Lo straniero – Albert Camus

top-5-easytoread-french-books-french-learners-530x290

L’ho riletto dopo tanti anni, è ancora più bello. E’ una storia “semplice”, ma dentro c’è un mondo. Rileggendolo adesso trovo echi di Bartleby, anche lui preferiva di no, Meursault appare un uomo senza qualità, non ha ambizioni, non prende mai posizioni decise, solo  una volontà appare, ferrea, niente religione e niente preti, sia con il magistrato, sia in cella, in attesa della fine. Sembra quasi che lui non abbia speranza, non voglia speranza, e questo lo rende diverso da qualsiasi altro colpevole.

Ancora, trovo echi di Kafka, nella seconda parte del romanzo, l’uomo e la Giustizia.
Ma questo non è Melville, non è Kafka, è Camus ( “L’unica giustificazione possibile per Dio è che non esiste”).

 

Inizia così:
“Oggi la mamma è morta. O forse ieri, non so. Ho ricevuto un telegramma dall’ospizio: “Madre deceduta. Funerali domani. Distinti saluti.” Questo non dice nulla: è stato forse ieri.
L’ospizio dei vecchi è a Marengo, a ottanta chilometri da Algeri. Prenderò l’autobus delle due e arriverò ancora nel pomeriggio. Così potrò vegliarla e essere di ritorno domani sera. Ho chiesto due giorni di libertà al principale e con una scusa simile non poteva dirmi di no. Ma non aveva l’aria contenta. Gli ho persino detto: “Non è colpa mia.” Lui non mi ha risposto. Allora ho pensato che non avrei dovuto dirglielo…”

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.