(The) Babadook – Jennifer Kent

1

la mamma è Essie Davis (qui è Caitlin, la moglie di Dylan Thomas), Amelia e Samuel sono madre e figlio, alle spalle un dramma enorme, un macigno sulla vita di entrambi, suo marito, il padre di Samuel, è morto quando la stava portando all’ospedale per partorire.
Amelia e Samuel vivono una vita difficile, lei lavora in una casa di cura per anziani, lui colleziona note ed espulsioni e ostracismi vari, non è un bambino normale, dicono.
Samuel vede i fantasmi, e tocca alla madre mostrargli che non esistono, e leggergli una favola per dormire.
poi appare Babadook.
nessuno li salverà, Amelia dovrà imparare a costo della vita a convivere con Babadook, è l’unica strada, Samuel lo farà a tempo debito, gli dice la madre.
chi pensa sia un horror sbaglia strada, è solo cinema, e al buio, capirai tutto.
è utile avere anche una pazienza altissima, praticamente zen, per non alzarsi e picchiare tutti quei ragazzini e ragazzine che non avevano altro da fare che andare al cinema a mangiare, e ridere, e chiacchierare, tutto meno che stare zitti (di quei ragazzi e ragazze, sono dappertutto, se ne parla qui)
non sporcate la vostra fedina penale, il film merita questo sacrificio, non sarete delusi, è cinema di serie A, promesso, il cinema vi aspetta

http://markx7.blogspot.it/2015/07/the-babadook-jennifer-kent.html

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.