Livorno: in morte di Fares, piccola storia ignobile

con una lettera di Renata Fontanella (*). In coda link ad altre due storie che i media hanno preferito non vedere

– I livornesi chiedono più sicurezza più controlli poi se un tunisino scappa e affoga nei fossi fanno le manifestazioni. Se era in regola non sarebbe scappato….

– Era già conosciuto alle forze dell’ordine e qui dice tutto…

– Perché stava scappando? Forse aveva qualche problema? Se hai la coscienza pulita non scappi ma affronti.

– Ma che vergogna, questi fino a ieri vivevano nel deserto e mangiavano sabbia, oggi comandano a casa nostra… Che schifo

– A casa vostra e chi vi appoggia con voi

– Ieri mattina nella zona mia c’è ne era uno alle 8 di mattina di domenica che suonava tutti i campanelli”

commenti su Facebook – 25/04/21

Dei proletari non si può avere alcun timore. Lasciati a se stessi, continueranno di generazione in generazione e di secolo in secolo a lavorare, a riprodursi e a morire, non solo senza alcun istinto alla rivolta, ma anche senza la capacità di comprendere che il mondo potrebbe essere diverso da come è… Del tutto irrilevante è stabilire che cosa pensino o non pensino le masse. Abbiano pure tutta la libertà intellettuale: tanto, sono prive d’intelletto.”

George Orwell – 1984

Ma che piccola storia ignobile mi tocca raccontare
Così solita e banale come tante
Che non merita nemmeno due colonne su un giornale
O una musica o parole un po’ rimate…”

Francesco Guccini – Piccola storia ignobile

Il 24 aprile a Livorno è successo un fatto increscioso quanto grave. Un giovane tunisino di 25 anni, Fares Shgater, muore affogato la sera, dopo il famigerato “coprifuoco”, cadendo nei fossi (il canale che attraversa Livorno). Sulle modalità della caduta, il perché il come e quant’altro, vige la più profonda oscurità. Le indagini sono in corso, e non dubitiamo che si risolveranno in un nulla di fatto. Ma non è questo il punto. Non intendiamo qui alludere a possibili interventi poco ortodossi delle forze dell’ordine, comunque copiose in quel frangente (erano presenti polizia, carabinieri, vigili urbani ed esercito, a quanto ci è dato sapere). Quello che vogliamo qui sottolineare, è la condizione di “braccato” che ha fatto sì che la storia avesse questo tragico epilogo. L’atmosfera pesante, di fatto razzista e classista (come dimostrano le citazioni, poche e scelte a caso fra moltissime prese dai commenti su facebook alla tragedia) che caratterizza la città di Livorno, ma certo non solo quella, lo sguardo sempre torvo verso il diverso che occupa i “nostri spazi vitali” (per usare un linguaggio di altri tempi ma efficace per capire la dimensione in cui viviamo), il clima di “guerra fra poveri” che contraddistingue i periodi di forte crisi come questi, tutto ciò ha contribuito a far sì che la vicenda avesse il terribile esito che ha avuto.

Una piccola storia ignobile, per riprendere la citazione dalla famosa canzone di Guccini, citata in esergo. Tanto ignobile che non ha avuto nemmeno l’onore della menzione su una locandina del famoso quotidiano cittadino, solitamente prodigo di titoli in grassetto quando ci sono eventi succulenti di cronaca nera da buttare in pasto al gossip cittadino.

A noi resta solo il dolore per questo ragazzo, che non crederemo mai meritevole di una fine tanto dura e cattiva. A lui vogliamo dedicare questa bella lettera che ci invia Renata Fontanella, una donna il cui cuore racconta meglio di milioni di stupidi commenti su Facebook il dolore di una vita difficile e la voglia di credere che ci sia ancora una speranza per tutti noi.

* * * *

La nostra accoglienza è finita nei fossi?

di Renata Fontanella

Oggi pomeriggio, immagini via web mi hanno fatto rabbrividire.

Non a causa di una manifestazione pacifica e comprensibilissima, ma per una contromanifestazione figlia di sciacallaggio politico in odore di razzismo.

Veniamo ai fatti.

Sabato notte un giovane è annegato nei fossi di Livorno, caduto per sfuggire ad un inseguimento da parte della Polizia.

Questa è la cronaca, già imponente nella sua drammaticità.

Non voglio additare i colpevoli, anche se penso che il momento che stiamo vivendo, con il coprifuoco notturno, ci trova fragili, timorosi di essere multati perché, pur cittadini liberi, non siamo dentro le nostre case….

Ebbene, per la concitazione del momento, l’inseguimento, il buio… questa giovane vita, purtroppo, è scomparsa in acque scure.

Gli amici, la piccola comunità del giovane, hanno ritenuto giusto chiedere giustizia “per Fares” scendendo in piazza supportati da alcuni cittadini informati del presidio.

Nell’altra piazza, proprio sopra il fosso dove ha perso la vita Fares, è stato subito organizzato un conto-presidio a difesa dell’operato della Polizia.

Strumentalizzazione politica.

Strumentalizzazione di fronte ad una persona deceduta.

Mancanza di rispetto e di etica, non solo da parte dei politici presenti, ma anche di autorità e, peggio ancora, di cittadini che hanno manifestato la propria rabbia per la presenza di stranieri in città, che secondo loro delinquono, spacciano, rubano…

Ora non è il momento per ribadire tutto ciò, ora è davvero il momento del silenzio…

La storica accoglienza livornese verso lo straniero è davvero finita nei fossi?

Concludo, e affermo con grande commozione e affetto: #iostoconfares

(*) ripreso da offline.noblogs.org

vedi anche Livorno, giovane tunisino in fuga dalla polizia … – il manifesto (da dove è ripresa la foto)

SEGNALIAMO ALTRE DUE VICENDE “OSCURATE”

Padova: Bufera sulla Polizia Locale, quattro agenti fermano un venticinquenne in Bmx in modalità «I can’t breathe» 

L’assessore Bonavina mette le mani avanti ed esclude che ci sia una correlazione tra il colore della pelle del venticinquenne residente a Padova e le modalità del fermo

Gran Ghetto di Rignano: Spari sui migranti. Colpito un giovane maliano 

Tre immigrati erano a bordo di un’auto di ritorno verso l’insediamento di Torretta Antonacci nel Foggiano. Uno è rimasto ferito al volto da un colpo di fucile caricato a pallettoni.

 

 

La Bottega del Barbieri

Un commento

  • domenico stimolo

    Sono tante le storie “ignobili” che dovrebbero essere raccontate in questa Italia chiusa nell’odio fomentato, o altre ancora che non hanno mai raggiunto le pagine informative delle cronache nazionali, per negligenza o ignavia, dovuta al colore della pelle.

    Un esempio significativo:
    Giorno 27 aprile nella strada provinciale Comiso- S. Croce Camerina, in un terribile incidetene stradale, sono morti quattro giovani migranti che tornavano dal lavoro nei campi agricoli.
    “Konate Saidou, Barry Modou, Ceesai Lamin e Dallo Thierno, erano quattro giovani extracomunitari . Avevano regolare permesso di soggiorno e contratto di lavoro.
    La loro vita è stata stroncata. D’un colpo…..senza intermittenze.

    Questo tragico evento, a parte le cronache regionali, non ha è mai divenuto notizia di informativa nazionale, nelle cronache televisive o nella carta stampata. Tutti erano in “ben altre vicende” affaccendati, di stampo nazionale, giusto per lodare le “virtù” di tanti strambalati, assurti nelle prime pagine delle cronache per imprese dovute a soldo posseduto, per virtù “canore”, o per dichiarazioni fanciullesche su balda gioventù.
    Non bisogna mani disturbare i manovratori con gli eventi funesti. Il loro colore è avverso ai tanti conclamati canzonieri di morte, che prediligono il respingimento al “rombo del cannone”….che trovano sempre facile sponda divulgativa.

    Ora si raccoglie soldo per trasportare le salme nei paesi di origine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *