«Il Vaticano e il fascismo»

Il 21 settembre a Roma convegno internazionale in occasione dell’edizione italiana di «Con dio e con i fascisti» di Karlheinz Deschner

presaportapia

«IL VATICANO E IL FASCISMO»

Convegno internazionale nel 146° anniversario di Porta Pia, organizzato da Massari editore: in via Panisperna 207, Palazzo Falletti, dalle 15 alle 20

RELATORI

Daniele BARBIERI (Italy): «Il libro di Deschner»

Peter GORENFLOS (Germany): «The rise of Fascism in Italy and Germany and the role of the Catholic Church»

Yeshayahu JELINEK (Slovakia): … only text, not present

Maria MANTELLO (Italy, «Associazione Libero Pensiero Giordano Bruno»): «Stereotipi sessisti, dal mito mariano al fascismo»

Roberto MASSARI (Italy): «Pio XII sapeva…»

Simone MOSCH (Germany/Switzerland): «Mass neurosis religion»

Federico PICCIRILLO (Italy, «Civiltà Laica»): «Chiesa e potere»

Alessandro PORTELLI (Italy): «Il papa e le Fosse Ardeatine

Giovanni SARTORI (Italy): «La Chiesa e la democrazia»

Dirk VERHOFSTADT (Belgique): «Hungarian Holocaust»

Si presenterà la prima edizione italiana del libro di Karlheinz Deschner – «Con Dio e con i fascisti» ovvero «Il Vaticano alleato con Mussolini, Franco, Hitler e Pavelić» arricchito da due appendici: «Il Vaticano e l’Olocausto ungherese» di Dirk Verhofstadt e «Il Vaticano e l’Olocausto slovacco» di Peter Gorenflos – che Roberto Massari sta facendo uscire in molti Paesi e in varie lingue: tedesco, russo, slovacco, inglese, ceco, cinese, mongolo, polacco ecc.

Per gli aggiornamenti si veda la pagina web www.rome-conference.com oppure www.roberto-massari.blogspot.com

21settembre-deschnerconvegno 21sett-roma-001

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • Daniele Barbieri

    Ieri sera, poco dopo che il post è apparso in bottega, mi sono arrivati due veloci commenti da persone che più diverse quasi non si può eppure concordanti nel senso. In sintesi: “ciao Daniele, il convegno parla di Vaticano e fascismo ma allora il prete che si ruba l’Italia ha la data sbagliata”. Ci avevo pensato a lungo prima di mettere quella vignetta per la stessa ragione… In teoria infatti nel 1948 la “religione di Stato” che Mussolini impose con il Concordato avrebbe dovuto finire per tornare alla laicità. Non andò così invece e anche in democrazia i guasti del clerico-fascismo si sono protratti per decenni, anzi durano tuttora. Purtroppo. Sarà bene non dimenticare questa triste continuità in temi di religione fra Parlamento post-Liberazione e dittatura precedente. Ovviamente delle radici e dei rami di questa mala pianta riparleremo alla prima, alla seconda e anche alla terza occasione; non è discorso da liquidare in poche frasi. (db)

  • E’ bene analizzare con obiettività e vera laicità (se possibile) questo tema, senza pendere aprioristicamente da una parte o dall’altra.

    Non potrò esserci il 21 ma se avrò tempo leggerò questo libro interessante, che pure ha una tesi dichiarata, che hai fatto bene a pubblicizzare.

    P. S. Dico subito che Vaticano e Fascismo è una cosa, Vaticano e Nazismo è tutt’altra cosa

Rispondi a Giuseppe Lodoli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.