Henk Heithuis: un caso chiuso 63 anni fa

di bortocal (ripreso da https://corpus2020.wordpress.com/)

ci sono storie così piene di orrore che si fa fatica non dico a raccontarle, ma anche soltanto a conoscerle.

ecco quella di Henk Heithuis.

nasce in Nederland, Paesi Bassi, nel 1935, da genitori divorziati, e già durante il primo anno di vita viene affidato ad un istituto cattolico, la Vincentius-Stift di Harrenveld.

lì riceve una formazione professionale fino a 18 anni, nel 1953; poi ne esce; ma vi ritorna nei fine settimana, perché i suoi genitori non vogliono accoglierlo in casa.

il 30 gennaio 1956 – non ha ancora ventun anni, e quindi è ancora minorenne, secondo la legge del tempo – presenta alla polizia una accusa contro i confratelli dell’ordine per avere abusato sessualmente di lui più volte, tra il 1950 e il 1953, quando aveva tra i 15 e i 18 anni.

altri rapporti sessuali con i frati c’erano stati durante i suoi ritorni settimanali all’istituto l’anno prima e lui sostiene di essere stato violentato.

. . .

ma le sue accuse non hanno valore giuridico, dato che è ancora minorenne.

i frati non negano l’accaduto, ma affermano che è lui che li ha sedotti, dato che è un omosessuale. Henk lo nega: ha perfino una fidanzatina, che intende sposare appena possibile; grida di essere eterosessuale.

ma per la legge ha valore la testimonianza concorde dei frati, che viene considerata attendibile; la sua, no.

l’omosessualità era illegale nei Paesi Bassi, allora, e quindi Henk ha ammesso un reato.

viene quindi internato nell’istituto privato cattolico di psichiatria Huize Padua nel Nord Brabante, per subire il trattamento clinico previsto per i casi come il suo.

la cura contro l’omosessualità consiste, nell’Olanda degli anni Cinquanta, nella castrazione: chirurgica, non chimica.

altri dieci giovani olandesi dichiarati omosessuali come lui subirono la stessa sorte in quegli anni.

. . .

l’operazione su Henk Heithuis viene eseguita nella clinica St. Joseph di Veghel, sempre cattolica.

una volta eugenizzato, cioè evirato, Henk viene buttato su una strada.

per campare fa il mozzo, ma a bordo subisce il bullismo dei compagni: figurarsi che spasso un eunuco a bordo.

arrivato in Giappone, fugge dalla nave e cerca aiuto al consolato olandese di Kobe, che prende a cuore la sua situazione e lo fa rientrare in patria.

qui trova degli amici, che si prendono cura di lui, che teme di essere ucciso, ma però presenta una nuova denuncia per l’operazione subita, che gli ha tolto completamente i genitali e lo costringe a vivere in una disordine ormonale malamente tamponato da qualche somministrazione artificiale.

. . .

ha ancora pochi giorni di vita.

in autostrada la sua auto viene speronata da un’altra e lui muore nell’incidente, sul colpo.

da giorni raccomandava ai suoi amici di conservare memoria della sua storia.

il giorno stesso della sua morte, la polizia confisca e distrugge tutti i suoi beni personali e i documenti del processo.

è il 25 ottobre 1958: il caso Henk Heithuis è chiuso.

da qui

in bottega ne aveva scritto anche Mark Adin, qui

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.