Il Come Eravamo del Come Saremo – Surrealismi

di Mauro Antonio Miglieruolo

Al limite tra ricerca dell’effetto e espressione artistica. Naturalmente i grandi surrealisti, per il momento, sono accantonati. Un poco di fiaba e singolarità tecnologiche sono invece aggiunti.

Testo consigliato: James Joyce, Ulisse

Non è fantascienza, chiaro. Nel senso che non attiene al mito scientifico ma alla scienza vera e propria; cioé alle scienze che dalla fine dell’Ottocento in poi hanno iniziato a sondare la psiche, l’interiorità e la razionalità umana. Lo è molto di più di quanto lo sia il famoso Sei Personaggi in Cerca d’autore di Pirandello.

Joyce, a me sembra, è molto meno contaminato dal cerebralismo di cui si dice sia impregnato il Novecento.

Facile reperirlo. Facile anche leggerlo. Facile apprezzarlo. Quel che è difficile è superare gli ostacoli culturali che lo tengono ancora lontano da migliaia e migliaia di potenziali lettori.

Raccomando ALMENO di andarsi a leggere il capitolo finale, la cui protagonista (monologo, anzi pensologo) è PENELOPE. Qui Joyce ha superato se stesso.

 

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

*

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.