Romagna: quanto costa la sanità…

.. per gli affitti salati; oltre 4 milioni di euro l’anno, dati a privati, per tre stabili

di Davide Fabbri

LABORATORIO UNICO USL DELLA ROMAGNA A PIEVESESTINA DI CESENA. LO SCANDALO DEI 4,2 MILIONI DI EURO DI AFFITTO L’ANNO
Sono letteralmente vergognosi i canoni annui di locazione che l’Azienda USL della Romagna versa al proprietario (Immobiliare Cesena Nord srl) per l’uso e la gestione di tre immobili di Pievesestina di Cesena legati al Laboratorio Unico della Romagna.
Per tre immobili legati appunto al Laboratorio Unico dell’Azienda Usl della Romagna, si spende d’affitto al mese 351.037 euro (iva compresa). Per una spesa complessiva annuale pari ad oltre 4 milioni di euro e più precisamente 4.212.444 (iva compresa).
La spesa folle che viene sborsata ogni anno fa riferimento a immobili di proprietà della società Immobiliare Cesena Nord srl. Sono esattamente: il Laboratorio Unico vero e proprio, l’immobile per gli allestimenti tecnici e tecnologici, l’immobile del magazzino farmaceutico ed economale.
Questi 4 milioni e 200 mila euro l’anno vengono prelevati dalle preziose risorse pubbliche della Sanità della nostra Regione, con plateali ricadute sui bilanci pubblici dell’Azienda Usl della Romagna.
Il Laboratorio Unico è operativo dal 2009. Pertanto fino ad ora sono stati spesi soldi pubblici per più di 40 milioni di euro per gli affitti di tali immobili.
Non si comprende la ragione della decisione di realizzare il Laboratorio Unico all’interno di immobili di proprietà privata, spendendo cifre esagerate in canoni d’affitto. Con i soldi spesi in tali canoni di affitto si potevano tranquillamente acquistare immobili di proprietà.
Il Laboratorio Unico della Romagna è operativo a Pievesestina – come si è detto – dal 2009. Ne fanno parte le unità operative di Patologia clinica, Microbiologia e Genetica medica, collocate presso il “Centro servizi” di Pievesestina. Nel Laboratorio Unico si eseguono gli esami di base e specialistici per i pazienti ambulatoriali e gli esami specialistici per i pazienti ricoverati.
Chi è la società Immobiliare Cesena Nord srl beneficiaria di canoni pubblici così importanti?
La società fa parte del gruppo delle imprese dell’imprenditore Bruno Bastone, 71 anni, originario di Pompei (Napoli). Ex albergatore e ristoratore, ora immobiliarista. Vive a Cesena presso l’ex ristorante Don Chisciotte in via Celincordia, sulle splendide colline cesenati.
Ecco la composizione societaria dell’impresa: l’Immobiliare Cesena Nord srl è al 76% di proprietà di Bruno Bastone, e al 24% di proprietà del figlio Leonardo Bastone. La società ha iniziato la propria attività nel 1999 e svolge – come attività prevalente – la locazione immobiliare di beni. Ha come unico amministratore Bruno Bastone.
Credo che sia importante chiarire con la massima precisione queste vicende. Pertanto si fa appello al Direttore Generale dell’Azienda Usl della Romagna Marcello Tonini e al sindaco della città Enzo Lattuca a fare luce su queste vicende, a ricostruire le motivazioni che portarono alla scelta di investire danaro pubblico in immobili in affitto e a verificare la possibilità di rivedere le condizioni contrattuali d’affitto con il proprietario degli immobili.

Cesena, 6 aprile 2020

Davide Fabbri, blogger indipendente

 

Davide Fabbri

3 commenti

  • Maurizio masotti

    Possiamo sapere che tipo di contratto di affitto ha stipulato Ausl Romagna con Immobiliare Cesena nord già dal 2009? Nessuno ha mai sollevato la questione? Chi ha approvato dall’inizio e votato la risoluzione? Esiste una delibera?

    • Davide Fabbri

      Per Maurizio Masotti. Ovviamente esiste tutta la documentazione in merito a delibere e contratti d’affitto. A Cesena il primo gruppo politico che si occupò di questa vicenda, fu il Partito dei Comunisti Italiani di Enzo Ceredi (morto qualche anno fa) e di Maria Grazia Zittignani. In Regione l’unico consigliere regionale che ha fatto accesso agli atti e ha fortemente criticato l’intera operazione, è stato l’avvocato Massimiliano Pompignoli della Lega. La Lega, il partito più lontano e distante dal sottoscritto, sotto il profilo politico. Emblematica e significativa l’assenza di impegno e di sensibilità da parte delle altre forze politiche “democratiche”, “antirazziste”, “antifasciste”. Se mi scrivi la tua casella di posta elettronica, provo ad inviarti la documentazione in mio possesso. Davide Fabbri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.