Palestina: Olivia Zémor contro Teva e chissà se …

… anche noi qui possiamo dire “PREFERIREI DI NO” (vedi la nota finale della “bottega”)

“Olivia Zémor costituisce un attacco alla sicurezza nazionale”

La signora Zémor costituisce un attacco alla sicurezza nazionale, alla sicurezza pubblica e alla sicurezza sanitaria (sic) hanno concluso, chiedendo al tribunale una condanna esemplare contro di lei.

Siamo rimasti molto colpiti dalla straordinaria mobilitazione in Francia e all’estero per la causa intentata da TEVA contro Olivia Zémor.

Di seguito è riportato un resoconto di questo processo che si è svolto a Lione martedì 16 marzo 2021.

Il processo che ha coinvolto Olivia Zémor, presidente di Europalestine accusata di invocare il boicottaggio di TEVA, si è concluso alle 22 di martedì sera a Lione e il tribunale pronuncerà la sua sentenza il 18 maggio prossimo.

“I nostri due avvocati,   Dominique Cochain e   Grégory Thuan, così come i nostri tre testimoni hanno potuto esprimere in dettaglio le nostre posizioni e argomentazioni, nonostante la forte presenza di farmacie filo-israeliane (BNVCA, Avocats sans Frontières, Association France- Israele) che hanno formato contro di noi le parti civili all’ultimo minuto, a sostegno del laboratorio Teva, querelante iniziale. Il presidente del tribunale è riuscito a concludere il processo in 7 ore  dando la parola a tutti, cosa non facile!» ha dichiarato Olivia Zémor.

Fuori dal tribunale, dalle 13:00 alle 17:00, martedì si è tenuto un presidio di grande successo, su iniziativa del Collettivo Palestina 69. Discorsi, canti, slogan, numerosi cartelli e striscioni. Un grande grazie a tutti i partecipanti che a volte sono venuti da molto lontano (Parigi, Montpellier, Tolosa, Mulhouse, Alfortville, Ardèche …) per esprimere il loro sostegno e la loro determinazione a continuare la campagna BDS, ben sapendo delle difficoltà a far sentire la loro voce  a causa di restrizioni Covid.

I nostri tre testimoni sono stati ammirevoli nella loro calma e chiarezza di fronte all’aggressività delle parti civili.

– Jérôme Feynel ha testimoniato in qualità di presidente del Collectif Palestine 69, collettivo creato all’inizio del secolo, che riunisce una trentina di partiti, sindacati e associazioni, coinvolti da anni nella campagna BDS. Jérôme è stato il testimone più appropriato riguardo ai “fatti” addotti contro Olivia Zémor (rapporto sul sito www.europalestine.com di un’azione sul tema “Teva non voglio”, a Lione nel novembre 2016), poiché era proprio uno dei partecipanti all’azione in questione (una distribuzione di volantini davanti a una grande farmacia nel centro di Lione). “La nostra azione è stata pacifica. Quindi sono rimasto sorpreso quando ho saputo delle implicazioni della parigina Olivia Zémor “, ha aggiunto Jérôme Feynel, un veterano delle lotte anticolonialiste, in particolare della campagna contro l’apartheid sudafricano degli anni ’80.

– Pierre Stambul, membro dell’Unione ebraica francese per la pace (UJFP), figlio di un combattente della resistenza deportato nel campo di concentramento nazista di Buchenwald, ha brillantemente spiegato come la politica israeliana e la sua base ideologica sionista fossero ai suoi occhi agli antipodi dei valori ebraici che difende. Ha spiegato in cosa consiste il sistema di apartheid israeliano e ha parlato di quegli oppositori ebrei israeliani che lo denunciano e che chiedono anche il boicottaggio dello stato coloniale. Pierre Stambul ha ricordato, all’attenzione del tribunale e delle parti civili attaccanti, di essere stato anche un attivista della campagna BDS, e ha citato il caso dell’hacker sionista LDJ Grégory Chelli (Ulcan), di cui è stato direttamente vittima, sapendo che questo Ulcan è difeso da Me Goldnadel, il presidente delle associazioni che attaccano Olivia Zémor nel processo.

– Christophe Denantes, anestesista dell’ospedale Avicenne di Bobigny, che da anni svolge missioni chirurgiche a Gaza con il professore Christophe Oberlin, ha fornito ai giudici una panoramica degli effetti disastrosi, sulla salute degli abitanti di Gaza, del blocco imposto da Israele. Tra gli esempi che ha fornito, il caso di questi bambini con tumori che non possono essere trattati con chemioterapia o radioterapia e ai quali Israele nella maggior parte dei casi rifiuta il passaggio agli ospedali in Cisgiordania o Israele, o concede loro un permesso il più tardi possibile, quando il loro cancro si è sviluppato pericolosamente. La fornitura di un’attrezzatura per un centro oncologico con radioterapia, promessa nel settembre 2005 dalla Francia, è stata contrastata da un veto israeliano, ha detto. E oggi a Gaza, per opposizione di israele, manca ancora un centro per la cura del  cancro.

