Raul Zibechi e Frei Betto su Cuba

«Stato accentratore e …… poca partecipazione popolare»

Intervista di Claudia Fanti (*) allo scrittore, giornalista e attivista uruguayano Raúl Zibechi: «L’embargo si somma a forte crisi economica in pandemia».

A seguire, il punto di vista di Frei Betto, da sempre vicino alla Rivoluzione cubana, e un appello a manifestare il 26 luglio, ore 10, in via Licinia, 7 a Roma, per difendere la sovranità di Cuba.

Per lo scrittore, giornalista e attivista uruguayano Raúl Zibechi, la costruzione di mondi nuovi non passa per la conquista dello Stato, ma per le organizzazioni di base, a cominciare da quelle indigene e femministe. Più zapatismo, insomma, che Cuba. Così, di fronte alle proteste in corso nell’isola, non sorprendono le sue critiche al governo, pur nella netta condanna del ruolo degli Usa e nella difesa incondizionata della sovranità cubana.

Come interpreti quanto sta avvenendo a Cuba?
In questo momento si uniscono due problemi: il tradizionale embargo e una forte crisi economica aggravata dalla pandemia. La contrazione relativa al 2020 è stata, secondo la Cepal, dell’8,5%, l’industria ha registrato perdite pari all’11,2% e l’agricoltura ha sofferto un crollo del 12%. Il turismo, che nel 2019 aveva registrato quattro milioni di visite e nel 2020 un milione, nel primo trimestre di quest’anno ha potuto contare sulla presenza di appena 120mila turisti. Cuba, insomma, è rimasta senza risorse per importare alimenti (il 70% di quelli che si consumano). E l’inflazione che ne è derivata è favorita da una crescita dei prezzi internazionali degli alimenti del 40% in un anno. Tutto ciò conduce a una crisi economica e sociale molto grave che è alla base degli attuali problemi.

Qual è il ruolo degli Usa in queste proteste?
Il lungo embargo ha provocato problemi di vario tipo. Da un lato, un deterioramento delle infrastrutture – con l’eccezione del turismo -, evidente soprattutto nei campi della salute e dell’educazione, che hanno subito un graduale ridimensionamento negli ultimi decenni. L’attuale affollamento negli ospedali, per esempio, era qualcosa di inimmaginabile nell’isola. Dall’altro lato le sanzioni finanziarie, che non permettono a Cuba di accedere a certe banche occidentali per realizzare transazioni. E come se non bastasse l’embargo, gli Usa non fanno mancare il loro sostegno all’opposizione, alimentando le proteste contro il governo.

Ci sono stati errori da parte del governo cubano?
Più che errori, credo si sia scelto un cammino sbagliato. Accentrare tutto nello Stato, impedire la partecipazione reale della popolazione, fa sì che, in caso di proteste come le attuali, queste assumano necessariamente un carattere anti-sistema. Se c’è uno sciopero, per esempio, non si può trattarlo come un tentativo di rovesciare il governo. È solo uno sciopero, non dovrebbe costituire un problema. Non può esserci un sistema che non ammetta dissidenze, soprattutto a fronte di lotte come quelle femministe e anti-patriarcali che nei fatti si presentano come anti-statali. Pensare che lo Stato sia tutto, che la società non sia nulla se non è subordinata allo Stato, rende molto deboli dietro un’apparente forza.

Durante le proteste un manifestante è morto e altri sono stati arrestati. Nulla di paragonabile ai casi cileno e colombiano…
La repressione c’è, il tentativo di impedire la mobilitazione pure. Ed è deplorevole che sia stata tagliata internet. Ma non è una repressione criminale come quella in Colombia, non ci sono centinaia di lesioni oculari come in Cile, non si registrano desaparecidos. Eppure la stampa internazionale, che non dice quasi nulla della Colombia, monta uno scandalo su Cuba. Ci sono chiaramente due pesi e due misure. Tuttavia, che capacità di attrazione può avere un governo come quello cubano per una popolazione giovane affascinata dalle istanze femministe o sedotta dal consumo?

