Il Benessere Interno Lordo

 

di Giulio Marcon (ripreso da https://sbilanciamoci.info)

Gli indicatori di benessere sono uno strumento per cambiare e riorientare le politiche pubbliche verso un nuovo modello di sviluppo fondato sulla sostenibilità, la qualità sociale, i diritti. E per andare oltre “la dittatura dei Pil”. Devono però avere un carattere vincolante, come abbiamo detto nel convegno “Verso il benessere interno lordo” che abbiamo organizzato […]

Lo scorso 14 settembre è stato presentato a Napoli in un convegno partecipato il primo rapporto Verso il Benessere Interno Lordo (BIL), realizzato dall’Università degli Studi di Napoli “Parthenope” e dalla Campagna Sbilanciamoci!: una ricerca di un anno che ha visto la partecipazione di economisti, statistici, sociologi, esponenti delle organizzazioni della società civile.

Il convegno ha messo in evidenza l’importanza della continuazione di un lavoro di ricerca e di confronto che scalfisca la “dittatura del PIL” a favore di strumenti  di analisi e di indicatori (non solo macro-economici), che siano più adeguati a valutare il benessere e la qualità della vita del paese e, soprattutto, a influenzare ed indirizzare le politiche pubbliche dei governi. Negli ultimi 30 anni se n’è molto discusso e in alcuni paesi (tra cui l’Italia) gli indicatori di benessere sono stati anche inseriti nelle leggi e nei documenti di programmazione delle politiche economiche e finanziarie. Va detto però che l’efficacia del loro utilizzo è assai dubbia.

Naturalmente, un indice sintetico come il BIL si espone al rischio della sottovalutazione degli indicatori specifici, che sono importantissimi nel valutare le politiche concrete su aspetti come la riduzione delle emissioni di CO2, la lotta alle diseguaglianze, l’aumento dei servizi per l’infanzia e tanto altro ancora. Ma secondo noi la sfida è proprio quella di combinare il lavoro sugli indicatori specifici organizzati per domini tematici (il lavoro, la salute, l’istruzione, ecc.) con  il valore di un indice sintetico da affiancare al PIL, la cui forza comunicativa – sappiamo – è di essere un numero semplice da leggere e rappresentare.

Al di là di queste avvertenze, il tema di fondo rimane lo stesso: come cambiare e riorientare le politiche pubbliche verso un nuovo modello di sviluppo fondato sulla sostenibilità, la qualità sociale, i diritti. Serve una coerenza tra queste politiche, per evitare controproducenti schizofrenie: politica industriale, fiscale, sociale, ambientale, ecc. devono marciare in un’unica direzione. E poi, per gli indicatori di benessere, serve qualcosa di più stringente e impegnativo nelle politiche: gli indicatori di benessere non possono essere un’ operazione di marketing o un gadget comunicativo. Come è stato detto nel convegno, questi devono avere un carattere vincolante per le politiche pubbliche, altrimenti servono a poco.

Ecco perché la nuova frontiera del Benessere Interno Lordo, ancora da esplorare e conoscere completamente, è fondamentale per cambiare strada dello sviluppo volto al paese. Un lavoro da continuare, come il convegno di Napoli ci ha invitato a fare.

 

da qui

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *