Glenn Greenwald intervista Evo Morales

intervista tratta dal sito https://theintercept.com

Il 10 novembre, Evo Morales, che è stato presidente della Bolivia per 13 anni e ha permesso una straordinaria crescita economica e una riduzione della disuguaglianza elogiata anche dai suoi critici, ha annunciato che rassegnava le dimissioni alla presidenza sotto coercizione, con minacce implicite da parte dell’esercito boliviano . Morales in seguito ha chiarito di aver visto questi eventi come un classico colpo militare di destra del tipo di quelle che hanno afflitto il continente per decenni, spiegando che è stato rimosso dalla presidenza con la forza e poi alla fine è stato costretto da un ammutinamento della polizia e minacce militari a fuggire dal suo stesso paese.

Morales è andato in Messico, dove gli è stato concesso l’asilo politico, e da allora ha vissuto in sicurezza a Città del Messico (all’inizio di questa settimana gli è stato concesso lo status di rifugiato in Argentina). Il 3 dicembre mi sono seduto con Morales a Città del Messico per un’intervista di un’ora di ampia portata: non solo sugli eventi che hanno portato alla sua rimozione ed esilio dalla Bolivia, ma anche tendenze più ampie nella politica regionale e globale, anche come ruolo degli Stati Uniti in America Latina.

Abbiamo discusso di chi c’era dietro questo colpo di stato, quali sono le sue motivazioni, il ruolo svolto sia dagli Stati Uniti che dal Brasile, l’uso della violenza da parte del governo “ad interim” di destra contro i manifestanti indigeni, le critiche espresse contro di lui per aver cercato un quarto mandato nonostante i limiti costituzionali, e in che modo la sua rimozione da parte della forza militare a favore di un regime non eletto (espressione del colpo di stato) – guidato dalla destra, minoranza bianca e cristiana del paese – riflette le tendenze più ampie della politica latinoamericana e le tendenze politiche globali in generale.

Non ero sicuro di cosa aspettarmi da questa intervista. Dopotutto, Morales aveva subito un violento colpo di stato militare che lo aveva costretto a lasciare il suo paese solo poche settimane prima e pensavo che – pieno di rabbia e risentimento per gli eventi recenti – avrebbe potuto essere riluttante o incapace di fare molto di più che dire banalità sulle ingiustizie , repressione e violenza militare nel suo paese che lo hanno costretto a fuggire.

Ma quell’aspettativa si è rivelata non vera. Morales era incredibilmente lucido, riflessivo, perspicace e analitico su praticamente tutto ciò di cui abbiamo discusso, non solo sulla Bolivia ma anche sulla politica regionale e mondiale. Come qualcuno che e stato protagonista di una storia di successo di sinistra per 13 anni nel cortile degli Stati Uniti, ha ovviamente una prospettiva unica e sottile su una vasta gamma di eventi geopolitici e quell’esperienza ha modellato l’intervista. Di conseguenza, considero questo uno dei colloqui più istruttivi e convincenti che ho fatto. Spero che guarderai l’intero video di 50 minuti poiché credo che valga la pena dedicare il tuo tempo, fornendo una prospettiva raffinata raramente ascoltata dalla stampa mainstream.

da qui

(traduzione di Francesco Masala)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.