Per milioni di persone Cuba è stata sempre un esempio di dignità e un riferimento morale. Cosa potrà avvenire?
Credo che non avverrà nulla di rilevante. Gli Usa non alleggeriranno l’embargo e il governo cubano non realizzerà cambiamenti decisivi. Per i militanti di una certa età Cuba continuerà a essere un riferimento importante, soprattutto etico, ma per i giovani è un po’ diverso, perché ritengono che nell’isola vi siano meno diritti e meno libertà che nei propri paesi, anche in America Latina che non è certo il continente delle libertà. Tra gli attivisti giovani mi pare che ci sia un maggiore interesse per lo zapatismo, per esempio. In ogni caso, la sovranità delle nazioni è inalienabile. E anche solo per questo dobbiamo opporci con forza alle politiche Usa nei confronti di Cuba.

(*) fonte: quotidiano “il manifesto”  15 luglio 2021

 

Cuba resiste

di Frei Betto (**)

Pochi ignorano la mia solidarietà alla Rivoluzione cubana. Da 40 anni visito spesso l’isola per impegni di lavoro e inviti ad eventi. Per lungo tempo, ho mediato nella ripresa del dialogo tra i vescovi cattolici e il governo cubano, come descritto nei miei libri ‘Fidel e la religione’ (Fontanar / Companhia das Letras) e ‘Lost Paradise – Viajes al mundo socialista’ ( Rocco).

Conosco in dettaglio la vita quotidiana cubana, comprese le difficoltà incontrate dalla popolazione, le sfide alla Rivoluzione, le critiche degli intellettuali e degli artisti del paese. Ho visitato le carceri, ho parlato con gli oppositori della Rivoluzione, ho vissuto con preti cubani e laici contrari al socialismo.

Quando mi dicono, da brasiliano, che a Cuba non c’è democrazia, scendo dall’astrazione delle parole alla realtà.

Quante foto o notizie in cui si sono viste o si vedono cubani in miseria, mendicanti sparsi sui marciapiedi, bambini abbandonati per strada, famiglie sotto i viadotti? Qualcosa di simile alla cracolândia, alle milizie, alle lunghe file di pazienti che aspettano anni per essere curati in un ospedale?

Avverto amici: se siete ricchi in Brasile e andate a vivere a Cuba, conoscerete l’inferno. Non potrai cambiare auto ogni anno, acquistare abiti firmati, viaggiare spesso in vacanza all’estero.

E, soprattutto, non potrai sfruttare il lavoro degli altri, tenere nell’ignoranza i propri dipendenti, essere ‘orgogliosi’ di María, la propria cuoca da 20 anni, e negarle l’accesso alla propria casa, alla scuola e alla salute.

Se appartieni alla classe media, preparati a vivere il purgatorio. Nonostante Cuba non sia più un’azienda statale, la burocrazia persiste, bisogna avere pazienza con le code dei mercati, molti prodotti disponibili questo mese potrebbero non essere trovati il mese prossimo, a causa dell’incongruenza delle importazioni.

Tuttavia, se sei stipendiato, povero, senzatetto o senza terra, preparati a incontrare il paradiso. La Rivoluzione garantirà i vostri tre diritti umani fondamentali: il cibo, la salute e istruzione, nonché l’ alloggio e il lavoro.

Potresti avere un enorme appetito da non mangiare quello che ti piace, ma non soffrirai mai la fame. La tua famiglia avrà la scuola e l’assistenza sanitaria, compresi gli interventi chirurgici complessi, totalmente gratuiti, come dovere dello Stato e del diritto del cittadino.

Non c’è niente di più prostituito del linguaggio. La famosa democrazia nata in Grecia ha i suoi pregi, ma è bene ricordare che, a quel tempo, Atene contava 20mila abitanti che vivevano del lavoro di 400mila schiavi… Cosa risponderebbe uno di quelle migliaia di servi se chiedessero perché le virtù sono della democrazia?

Non auguro al futuro di Cuba il presente del Brasile, del Guatemala, dell’Honduras e nemmeno di Porto Rico, colonia americana a cui è stata negata l’indipendenza. Né voglio che Cuba invada gli Stati Uniti e occupi una zona costiera della California, come Guantanamo, che è stata trasformata in un centro di tortura e in una prigione illegale per sospetti terroristi.

Democrazia, nel mio concetto, significa il ‘Padre nostro’ – ovvero l’autorità legittimata dalla volontà popolare – e il ‘Pane nostro’ – la distribuzione dei frutti della natura e del lavoro umano. La rotazione elettorale non fa, né assicura la democrazia in Brasile e India, considerate democrazie, che sono esempi flagranti di miseria, povertà, esclusione, oppressione e sofferenza.

Solo chi conosceva la realtà di Cuba, prima del 1959 sa perché Fidel ha avuto così tanto sostegno popolare per portare la Rivoluzione alla vittoria.

Il paese era conosciuto con il soprannome di “bordello caraibico”. La mafia dominava le banche e il turismo (ci sono diversi film a riguardo). Il quartiere principale dell’Avana, chiamato ancora Vedado, ha questo nome perché ai neri non era permesso circolare lì…

Gli Stati Uniti non si sono mai accontentati di aver perso Cuba sottomessa alle sue ambizioni. Pertanto, poco dopo la vittoria dei guerriglieri della Sierra Maestra, tentarono di invadere l’isola con truppe mercenarie. Furono sconfitti nell’aprile 1961. L’anno successivo, il presidente Kennedy decretò il blocco di Cuba, che continua ancora oggi.

Cuba è un’isola con poche risorse. È costretta a importare più del 60 per cento dei prodotti essenziali del Paese. Con l’inasprimento del blocco promosso da Trump (243 nuove misure e, per ora, non ritirate da Biden), e la pandemia, che ha azzerato una delle principali fonti di risorse del Paese, il turismo, la situazione interna è peggiorata.

I cubani hanno dovuto stringere la cinghia. Poi, gli scontenti della Rivoluzione, che gravitano nell’orbita del ‘sogno americano’, promossero le proteste di domenica 11 luglio – con l’aiuto ‘solidale’ della CIA, il cui capo ha appena fatto un giro nel continente, preoccupato per i risultati delle elezioni in Perù e Cile.

Chi meglio spiega l’attuale situazione a Cuba è il suo presidente, Díaz-Canel: ‘La persecuzione finanziaria, economica, commerciale ed energetica è iniziata. Loro (la Casa Bianca) vogliono che si provochi un’epidemia sociale interna a Cuba per chiedere ‘missioni umanitarie’ che si traducono in invasioni e ingerenze militari’.

‘Siamo stati onesti, siamo stati trasparenti, siamo stati chiari e in ogni momento abbiamo spiegato alla nostra gente le complessità di oggi.

Ricordo che più di un anno e mezzo fa, quando è iniziata la seconda metà del 2019, abbiamo dovuto spiegare che eravamo in una situazione difficile. Gli Stati Uniti hanno iniziato a intensificare una serie di misure restrittive, inasprimento del blocco, persecuzioni finanziarie contro il settore energetico, con l’obiettivo di strangolare la nostra economia.

Ciò provocherebbe l’auspicata massiccia esplosione sociale, per poter invocare un intervento ‘umanitario’, che si concluderebbe con interventi militari».

‘Questa situazione è continuata, poi sono arrivate le 243 misure (di Trump, per inasprire il blocco) che tutti conosciamo, e infine si è deciso di inserire Cuba nell’elenco dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo.

Tutte queste restrizioni hanno portato il paese a tagliare immediatamente varie fonti di reddito in valuta estera, come il turismo, i viaggi cubano-americani nel nostro paese e le rimesse. È stato formato un piano per screditare le brigate mediche cubane e le collaborazioni solidali di Cuba, che hanno ricevuto una parte importante di valuta estera per questa collaborazione.’

