Rimuovere l’omicidio di Reuf Islami non è possibile

di Vito Totire (*)

Il prossimo 21 marzo cadrà il diciannovesimo anniversario dell’omicidio sul lavoro “nero”) a Bologna di Reuf Islami, giovane immigrato.

In questi anni abbiamo ricordato la “scadenza” ma anche la dinamica che fu all’origine dell’omicidio; una vicenda emblematica della mancanza di volontà da parte dei decisori politici di affrontare i temi della sicurezza sul lavoro, degli appalti, dell’immigrazione. Ogni anno abbiamo portato fiori sul luogo dell’omicidio e rilanciato la nostra proposta di collocare un ricordo: che fosse la intitolazione della strada o una targa commemorativa come si è sempre fatto per i partigiani caduti nella lotta contro il nazifascismo. Perché di una lotta di pari dimensioni qui si parla: bisogna lottare contro la strage di migranti e di lavoratori.

Di recente abbiamo ripreso, per l’ennesima volta, a dialogare con la «commissione toponomastica» del Comune di Bologna. La risposta è la solita: la commissione pare orientata alla apposizione di una targa-ricordo…

Ma quando? E per scrivere cosa ?

Dal nostro archivio riprendiamo la lettera di un assessore che, anche questa, parla di “targa ricordo” : è del 2012…

Verosimilmente il “ceto politico” locale è troppo occupato in altre questioni per preoccuparsi delle proprie inquietanti “amnesie”.Si può anche legittimamente sospettare un inconfessabile inconscio leghista ancor più oggetto di rimozione oggi che tocca di governare da Roma insieme fra ex-avversari o almeno dichiaratisi tali.

A ogni buon conto ci sarà anche quest’anno il ricordo del circolo Chico Mendes, del centro Francesco Lorusso, dell’Associazione Skandeberg, dei familiari e amici di Reuf e di tutti i cittadini democratici che si battono per un ambiente di lavoro sicuro e per una politica della immigrazione umana ed accogliente: IL RICORDO RIMANE, SEMPRE VIVO.

La “commemorazione” la rinnoveremo sempre.  Fiori per Reuf il 21 marzo.

(*) Vito Totire è portavoce della Rete per l’ecologia sociale

LA VIGNETTA – scelta dalla “bottega” – è di VINCENZO APICELLA

MA COSA SONO LE «SCOR-DATE»? NOTA PER CHI CAPITASSE QUI SOLTANTO ADESSO.

Per «scor-data» qui in “bottega” si intende il rimando a una persona o a un evento che il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna deformano, rammentano “a rovescio” o cancellano; a volte i temi possono essere più leggeri ché ogni tanto sorridere non fa male, anzi. Ovviamente assai diversi gli stili e le scelte per raccontare; a volte post brevi e magari solo un titolo, una citazione, una foto, un disegno. Comunque un gran lavoro. E si può fare meglio, specie se il nostro “collettivo di lavoro” si allargherà. Vi sentite chiamate/i “in causa”? Proprio così, questo è un bando di arruolamento nel nostro disarmato esercituccio. Grazie in anticipo a chi collaborerà, commenterà, linkerà, correggerà i nostri errori sempre possibili, segnalerà qualcun/qualcosa … o anche solo ci leggerà.

La redazione – abbastanza ballerina – della bottega

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.