Come la banana ha cambiato il mondo

Un video che parla di sfruttamento, omicidi, corruzione, furti di terra, colpi di stato e tanto altro in America centrale.

di Giorgio Trucchi (*)

 

Sapete che con la buccia di banana potete lucidarvi le scarpe? Ebbene si. Sapete anche che dalle banane fermentate si può ricavare la birra? Provare per credere. Ci sono altre migliaia di cose che potete fare grazie al frutto giallo ma…il video parla di questo? Non proprio.

Il mondo non è cambiato producendo la birra alla banana ma esportando questo frutto in tutto il mondo. E’ una storia che parla di sfruttamento, omicidi, corruzione, furti di terra, colpi di stato e tanto altro. Tutto questo, ancora oggi, ha lasciato i segni in diversi paesi dell’America Latina. Grazie all’intervento di alcuni esperti, mi sono fatto spiegare un po’ come funzionano le cose“.

Daniele Puggioni, filmaker, non ha solo ripercorso la storia, le origini e la diffusione delle piantagioni di banane in America Centrale e Colombia, ma anche (e soprattutto) l’impatto drammatico che le politiche agroindustriali imposte da Stati Uniti ed Europa a questi paesi, con la complicità di governi e  oligarchie nazionali compiacenti e colluse, hanno avuto su intere popolazioni.

Ancora oggi, repressione, perdita di diritti, militarizzazione e perdita di territori e della vita sono solo alcuni degli aspetti che si nascondono dietro l’immagine patinata delle gialle banane che arrivano sulle nostre tavole.

Il video si è avvalso della partecipazione di Giorgio Trucchi, corrispondente di Rel UITA in America Centrale, Ahraxa-Tzel Mayorga Hernández, assessore della Federazione dei Sindacati dei Lavoratori dell’Agroindustria (Festagro) e del Sindacato dei Lavoratori dell’Agroindustria e Simili (STAS) e di Gloria García della direttiva centrale di Festagro.

Potete vedere il video QUI sotto

(*) Fonte: Peacelink
Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.