‘Tutta questa situazione ha generato una situazione di carenza nel Paese, principalmente di cibo, medicine, materie prime e forniture per poter sviluppare i nostri processi economici e produttivi che, allo stesso tempo, contribuiscono alle esportazioni. Vengono eliminati due elementi importanti: la capacità di esportare e la capacità di investire risorse.’

“Abbiamo anche limitazioni sul carburante e sui pezzi di ricambio, e tutto questo ha causato un livello di insoddisfazione, aggiunto ai problemi accumulati che siamo stati in grado di risolvere e che provenivano dal periodo speciale (1990-1995, quando l’Unione Sovietica è crollata, con serie influenze nell’economia cubana).

Insieme a una feroce campagna mediatica diffamatoria, nell’ambito della guerra non convenzionale, che cerca di rompere l’unità tra il partito, lo Stato e il popolo; e cerca di classificare il governo come insufficiente e incapace di fornire benessere al popolo cubano.’

‘L’esempio della Rivoluzione cubana ha infastidito molto gli Stati Uniti per 60 anni. Hanno applicato un blocco ingiusto, criminale e crudele, ora intensificato dalla pandemia. Blocco e azioni restrittive che non hanno mai compiuto contro nessun altro Paese, nemmeno contro quelli che considerano i loro principali nemici.

È stata quindi una politica perversa nei confronti di una piccola isola che aspira solo a difendere la propria indipendenza, la propria sovranità e a costruire la propria società con autodeterminazione, secondo i principi che più dell’86 per cento della popolazione ha sostenuto».

“In mezzo a queste condizioni, nasce la pandemia, una pandemia che ha colpito non solo Cuba, ma il mondo intero, compresi gli Stati Uniti. Ha colpito i paesi ricchi e va detto che di fronte a questa pandemia né gli Stati Uniti né questi paesi ricchi hanno avuto tutte le capacità per affrontarne gli effetti.

I poveri sono stati danneggiati, perché non ci sono politiche pubbliche rivolte alle persone, e ci sono indicatori in relazione al confronto della pandemia con risultati peggiori di quelli di Cuba in molti casi.

I tassi di infezione e mortalità per milione di abitanti sono notevolmente più alti negli Stati Uniti che a Cuba (gli Stati Uniti hanno registrato 1.724 morti per milione, mentre Cuba è di 47 morti per milione). Mentre gli Stati Uniti si trincerano nel nazionalismo vaccinale, la Brigata di medici cubani Henry Reeve continua la sua opera tra i più poveri del mondo (per cui, ovviamente, merita il premio Nobel per la pace).’

Senza la possibilità di invadere Cuba con successo, gli Stati Uniti persistono in un rigido blocco. Dopo la caduta dell’URSS, che ha fornito all’isola i modi per aggirare il blocco, gli Stati Uniti hanno cercato di aumentare il loro controllo sul paese caraibico.

A partire dal 1992, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato, a stragrande maggioranza, per porre fine a questo blocco. Il governo cubano ha riferito che tra aprile 2019 e marzo 2020, Cuba ha perso cinque miliardi di dollari in potenziali scambi commerciali a causa del blocco; negli ultimi quasi sei decenni ha perso l’equivalente di 144 miliardi di dollari.

Ora, il governo degli Stati Uniti ha intensificato le sanzioni contro le compagnie di navigazione che trasportano petrolio sull’isola.’

È questa fragilità che pone fianco alle manifestazioni di malcontento, senza che il governo abbia messo in piazza carri armati e truppe. La resistenza del popolo cubano, alimentata da esempi come Martí, Che Guevara e Fidel, si è rivelata invincibile. E dobbiamo, tutti noi che combattiamo per un mondo più giusto, essere solidali con loro.

(*) Fonte: Cubadebate

**************

Roma. 26 Luglio in piazza per difendere la sovranità di Cuba

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *