Liscia, gassata o all’apartheid?

di Bds Italia

L’operazione di marketing avrà certo suscitato un qualche orgoglio patriottico nel presidente Mattarella, nei giorni scorsi tanto impegnato a esaltare l’eterna e disinteressata amicizia tra il suo paese e Israele.

Il presidente, apparentemente diafano ma sostanzialmente democristiano, non si è limitato a benedire il gigantesco traffico legale d’armi e attività belliche varie che il suo collega premier (democristiano anche lui) incentiva a più non posso. Ha voluto strafare giudicando, con la consueta solennità sonnolenta, “inammissibili” le campagne e l’azione di boicottaggio che in ogni angolo del mondo, vengono promosse verso lo Stato che, con ogni suo governo ha applicato la forma più moderna e odiosa di apartheid che il mondo conosca. Nell’augurarci che i brindisi con le bollicine siano andati e vadano di traverso a ogni festeggiamento della solenne amicizia, pubblichiamo la lettera che decine e decine di associazioni, italiane e non, hanno inviato alla Ferrarelle Spa perché receda – seppur in extremis – dalla decisione di sponsorizzare la Round Tables Tour a Tel Aviv, la festa della gastronomia alla faccia dei diritti umani più elementari

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Ottimo.
    Bravi.
    Sosteniamo con forza il BDS.
    (nel vostro articolo manca però la lettera inviata alla Ferrarelle dalle associazioni).

    Grazie per quello che fate.

Rispondi a franco boni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.