OSSERVAZIONI E COINCIDENZE

di Pabuda

finito il temporale,

ero lì a ciondolare

tra il fango

intorno alla staccionata

Charles_Darwin

del corral condominiale

dando alterne occhiate

una distratta, un’attenta

ai miei cari cavalli –

che, appena dopo

gli elefanti –

son tra i mammiferi

che preferisco –

quando ho osservato

per l’ennesima volta,

ma con l’intatta ammirazione

della prima,

quel movimento

che sembra un brivido

e che sanno fare colla sola pelle,

per farsi fresco

o allontanar le mosche, non so.

m’è tornato immediatamente

in mente

un passo de L’Origine dell’Uomo

del Darwin Carlo:

dove informa – tra l’altro –

che quelle bestie

per farlo

utilizzano il cosiddetto

“pannicolo carnoso”

e svela che pure gli umani

ne hanno un pochetto:

in fronte:

per tirar su e giù le sopracciglia,

o tanto per corrugarla

a manifestare cruccio,

sforzo mnemonico o meraviglia.

ripensandoci, senza quasi intenzione,

in quel medesimo istante,

il mio bravo pannicolo frontale

ho messo immediatamente

in funzione.

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *