Brasile: morbillo militare o politico per gli yanomami?

Una nota di Loretta Emiri, grande studiosa che ha vissuto a lungo con il popolo yanomami.

di Loretta Emiri (*)

Il Segretariato della Sanità di Roraima, lo stato più a nord del Brasile, ha dato notizia di 272 casi di morbillo e del decesso di quattro persone. A morire sono stati tre venezuelani e un indigeno yanomami. Altri 422 casi sono sospetti, non ancora confermati. La maggior parte delle occorrenze riguarda pazienti venezuelani (191) e brasiliani (70), oltre a un guianese e un argentino. L’incidenza maggiore si ha nella capitale Boa Vista e nelle città di Amajari e Pacaraima, nella frontiera con il Venezuela. L’epidemia ha raggiunto lo stato di Amazonas, con 444 casi accertati e un decesso; poi è arrivata fino agli stati di Rondônia, Rio de Janeiro, San Paolo, Rio Grande do Sul, totalizzando 670 casi in tutto il paese.

La malattia era stata sradicata; nel 2016 il Brasile aveva ricevuto il certificato di eliminazione del virus dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La prima diagnosi del suo ritorno è avvenuta nel febbraio scorso, in un bimbo venezuelano di un anno che abitava con i genitori e decine di altri connazionali in una piazza nel centro di Boa Vista. Dopo l’identificazione, un’estesa azione di vaccinazione è stata realizzata in piazze e accampamenti per immigrati per tentare di contenere l’avanzata della malattia nello stato di Roraima, che sta ricevendo un sempre crescente numero di fuggitivi dal Venezuela. Analisi realizzate dalla Fondazione Osvaldo Cruz, laboratorio di referenza del Ministero della Sanità, confermano che il virus è importato ed è associato al massiccio esodo di venezuelani verso il Brasile.

La difficile crisi politica, sociale ed economica in corso in Venezuela, e l’avvio di progetti di grande impatto ambientale sui loro territori tradizionali (estrazione mineraria e petrolifera, costruzione di strade e infrastrutture), ha provocato l’esodo di varie etnie, soprattutto dei warao. Sono le popolazioni indigene le più penalizzate dalle conseguenze di scelte politiche fatte in nome di uno sviluppo selvaggio, il cui vero risultato è quello di distruggere la natura, provocare catastrofi ambientali e umane, arricchire chi è già spudoratamente ricco. Malattia altamente contagiosa, di trasmissione respiratoria, causata da virus, il morbillo aveva già duramente colpito il popolo yanomami negli anni settanta, durante la costruzione della strada Perimetrale Nord, voluta (e mai completata) dai militari brasiliani. Il territorio tradizionale degli yanomami è quello di cui Brasile e Venezuela si sono impossessati, spartendoselo. Oggigiorno, a riproporre la tragedia agli yanomami e agli altri gruppo indigeni dell’area, sono i mostruosi progetti di cosiddetto sviluppo dei politici venezuelani.

(*) tratto da Pressenza

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Riflessioni importantissime; mi viene in mente una analogia con la “spagnola” ovviamente , al momento attuale in scala ridotta dal punto di visto numerico; che esodi, guerre, cataclismi creassero le condizioni per virulentazioni ed epidemie è evidente da tempo; virus e batteri subiscono certamente mutazioni anche spontanee (difficili o impossibili da prevenire dunque) ma anche “artificiali” dovute a disastri causati dall’uomo;
    la notizia delle vittime yanomani da morbillo era già circolata negli ultimi mesi; occorrerebbe saperne di più anche sollecitando esperti, epidemiologi , antropologi ma in particolare le organizzazioni umanitarie storiche come Msf , Emergency e altre; se si potesse costruire un gruppo di studio…
    Grazie a Loretta Emiri per queste riflessioni.

    Vito Totire

Rispondi a vito totire Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *