuta la Difesa? E poi, soprattutto, a quale titolo? Questo è un passaggio importante, dirimente. L’unico titolo che avrebbe potuto avere la Difesa è quello del diretto interesse verso la “merce”. E’ così? Erano armamenti commissionati dalla Difesa italiana per le proprie Forze armate? La nostra Difesa si è forse rifornita dalla Rwm? E perché, nel caso, con tutta quella fretta? Perché percorrere 300 chilometri e attraversare la Sardegna quando il carico poteva partire tranquillamente da Cagliari, senza correre alcun rischio? Sappiamo bene cosa produce la Rwm: bombe d’aereo e da penetrazione, missili, siluri, mine marine. Scarseggiano alla Difesa tali ordigni? Stiamo per entrare d’urgenza in guerra, a nostra insaputa? Improbabile. Ad ogni modo, se così non dovesse essere, non si giustificherebbe l’intervento della Difesa. In attesa di una smentita su quanto riportato nel comunicato stampa della Moby S.p.A, qualche altra domanda bisogna pur farsela. Ora, se la Difesa non aveva interessi diretti sul carico Rwm, non è che altri, diciamo alleati, diciamo Forze armate USA, oppure d’Arabia, si sono rivolti alla Difesa affinchè intercedesse con l’armatore privato? E’ andata così? Se ciò fosse vero si spiegherebbero molte cose. Ad iniziare dall’ostinazione del nostro Governo a non voler revocare l’autorizzazione all’export di armamenti prodotti in Italia e diretti a paesi in conflitto, armi che come sappiamo vengono usate sulla testa dei civili yemeniti (oltre 10mila le vittime, la metà delle quali sono donne e bambini) come abbondantemente e più volte dimostrato sul posto dalla stampa internazionale e dalle organizzazioni non governative. E sarebbe ancor più imbarazzante, magari, scoprire che questa commessa Rwm – su cui sarebbe impropriamente intervenuta la nostra Difesa – non è arrivata dall’Arabia Saudita, ma piuttosto dalle United States Armed Forces, le Forze armate degli Stati Uniti d’America. Le stesse che curano la formazione delle forze armate dell’Arabia Saudita. Dove? Semplice, a Taif . Tutto questo merita una bella interrogazione parlamentare? Io dico di sì.

LA VIGNETTA – scelta dalla redazione della “bottega” – è di VINCENZO APICELLA

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • Ringraziamo per l’attenzione e facciamo presente che già dal 5 luglio e poi ancora fino ad oggi la cronaca da voi ripresa ha avuto degli sviluppi e aggiornamenti. Che potete riscontrare nella pagina Fb di Roberto Cotti.
    https://www.facebook.com/robertocottisenato/posts/1210473399097146
    Distinti saluti

  • Francesca Este

    Trovo questo atteggiamento estremamente ipocrita. Qualsiasi vendita o movimento di armi è munizioni sul territorio nazionale deve essere autorizzato dal Ministero della Difesa e mi sembra il minimo. Nell attesa che qualcuno abbia la spudoratezza di dichiarare che in questo mondo le Forze Armate non servono, faccio notare che l industria bellica per averla disponibile quando potrebbe servire al Paese bisogna tenerla viva. Non la si tiene certo viva con gli acquisti minimali delle nostre Forze Armate ma con le commesse di terzi. Secondo lei chi mai comprerà armi e munizioni? I paesi dove non c è guerra? Il controllo dello Stato, quello che lei prima voleva far passare per scoop, si deve semmai esercitare in modo tale che armi e munizioni non siano vendute a soggetti poco raccomandabili. Arabia Saudita e Stati Uniti non rientrano in questa categoria dato che sono nostri alleati. Poi potremmo discutere se questo loro status derivi piuttosto dall averci sconfitti in guerra o dal tenerci per le palle con il petrolio ma nell attesa di riaccendere il secondo conflitto mondiale o di inventare le auto ad acqua la invito ad una maggiore responsabilità e coerenza…. Se poi preferisce buttarla sull ideologico buona fortuna. Le ideologie, per come la vedo io, sono il travestimento delle potenze egemoni per imbrogliare la povera gente. Ultima considerazione. Al momento in Sardegna ci sono un ottanta di minatori asserragliati in una vecchia miniera di bauxite in lotta per non perdere il posto di lavoro. Magari potrebbe invitare gli operai della RWM ad unirsi a loro. Immagino entusiastiche adesioni.

Rispondi a Massimo Manca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.