Solitudini e giorgiamelonismi

La rubrica settimanale (con brevi testi e fotomontaggi) di Chief Joseph: 128esimo appuntamento

 

A Carmagnola, nella notte fra il 28 e il 29 gennaio, Alexandro Riccio ha ucciso la moglie Teodora e il figlio Ludovico di 5 anni; poi ha tentato di suicidarsi gettandosi dal balcone. I vicini hanno raccontato che l’uomo era diventato cupo e frequenti erano le urla provenienti dall’appartamento. I rilievi hanno evidenziato che l’assassino ha colpito la moglie con quindici coltellate e il figlioletto con otto.

L’immagine accanto al capo indiano è tratta dal giornale delle scienze psicologiche «State of mind».

 

Rodolfo Graziani era il vice-re quando ad Addis Abeba nel febbraio 1937 soldati e civili italiani massacrarono oltre 30 mila etiopi (anche donne, bambini, mendicanti) bruciandoli, impiccandoli e fucilandoli. Precedentemente, in Libia, si guadagnò il soprannome di macellaio del Fezzan per aver “pacificato” la colonia con massacri, torture, armi chimiche e deportazione a marce forzate in campi di concentramento. L’11 agosto del 2012 il sindaco di Affile, Ercole Viri – Fratelli d’Italia – ha inaugurato il mausoleo dedicato al massacratore Graziani (*) definendolo un esempio per i giovani. Alla cerimonia erano presenti molti esponenti di Fratelli d’Italia, fra i quali Francesco Lollobrigida, esponente di primo piano del partito di Giorgia Meloni.

(*) in “bottega” del sacrario – cioè lo “schifezzario” – di Affile e del revisionismo storico delle destre abbiamo scritto molte volte; Giorgia Meloni e i fascismi dei giorni nostri è il post più recente.

L’AUTORE 

Chief Joseph – o se preferite Capo Giuseppe – è stato una guida (militare e spirituale) dei Nasi Forati, un popolo nativo americano. Si chiamava in realtà Hinmaton Yalaktit, che in lingua niimiipuutímt significa Tuono che rotola dalla montagna. Da tempo riceviamo molti contributi alla “bottega” firmati Chief Joseph. Sono fotomontaggi per dialoghi immaginari (spesso volutamente anacronistici) a commentare una notizia o un breve testo. Ci piacciono per l’estrema sintesi e la contrapposizione fra mondi diversi. Così la “bottega” ha chiesto a Chief Joseph di prendersi uno spazio fisso (come hanno da tempo le vignette di Energu) e lui ha accettato: faremo il mercoledì mattina. [db]

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *