COSTUMI STRANI, AI VERTICI

di Pabuda


TABELLA CON ELEFANTE

 

il capo s’avvicina al capetto

e nell’orecchio,

con un briciolo d’ansia,

gli sussurra:

“ma ce l’hai una tabella?”.

sottinteso: “dammela!”.

essendo un vecchio passacarte

d’esperienza

io so bene che il capo pensa

solo e sempre a quella.

so pure che agli altri capi –

che stanno

al piano un po’ più in alto –

come sua la venderà.

e a caro prezzo.

in fondo, lo capisco: quella…

è gente pronta a sgozzarsi

per una buona tabella.

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *