Le colpe dei greci

1

ricorda bortocal che alle banche degli amici, che magari avevano prestato qualche spicciolo dei loro bilanci al governo greco in questi anni, vengono rimessi i debiti (senza nessuna contropartita) per decine di volte l’importo che non viene rimesso ai greci e che il land della Baviera (composto da gente molto tedesca, fino a prova contraria) rinuncia a metà dei soldi che doveva ricevere dallo stato federale austriaco della Carinzia (dove parlano in tedesco, fino a prova contraria).

ecco le due colpe dei greci, non sono una banca e non parlano tedesco.

 

 

L’intero debito pubblico greco ammonta a circa 320 miliardi di euro (370 miliardi di dollari). Uno haircut del 40% (130 miliardi) sarebbe sufficiente a renderlo sostenibile nel lungo periodo.

Il salvataggio della banca d’affari Citigroup è costata 2.513 miliardi di dollari.
Quello di Morgan Stanley è costata 2.041 miliardi di dollari.
Quello di Barclays 868 miliardi.
Quello di Goldman Sachs 814 miliardi.
Quello di JP Morgan 391 miliardi.

da qui

 

 

…Raggiunto un accordo politico fra il land tedesco della Baviera e la vicina Carinzia per una ristrutturazione da quasi 1,5 miliardi di euro per evitare il fallimento dello Stato federale austriaco

Dopo anni di gestione clientelare e spregiudicate operazioni finanziarie, il Paese è finito sull’orlo della bancarotta.

La palla passa quindi al Governo, che per evitare il fallimento chiede ai creditori tedeschi di mettersi una mano sul cuore e tagliare il debito per salvare lo Stato dal fallimento.

di chi stiamo parlando? della Grecia?

ma no, della Carinzia, stato della Federazione Austriaca (anche l’Austria e` una federazione, come la Germania, anche se questo è meno noto).

Lo Stato federale della Carinzia e il Land tedesco, altrettanto federale, della Baviera hanno trovato un accordo per tagliare di più della metà il debito del primo nei confronti del secondo.

sono 1,45 miliardi di euro, poco meno dei  miliardi che la Grecia non ha rimborsato entro il 30 giugno scorso al Fondo monetario internazionale (1,6).

ma ancora più interessanti sono i dettagli….

da qui

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *