Patrizia Moretti

di Alberto Masala

Grave e schifoso quello che a Ferrara alcuni poliziotti (e un deputato del Pdl) hanno fatto due giorni fa a Patrizia Moretti, la madre di Federico Aldrovandi, la quale ha risposto con il suo consueto coraggio. Secondo me i versi di Alberto Masala (linkati qui sotto) sono una risposta – ma anche una domanda – che dovremmo fare nostra. (db)

http://www.albertomasala.com/domandati-che-madri-abbiano-avuto/

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • albertomasala

    risposta del giorno dopo ai discorsi del giorno dopo

    Eh, no… signora Cancellieri! Non sono parole in libertà! Quelli sono fascisti. Come la grandissima maggioranza degli appartenenti alle forze dell’ordine, di qualsiasi tipo, genere, ordine e grado. Fascisti veri e molto pericolosi, che, vigliaccamente tutelati da una divisa, agiscono con la mentalità da ultrà, da banda organizzata, da cosca, da squadraccia. E lo sono perché così sono stati selezionati, arruolati, addestrati da 65 anni a questa parte. Lo sono perché sono abituati all’impunità dell’arroganza, della prevaricazione, della violenza. Lo sono perché calpestano le leggi, ignorano la costituzione, stanno per definizione dalla parte dei padroni e mai degli umili. Potrei portarle centinaia di testimonianze personali che mi inducono a pensare così. Lei li copre, minimizza, li protegge. Come da sempre ha fatto il Potere in questa Italia così reazionaria. Se sono così è perché li avete voluti così.

    E se qualcuno tra loro non fosse così… bene, sia il benvenuto, onore e rispetto a loro ed al prezioso lavoro che svolgono onestamente. Spero sinceramente che diventino sempre di più e caratterizzino diversamente il loro servizio. Hanno la mia solidarietà. Questo discorso non è rivolto a loro, dunque non devo nemmeno delle scuse. Ma lei, per favore, spinta dal suo entusiasmo istituzionale, non venga a raccontarci fole insostenibili … non è credibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.