De Falco, Higashino, Morchio e mix di Natale

recensioni giallo-noir di Valerio Calzolaio (*)   

Trieste. Una settimana di fine settembre 2012. Un’anziana magra signora ebrea è annegata, il commissario Ettore Benussi dice incidente, l’ispettore Elettra Morin sospetta giustamente omicidio. Lui è alto grosso grasso (sui 110 ma ora prova la Dukan), a 7 anni dalla pensione (quando scriverà gialli), di umili origini e presto orfano, sempre più pigro, figlia ribelle. Lei è giovane abile coraggiosa, non bella ma grintosa, sta preparando il concorso, sempre tesa e addolorata, adottata da bimba, amata dal biondo femmineo smilzo collega napoletano Valerio Gargiulo. La morta era Ursula Cohen, perfida avara maligna, in tanti (almeno 7) avrebbero voluto o dovuto e potuto, prendendola a calci dopo il teatro per poi gettarla in mare. Tutto ruota intorno alla villa. L’esordio letterario del canuto pseudonimo Roberta De Falco («Nessuno è innocente», Sperling & Kupfer 2013, pagg. 304 per euro 16,90) in terza varia, ha come filo famiglie adottive e conflitti generazionali sia del passato che del presente friulano, vite segnate da tragedie, kapò giardinieri badanti migranti frati. Ci saranno altri casi. Suoneria con «Bolero» di Ravel e Tartare di salmone.

Tokyo. Fine autunno 2007. E’ stato avvelenato con acido arsenioso nel caffè l’affascinante bel ricco (anche per eredità) imprenditore informatico Yoshitaka Mashiba, ormai poco oltre i quaranta anni, alla disperata ricerca di una donna che l’avesse potuto rendere padre. Sul delitto perfetto investigano i soliti tre: il single Kusanagi, esperto appesantito detective della Polizia metropolitana, un poco obnubilato dalla vedova; l’intraprendente graziosa recluta Karou Utsumi; il fisico amico e consulente, freddo e distaccato, in buona forma (badminton) Munabu “Galileo” Yukawa. Tutti sembrano avere alibi inattaccabili; l’incantevole moglie Ayane (insegnante e artista di tecniche di patchwork) a centinaia di chilometri, la bellissima amante Hiromi (da anni assistente e allieva di Ayane) incinta del morto, gli amici. E una ex si era pure suicidata un paio d’anni prima. Il criminale trucco è particolarmente intelligente e paziente. Chi legge il lento ben congegnato romanzo del 55enne famoso giapponese Keigo Higashino («L’impeccabile», Giunti 2013, pagg. 3330 per euro 12,90) in terza varia, conosce subito l’assassino ma non se ne dispiace. Beatles.

Autori Vari (antichi e moderni)

«Gialli di Natale»

Einaudi

304 pagine, 16 euro

 

Per Natale escono spesso raccolte di racconti ossimori, di genere poliziesco e nero. Con garbata utile prefazione dell’ottima Margherita Oggero arrivano in libreria i «Gialli di Natale»per Einaudi: omicidi (Erkmann-Chatrian, Stout, Agatha Christie, Fred Vargas), misteri (Amelia Edwards, Hume, White), furti (Catherine Hardy, Conan Doyle, Chesterton, Queen). La creatrice del mitico Jean-Baptiste Adamsberg è l’unica vivente ancora, tuttavia i dodici testi (la metà dell’Ottocento, perlopiù già editi) sono ancora tutti godibili.

 

Genova. Febbraio 2013. Si sta per votare alle elezioni. L’ormai 60enne Bacci Pagano, abitudinario investigatore (pipa e whisky torbato, Mozart e rosso, vespa e maggiolino), alto e incicciato, ateo genoano e quasi comunista, viene chiamato dal vecchio amico di liceo Cesare Almansi, a sorpresa candidato senatore per il Pd, avvocato dei deboli, da sempre militante nei movimenti. Ha ricevuto telefonate minacciose, chiede aiuto e protezione. Bacci capisce subito che c’è qualcosa che non quadra, anche se ha il cuore in tumulto, si innamora. Lou, responsabile dell’ufficio stampa, occhi azzurri e capelli biondi, è uno schianto. E vanno pure subito a letto insieme, lei pensando presto ad altro, lui cotto. Bacci viene malmenato, forse ci sono di mezzo i traffici di rifiuti o le speculazioni edilizie. Poi scopre che la sorella di Lou tanto tempo prima stava con Cesare e fu uccisa; l’amico gli ha tenuto nascosto cose importanti, lo sta usando. Ancora passato e futuro nel bel presente politico di Bruno Morchio («Lo spaventapasseri», Garzanti 2013, pagg. 242 euro 16,60), in prima nonostante tutto. Segnalo Boccadasse. Musiche e cene all’altezza.

(*) Le recensioni di Valerio Calzolaio escono in prima battuta sul settimanale «Il salvagente». (db)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.