“Gentiloni” questi Sauditi

di Tommaso Di Francesco (*)

MauroBiani-arabiaSaudita

In Arabia Saudita è stata tagliata la mano ad una donna di 55 anni, Kashturi Munirathinam che, immigrata dall’India, lavorava come domestica in una famiglia benestante saudita che la maltrattava in ogni modo, fino a negarle il cibo. Dopo mille sofferenze, ha tentato di fuggire: la «ribellione» è stata punita con il taglio della mano.

Sempre in Arabia Saudita — dove dal 1985 al 2005 son state eseguite 2.200 condanne a morte e da gennaio ad agosto 2015 ben 130 esecuzioni capitali — langue in carcere il blogger Raif Badawi condannato a dieci anni di galera e a mille frustate — 50 già comminate davanti a una folla plaudente — per avere fondato un forum online di dibattito.

E cresce la protesta internazionale per il caso di Ali an-Nimr, il giovane di 21 anni condannato a morte per avere manifestato a favore di un imam sciita incarcerato. Intanto non passa giorno che i raid sauditi non massacrino civili in Yemen (nel silenzio generale) come ieri quando è stato centrato un matrimonio e le vittime non si contano.

Un’Italia decente e indipendente invierebbe almeno una nota di protesta.

Così lo chiediamo al ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni: com’è possibile che l’Arabia Saudita faccia parte della «nostra» coalizione, quella dei «buoni», nella guerra contro il feroce Isis?

(*) pubblicato sul quotidiano «il manifesto» del 10 ottobre.La vignetta è del sempre bravissimo Mauro Biani.

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.