Olivia Zémor ha dimostrato il coinvolgimento di TEVA nell’occupazione e colonizzazione israeliana, non solo perché il gruppo farmaceutico israeliano paga le tasse sui suoi redditi allo Stato di Israele, ma anche perché TEVA beneficia di un mercato vincolato per imporre prezzi molto alti per la vendita dei suoi farmaci generici ai palestinesi e che pratica l’apartheid medico attraverso la sua sussidiaria israeliana SLE che distribuisce vaccini ai coloni in Cisgiordania, ma non ai palestinesi. Commentando la circolare di Eric Dupond-Moretti che chiede la condanna dei boicottatori, Olivia Zémor ha sottolineato che il presidente Hollande è andato a portare fiori sulla tomba di Gandhi nel 2016 e a meditare con altri 52 capi di stato su quella di Mandela nel 2013. Mandela che, prima di invocare il boicottaggio dell’apartheid sudafricano, aveva chiesto resistenza attraverso la lotta armata e il sabotaggio. Mandela, classificato fino al 2009 nella lista dei terroristi negli Stati Uniti…

Olivia ha anche denunciato l’inversione di ruolo nella discriminazione, perché se c’è una “nazione discriminata” è la nazione palestinese e non quella israeliana. Ha anche denunciato la proposta oltraggiosa del ministro della Giustizia di inviare attivisti del BDS a “tirocini della Shoah” e ha detto che coloro che la accusano di antisemitismo o di incitamento all’odio verso gli ebrei sono i principali responsabili dello sviluppo dell’antisemitismo, e che fanno continue pressioni per garantire che i crimini israeliani rimangano impuniti.

Dominique Cochain ha affrontato le parti civili con le loro numerose contraddizioni. A cominciare dalla presentazione di una denuncia per diffamazione quando si dice che TEVA contribuisce al finanziamento dell’esercito israeliano (che è una realtà).

Per coloro che credono – “dall’altra parte” – che l’esercito israeliano sia particolarmente morale, e che approvano l’esistenza in Francia di un’associazione come quella pour le Bien Etre du Soldat (ABSI), come fanno a sostenere che chi accusa TEVA di sostenere l’esercito israeliano mina l’onore della TEVA?

Tornando alle affermazioni “etiche” di TEVA, che quasi si spacciano per opera filantropica, l’avvocato Cochain ha dovuto ricordare che siamo in presenza di una società commerciale, la cui ricerca del profitto passa  attraverso comportamenti più che dubbiosi.

A riprova, le numerose incriminazioni del gruppo farmaceutico, soprattutto negli Stati Uniti, per pagamenti di tangenti, corruzione, frodi assicurative sanitarie, accordo con la concorrenza per mantenere alti i prezzi. Per non parlare degli enormi dossier in corso, come il coinvolgimento di TEVA nel cosiddetto scandalo degli oppioidi, responsabile negli Stati Uniti della morte di centinaia di migliaia di persone per overdose di questo tipo di droga oltreoceano.

L’avvocato Cochain ha anche denunciato la lunga lista di attacchi violenti di cui siamo oggetto da parte dei loro protetti (LDJ, ULCAN, Jewish Brigade …) e contro i quali questi sostenitori della colonizzazione non hanno mai presentato una denuncia, dimostrando la selettività della  “discriminazione” di cui si lamentano. Ha riferito, anche,  commenti violentemente razzisti da media presumibilmente rispettabili come Tribune Juive.

L’avvocato Gregory Thuan, autore del ricorso presentato alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) sul boicottaggio dei prodotti israeliani, ha dimostrato che la sentenza del giugno 2020 non ha condannato la Francia per semplice “mancanza di motivazione”, come affermato dalle parti civili. Al contrario, ha spiegato che questa sentenza garantisce una maggiore libertà di boicottare i prodotti da parte dei cittadini per motivi politici e in modo pacifico. Punto per punto, ha sostenuto che potrebbero esserci eccezioni a questa regola solo in casi gravi (come accompagnare la richiesta di boicottaggio con insulti o commenti razzisti). Ha indicato che la circolare di Eric Dupond-Moretti, che stravolge completamente lo spirito e la lettera di questa sentenza della CEDU, è stata da poco oggetto di un deferimento al Consiglio dei ministri europei.

– L’avvocato che rappresenta Teva non è stato in grado di districarne le contraddizioni: ha cercato, contro le prove, di negare il carattere israeliano della società Teva, adducendo che rappresentava la filiale francese del laboratorio.

Un medico citato dalle parti civili è venuto a spiegare al processo che si era rifiutato di prendere la tessera sanitaria di un paziente, a causa dell’adesivo TEVA  che vi appariva, e che un video era poi circolato su internet con accuse razziste e persino commenti minacciosi contro di lui. Quello che abbiamo condannato all’unanimità, e che ovviamente non è colpa nostra. L’associazione Europalestine combatte contro tutte le forme di razzismo, compreso l’antisemitismo, e denuncia questo tipo di comportamento nauseabondo.

Se i pazienti hanno tutto il diritto di scegliere la loro marca di generici dal farmacista, come ha spiegato Olivia Zémor al processo, e se i medici non hanno motivo di rifiutare questa scelta, non si tratta di sostenere le intollerabili riflessioni di poche persone che difendono tutto tranne la causa palestinese, comportandosi in tal modo.

– L’avvocato in rappresentanza del mal nominato National Office of Vigilance Against Antisemitism (BNVCA), su mandato di Sammy Ghozlan, ha moltiplicato le provocazioni, arrivando ad apostrofare uno dei testimoni in questi termini: Palestina? Esiste? Al punto da essere seccamente respinto dal presidente del tribunale.

– Gli avvocati dello studio di William Goldnadel che rappresentano le associazioni  hanno passato il loro tempo a elaborare argomentazioni “estrinseche” intese a dimostrare che Olivia Zémor è una pericolosa terrorista. Prova ne sarebbe il fatto che chiede il rilascio di Georges Abdallah (il più vecchio prigioniero politico in Francia e in Europa, che ha scontato la sua pena nel 1999).
La signora Zémor costituisce un attacco alla sicurezza nazionale, alla sicurezza pubblica e alla sicurezza sanitaria (sic), hanno concluso, chiedendo al tribunale una condanna esemplare contro di lei.

Il pubblico ministero, da parte sua, ha chiesto sommessamente una multa di 2.000 euro, con ciò che difficilmente può essere definito polemico, quindi il punto era sconnesso.

La sentenza sarà emessa il 18 maggio.

da qui

 

cfr : https://www.labottegadelbarbieri.org/non-dimentichiamo-di-boicottare-teva/

 

NOTA DELLA “BOTTEGA”

Abbiamo una piccola proposta. Rispondere “PREFERIREI DI NO” se in farmacia propongono un medicinale generico Teva. Spiegando il perchè… Sarebbe bello se in tante/i dicessimo  “Teva? No grazie, lo vorrei di un’altra marca”.

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

3 commenti

  • Maria Teresa Messidoro

    Molto d’accordo sulla proposta della Bottega. Iniziamo a realizzarla concretamente, tanto che le farmacie sono molto visitate ultimamente…

  • Io lo faccio da anni, e non sono così educato come per la frase che proponi, dico ai farmacisti della mia zona che i prodotti TEVA non li prenderei in nessun caso.
    Una farmacista l’ho anche portata dalla nostra parte e quando mi vede sorride e dice: “È arrivato il signor TEVA”…

  • Francesco Masala

    Giovedì 22 aprile 2021 – Ore 18

    AAMOD Cineforum Palestina in collaborazione con Al Ard Doc Film Festival
    presenta

    BETWEEN TWO CROSSINGS

    di Yaser Murtaja

    Focus sul film e Q&A

    con Monica Maurer e Al Ain Gaza

    In diretta streaming su
    https://www.youtube.com/AAMODAAMOD

    e

    https://www.facebook.com/archivioaamod/

    https://www.facebook.com/OpenDDBit

    L’opera sarà disponibile in visione gratuita per 24 ore (a partire dalle 00.01 del 22 aprile = subito dopo mezzanotte di oggi) sulla piattaforma OpenDDB (Distribuzioni Dal Basso) a questo link:

    https://www.openddb.it/cineaamod-virtual/

    All’interno della rassegna virtuale CineAAMOD 2021 torna l’appuntamento con il cinema documentario palestinese. Giovedì 22 aprile alle ore 18:00, in diretta dalla Sala Zavattini dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, Aurora Palandrani, Vincenzo Vita e Monica Maurer, ideatrice di Cineforum Palestina, in collegamento con Al Ain Gaza presenteranno il documentario “Between two crossings” di Yaser Murtaja, un documentario che segue il viaggio di Nour, una studentessa di Gaza che ha vinto una borsa di studio per la Portland State University, negli Stati Uniti. L’opera descrive gli avvicendamenti della ragazza per poter superare i due varchi che separano la Striscia di Gaza dal resto del mondo: il valico di Erez, controllato da Israele; e quello di Rafah, controllato dall’Egitto. Per la realizzazione del documentario sono stati necessari più di due anni di lavoro, tra riprese, editing e produzione. Il film sarà in visione gratuita per 24 ore sulla piattaforma OpenDBD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *