Scor-data: 22 aprile 1993

Mosaic: un incontro che ha cambiato la mia vita. E non solo la mia.

di Andrea Mameli (*)   

Ricordo perfettamente il mio stupore di fronte a quella schermata. Erano le vacanze di Natale del 1993. Il mio amico Gavino Paddeu mi aveva invitato nella sede del CRS4 (Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna) – [CRS4] http://www.crs4.it – della zona industriale di Elmas dove lavorava (io stavo dando gli ultimi esami di Fisica, all’università di Cagliari e di lì a poco avrei sviluppato la tesi di laurea con lui) per mostrarmi un software appena arrivato dagli Usa.

Per me era una cosa del tutto nuova. Nel 1991 avevo seguito il corso di “Teoria e applicazione di macchine calcolatrici”: si imparava a programmare in Fortran e si faceva un (limitato) uso della posta elettronica. Ricordo gli schermi a fosfori verdi che rappresentavano la nostra finestra affacciata sul mondo del computer. Quella schermata aveva qualcosa di completamente diverso. Nome di battesimo: Mosaic, – [MOSAIC] http://it.wikipedia.org/wiki/Mosaic – sviluppatore: Marc Andreessen. Data di battesimo: 22 aprile 1993

Quando lo vidi capii che la novità non era nei colori: lo sfondo era grigio e le immagini erano davvero scarse. Tutto lo stupore (e, lo confesso, l’emozione) era nelle potenzialità che quel software prometteva. Oggi il concetto di link è diventato così banale che raramente si sottolinea l’importanza dell’ipertesto: avere la possibilità di inserire collegamenti ad altri contenuti del web ha qualcosa di grandioso.

Gavino mi mostrò subito cosa c’era dietro: il linguaggio HTML (HyperText Markup Language) con il quale si potevano creare manualmente le “pagine” (non si è mai trovato un modo migliore per chiamarle). In effetti imparare a creare ipertesti con l’Html per me è stata veramente l’apertura verso un mondo nuovo. Da quella (era la versione 2.0 di Mosaic) le cose nel web sono cambiate moltissimo, ma sotto sotto c’è sempre l’Html. Sono orgoglioso di aver fatto una, pur breve, esperienza a Video Online – [VIDEO ONLINE] http://it.wikipedia.org/wiki/Video_On_Line – come accatiemmellista (nel 1995) e di averlo insegnato negli anni seguenti in corsi professionali e all’università di Cagliari. E soprattutto di aver sviluppato la tesi di laurea in Fisica al CRS4, nel 1995, sempre con Gavino Paddeu.

All’epoca c’era davvero poco e uno dei rari elenchi di siti web era il “What’sNew” – [WHATS NEW] http://www.cs.rochester.edu/dept/history/ncsa-whats-new-jan-1994.html . Le informazioni presenti nel web, allora, erano in gran parte originate dalle università nordamericane. E lo sviluppo fu improvviso e impetuoso. Dopo Mosaic assistemmo alla nascita di un nuovo browser: Netscape Navigator. Concepito e allattato da Andreessen e dal suo socio Jim Clark, Netscape solo un anno dopo regalò fama e ricchezza ai suoi genitori: il suo collocamento in Borsa rappresenta tuttora il maggiore successo della storia di Wall Street. Il giorno del suo ingresso nei listini, il 9 agosto 1995, le azioni Netscape balzarono da 28 a 58 dollari, con richieste per 100 milioni di dollari.

Eppure non dobbiamo dimenticare che il creatore del World wide web, Tim Berners-Lee, non era entusiasta dell’invenzione di Marc Andreessen: temeva che l’introduzione delle immagini avrebbe snaturato il web. E in effetti non aveva tutti i torti. Ma non solo in negativo.

(*) Ricordo – per chi si trovasse a passare da qui per la prima volta – il senso di questo appuntamento quotidiano. Dall’11 gennaio 2013, ogni giorno (salvo contrattempi sempre possibili) troverete in blog a mezzanotte e un minuto una «scordata» – qualche volta raddoppia, pochi minuti dopo – di solito con 24 ore circa di anticipo sull’anniversario. Per «scor-data» si intende il rimando a una persona o a un evento che per qualche ragione il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna dimenticano o rammentano “a rovescio”.

Molti i temi possibili. Molte le firme (forse non abbastanza per questo impegno quotidiano) e assai diversi gli stili e le scelte; a volte troverete post brevi, magari solo una citazione, un disegno o una foto. Se l’idea vi piace fate circolare le “scor-date” o linkatele ma ovviamente citate la fonte. Se vi va di collaborare – ribadisco: ne abbiamo bisogno – mettetevi in contatto (pkdick@fastmail.it) con me e con il piccolo gruppo intorno a quest’idea, di un lavoro contro la memoria “a gruviera”. (db)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

  • Aggiungo due note 1) in alcuni casi l’archeologia web è quasi impossibile, dato che i siti creati 20 anni fa se sono ancora in piedi sono stati rinnovati senza conservare le stratificazioni, tranne in rari casi; 2) sarò eternamente grato a Gavino Paddeu per avermi mostrato Mosaic (20 anni e mezzo fa)!
    Andrea Mameli, Cagliari, 21 aprile 2013.

    • Andrea ET Bernagozzi

      Caro Andrea, grazie per la bella scor-data! Per l’archeologia del web ricordo a chi passa da questo blog la Wayback Machine dell’iniziativa statunitense no profit Internet Archive. Digiti un indirizzo web nello spazio apposito e puoi vedere com’era quella pagina web in certe date, quando il sito è stato ‘fotografato’ dal sistema. C’è chi si commuove…

Rispondi a Andrea ET Bernagozzi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *