Small Axe – Steve McQueen

(visto da Francesco Masala)

una serie tv del 2020 – in realtà cinque film da leccarsi i baffi – che racconta di razzismo e resistenza, dedicata a George Floyd da Steve McQueen

ormai il regista Steve McQueen lo conoscono tutti.

ha vinto un Oscar e girato alcuni capolavori

Nel 2020 ha girato cinque film ambientati all’inizio degli anni ottanta a Londra, nei quartieri, come Brixton, dove vive (va) la comunità “nera” originaria delle Indie Occidentali.

guardate questi film e poi vedrete con occhi diversi quei razzisti imperialisti colonialisti bianchi e gli immigrati sfruttati e maltrattati e saprete da che parte stare, senza il minimo dubbio.

buona visione!

 

Mangrove – Steve McQueen

quando ancora c’erano le sale cinematografiche un film come questo sarebbe comunque passato a fatica, nonostante il regista si chiami Steve McQueen, che con 12 anni schiavo ha vinto meritatamente il premio Oscar nel 2014.

adesso il mondo del cinema è cambiato e i produttori dei film (e delle serie sopratutto) si chiamano Netflix e Amazon, fra gli altri.

il film è in realtà uno di un gruppo di cinque, con il titolo di Small Axe (produzione  e distribuzione di BBC e Amazon Prime, fra gli altri), e Mangrove è il primo dei cinque.

il regista è dei migliori in circolazione, gli attori sono bravissimi, la sceneggiatura è perfetta, la storia è successa davvero (nel 1973 un regista italiano che si chiama Franco Rosso fece un film documentario di 37 minuti, “The Mangrove Nine”, qui una parte del film).

ci sono degli immigrati dalle Indie Occidentali, ex colonie inglesi, che a Londra, a Notting Hill, gravitano intorno al Mangrove, un ristorante (etnico, direbbe qualcuno).

la polizia li prende di mira, razzisti da fare schifo, e anche le Pantere Nere (sempre siano benedette) si uniscono alla lotta, per resistere alla polizia e…

il resto, guardatelo voi, è uno dei film più belli dell’anno, promesso

https://markx7.blogspot.com/2021/04/mangrove-steve-mcqueen.html

 

Lovers Rock – Steve McQueen

secondo film della serie Small axe.

una festa di giovani giamaicani, solo per loro (i bianchi non li volevano nelle loro feste) con la preparazione e il dopo (della festa).

musica, musica e musica, droga, sesso e reggae, ma non solo, c’è spazio per un amore che nasce, e ancora musica.

attori bravi, nelle mani di Steve McQueen, in una storia che non è tutta rose e fiori.

anche il secondo film di Small axe, a suo modo, in modo diverso da Mangrove, è un film da non perdere.

buona visione

https://markx7.blogspot.com/2021/04/lovers-rock-steve-mcqueen.html

 

 

 

Red, White and Blue – Steve McQueen

il protagonista, bravissimo, è John Boyega, il Moses di Attack the block.

e il film, come capita a Steve McQueen, ha molto da dire, non è solo arte per l’arte.

a Londra, capitale di un impero dove tutti erano per forza inferiori, ci sono i colonizzati che vogliono diventare cittadini, o almeno rispettati da quei razzisti di merda.

Leroy sceglie di diventare poliziotto, e cambiare quel sistema da dentro.

se non si capisce ancora, il film è bellissimo, non perdetevelo.

buona visione

https://markx7.blogspot.com/2022/07/red-white-and-blue-steve-mcqueen.html

 

Alex Wheatle – Steve McQueen

quarto episodio della serie (di 5 film) Small Axe, sempre ambientato nella Londra razzista dell’inizio degli anni ’80.

Alex, un ragazzo che passa da una casa all’altra, dall’orfanotrofio allìaffido, senza famiglia, finisce in galera e lì comincia ad avere coscienza di sé e delle sue radici.

un compagno di cella lo guida in un percorso di autocoscienza, con successo.

e Alex rilegge la sua vita e le sue disgrazie con altri occhi.

sempre ottima musica, grande storia di riscatto e resistenza, il dio del cinema benedica Steve McQueen.

buona (galeotta) visione

https://markx7.blogspot.com/2022/07/alex-wheatle-steve-mcqueen.html

 

Education – Steve McQueen

Kingsley è un ragazzino che ha bisogno di attenzione, figlio di operai immigrati poveri.

Kingsley è buono e gentile, da grande vuole fare l’astronauta, è intelligente, però ha difficoltà a leggere, e la scuola si libera di lui mandandolo in una scuola speciale, per ritardati.

i genitori sono rassegnati, lui soffre, ma non può dirlo a nessuno.

e poi appare un’associazione per la difesa della minoranza black, in Inghilterra, nel centro di quell’impero schiavista e razzista, devono convincere prima di tutti i genitori di quelle bambine e di quei bambini di quanto sia razzista quella scuola.

a Kingsley il mondo torna a sorridere e lui a sognare.

gran film, come tutto Small Axe, non perdetevelo.

buona (sofferta e ottimistica) visione

https://markx7.blogspot.com/2022/07/education-steve-mcqueen.html

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.