La Turchia censura Kanter, la stella Nba…

… perchè è un oppositore di Erdogan ma lo “oscurano” così male che lo si vede schiacciare e gioire

Il centro dei Boston Celtics ha condiviso sui social un video per mostrare come un sito turco ha provato a censurare la sua presenza sul parquet nella sfida contro New Orleans: “Sono triste del fatto che gli appassionati NBA non possono vedere una partita in maniera corretta a causa della dittatura”.

“Sansur” in turco vuol dire censura. Qualcosa di cui non vergognarsi quando si vive sotto un regime, ma all’occorrenza da mettere in mostra sullo schermo in bella evidenza con un riquadro nero pronto a spuntare ogni volta che Enes Kanter viene coinvolto dai compagni sul parquet. Il video paradossale postato dal centro dei Celtics via social spiega più di mille parole la situazione e il tentativo reiterato da parte del presidente Erdogan di oscurare il suo oppositore politico: una scritta corre in giro per il parquet ma non riesce a nascondere l’ottima circolazione di palla che porta Boston a schiacciare proprio con Kanter. “Sono molto triste – sottolinea il diretto interessato – questo è il modo in cui un sito di pallacanestro turco censura la mia presenza in campo durante una partita dei Celtics. Sono dispiaciuto per i tifosi NBA del mio Paese, loro non possono guardare nel migliore dei modi un match a causa della dittatura”.

L’ennesimo episodio che racconta la persecuzione subita negli ultimi anni da Kanter, da quando ha deciso di prendere posizione contro il regime e far sentire la sua voce per raccontare le violenze e i soprusi commessi in Turchia.

Il giocatore turco dei Celtics è diventato un simbolo di libertà e giustizia, dopo che il mondo intero ha condannato la decisione di Erdogan di invadere la Siria. Kanter è un esempio di come ci possa opporre ai regimi dittatoriali, anche a costo di complicare (non poco) la propria vita. Una battaglia che il n°11 di Boston sta combattendo ormai da oltre tre anni: queste le tappe principali di una storia ancora lontana dalla conclusione.

Il TWEET DI KANTER

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.