Pianeti abitabili… o colonizzabili?

Una riflessione di Roberto Flaibani de «Il tredicesimo cavaliere» (*)

Nessuno sembra accorgersene, ma dopo la scoperta dei sette pianeti di TRAPPIST-1, un divertente equivoco sta originandosi a proposito del concetto di abitabilità. Il significato del termine è stato, ad arte, molto circoscritto, per non mettere a disagio il pubblico generico. Ormai per “fascia abitabile” si intende solo che in quella regione di spazio, sulla superficie di un ipotetico pianeta, la temperatura sarebbe tale che l’acqua potrebbe presentarsi nella sua forma liquida. Un po’ pochino, mi sembra, per giustificare l’entusiasmo che trapelava in molti post apparsi sui social media. Fortunatamente nessuno è arrivato al punto di pronunciare il fatidico “Armiamoci e partite!”, ma mi giocherei la brioche (quella della prima colazione, naturalmente) che qualcuno, zitto zitto, ha tirato fuori la valigia. In realtà che un pianeta sia abitabile, in accordo con la definizione corrente del termine, non ha niente a che vedere con la possibilità che degli esseri umani si stabiliscano effettivamente in quel luogo e fondino una colonia. In proposito noi del Tredicesimo Cavaliere abbiamo qualcosa da dire e proponiamo ai lettori della “Bottega” di riflettere sull’enigma: <abitabile o colonizzabile?><http://wp.me/pToNF-Uz>

(Roberto Flaibani)

 

su https://il13mocavaliere.wordpress.com vale segnalare L’etica degli esploratori dello spazio profondo

(*) Con questo post continuano – tendenzialmente ogni domenica in “bottega” ma ogni regola avrà le sue eccezioni – la collaborazione e lo scambio di link con “Il Tredicesimo Cavaliere 2.0” ovvero <https://il13mocavaliere.wordpress.com> che si è da poco rinnovato. NELL’IMMAGINE, il Progetto Daedalus, proposto dalla British Interplanetary Society negli anni’70. [db]

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.