Torna «I dialetti nelle valli del mondo»

     Domani 9 aprile a Sant’Agata Feltria: musica e poesia con Basir Ahang, Viorel Boldis, Lisa Bortolato, Luigi Cappella, Gastone Cappelloni, Rosana Crispim Da Costa, Giovanni Fierro, Rossella Renzi, Sandro Carta, Luciana Elizondo, Pierluigi Vicini

9aprile-Rosana

«I dialetti nelle valli del mondo«», lo spettacolo promosso dall’associazione culturale D’là de’ foss di Pennabilli, di cui è ideatrice, curatrice e regista la poetessa Rosana Crispim da Costa, vedrà lo svolgersi della sua V edizione il 9 aprile nel suggestivo scenario del teatro Angelo Mariani di Sant’Agata Feltria.

Varato nel 2012 a Santarcangelo, approdato a Sant’Agata Feltria dopo aver toccato Pennabilli, ormai consolidato nel suo forte impianto emozionale, «I dialetti nelle valli del mondo» fonde musica e poesia basando le proprie motivazioni sul contatto fra civiltà diverse e sulla conoscenza ai fini della tolleranza, della convivenza e del comune sviluppo culturale e sociale.

L’importanza dell’iniziativa appare ancor più evidente nei giorni in cui assistiamo a migrazioni inarrestabili che stanno mutando l’assetto di una parte del mondo e significativamente dell’Europa. Nazioni e cittadini dovrebbero essere preparati a confrontarsi con culture diverse senza temere di perdere la propria, a integrarne i valori senza sostituirli ai propri, ma i fatti dimostrano quanto siano in ritardo su questo piano istituzioni e individui.

Lungo secoli di storia, la Valmarecchia ha visto transitare viandanti, migranti, transfughi di ogni genere, in cerca di pane e migliori fortune, in rotta dopo una sconfitta, in fuga dalle carestie e dalle epidemie, ma ha anche perso tanti suoi figli, travolti dalle guerre o emigrati nelle Americhe e nel Nord Europa, esattamente come i migranti che dall’Est dell’Europa e dal Nord Africa raggiungono l’Italia in cerca di lavoro.

«I dialetti nelle valli del mondo» vuole mettere a confronto differenti culture, tradizioni e idiomi ed essere di stimolo all’accoglienza e alla conoscenza, alla tolleranza e all’integrazione con chi raggiunge il nostro Paese alla ricerca di lavoro o fuggendo da un preoccupante moltiplicarsi di guerre devastanti e contagiose. Conoscere è l’unico modo per abbattere barriere precostituite, per annullare pregiudizi, prevaricazioni e discrimini, per integrarsi senza perdere ciascuno il proprio patrimonio di secolare saggezza e civiltà, per arricchirsi l’uno delle prospettive dell’altro.

La rassegna presenta anche quest’anno poeti di origine straniera che scrivono in italiano e poeti italiani che scrivono in dialetto: tutti leggono le proprie liriche accompagnati da musicisti di grande talento in un ruolo non marginale, secondario, ma, anche grazie all’attenta regia di Rosana Crispim da Costa, organico allo spirito della manifestazione, in perfetta sintonia con i poeti e con il passo della recitazione. Insieme raggiungono l’animo degli spettatori, ne fanno scaturire emozioni, li stupiscono, li commuovono, si impongono in mirabili assolo e lasciano emergere tutta la loro personalità artistica.

È soprattutto la sintesi, oltre alla assoluta qualità di tutti gli interpreti, la chiave del successo di questa unica, emozionante manifestazione: l’armonia, la capacità di fondere la poesia, la forza delle parole, con la musica, la seduzione delle note.

La V edizione del progetto «I dialetti nelle valli del mondo», promossa dall’associazione culturale di Pennabilli D’là de’ foss, ideata e curata dalla poetessa Rosana Crispim da Costa, si svolgerà sabato 9 aprile nel teatro Angelo Mariani di Sant’Agata Feltria alle ore 21. L’ingresso è a offerta libera, ma è indispensabile la prenotazione telefonando allo 0541 929619

Per informazioni: Rosana Crispim da Costa, crispim@libero.it, 0541 929441 / 339 1421460

 

I PROTAGONISTI:

Basir Ahang, poeta afgano

Viorel Boldis, poeta romeno

Lisa Bortolato, poetessa veneziana

Luigi Cappella, poeta pennese

Gastone Cappelloni, poeta vadese

Rosana Crispim Da Costa, poetessa brasiliana

Giovanni Fierro, poeta goriziano

Rossella Renzi, poetessa ravennate

Sandro Carta, musicista sardo

Luciana Elizondo, musicista argentina

Pierluigi Vicini, musicista santagatese

Presentano Isabel Fonseca & Vallino

Regia di Rosana Crispim Da Costa

 

CENNI BIOGRAFICI

Basir Ahang

Basir Ahang, giornalista e attivista per i diritti umani, è nato a Ghazni, in Afghanistan, si è laureato all’Università di Kabul in Storia e letteratura persiana.

Ha scritto per diversi giornali locali ed è stato tra i fondatori di Radio Malistan.

Nel 2006 ha contribuito alla liberazione del giornalista italiano Gabriele Torsello, rapito dai Talebani, ma è stato oggetto di minacce e intimidazioni e costretto a fuggire.

In Italia ha operato come interprete e mediatore culturale e si è occupato di progetti a favore dei rifugiati.

Molte delle sue poesie sono state tradotte in italiano, in inglese e spagnolo.

Nel 2015 la casa editrice Gilgagemesh ha pubblicato il suo primo libro di poesie in italiano dal titolo “Sogni di tregua”.

Viorel Boldis

Viorel Boldis è nato a Oradea, in Romania.

Giornalista in un quotidiano locale, è emigrato prima in Grecia nel 1992, poi in Italia nel 1995.

Ha lavorato come traduttore e mediatore culturale presso la Provincia di Brescia.

Le sue poesie sono state inserite in alcune antologie in lingua italiana; ha pubblicato cinque raccolte di poesie in rumeno, albanese e italiano e alcuni libri illustrati per ragazzi.

Lisa Bortolato

Nata a Venezia, Lisa Bortolato attualmente vive a Mira, sulla riviera del Brenta.

A 16 anni ha vinto il concorso “Piccolo poeta”, l’anno seguente si é classificata quinta nel concorso internazionale “Città di Venezia”.

Attualmente è impegnata nella preparazione della sua prima raccolta di poesie.

Luigi Cappella

Luigi Cappella, nato a Pennabilli, dove ha appena concluso la sua lunga carriera di medico è un grande appassionato della natura e delle tradizioni contadine, da cui prendono ispirazione le sue liriche.

Solo da alcuni anni ha iniziato a scrivere poesie e pensieri nel suo dialetto, che raccontano dei profumi della campagna, dei rumori del bosco, dei ritmi del tempo.

Oggi dedica il suo tempo all’amministrazione di Casteldelci, di cui è sindaco, e alla scrittura del suo primo libro di poesie.

Gastone Cappelloni

Il poeta marchigiano Gastone Cappelloni, nato a Sant’Angelo in Vado, ha al suo attivo venti raccolte di poesie, di cui l’ultima, “Tu, ottava nota”, è legata a un significativo progetto sociale.

Chiamato frequentemente a partecipare a letture e concorsi di poesia, ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti nazionali e internazionali.

Rosana Crispim Da Costa

Rosana Crispim Da Costa è nata a San Paolo del Brasile, ma vive da molti anni in Italia, dove ha scoperto la propria vena poetica.

Ha pubblicato numerose raccolte, è stata citata in quattro antologie e ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti tra cui, nel 2007, il primo posto al concorso letterario “Lingua madre”.

Ha collaborato con radio e televisioni private, ed è l’autrice e l’animatrice di questa manifestazione.

Giovanni Fierro

Il poeta Giovanni Fierro è nato e vive a Gorizia.

I suoi testi sono stati ineseriti nelle raccolte “Frantumi” e “Prepletanja – Intrecci”; nel dicembre 2004 ha pubblicato la sua prima raccolta poetica; nel febbraio 2011 è uscita la sua raccolta più recente “Il riparo che non ho”, che ha vinto nel 2012 il premio “Ultima Frontiera”.



Ha partecipato a letture e festival poetici in Italia, Slovenia, Croazia, Austria e Repubblica Ceca.



Collabora con il quotidiano Il Piccolo e la rivista IsonzoSoča.


Rossella Renzi

Rossella Renzi vive a Conselice, in provincia di Ravenna, dove insegna.

Scrive su riviste di critica letteraria e dal 2003 è redattrice di “Argo – Rivista d’esplorazione”.

Ha pubblicato due libri in versi ed è citata in diverse antologie.

È presente nel volume “I volti delle parole – 65 fotografie di poeti” a cura del fotografo Daniele Ferroni.

Organizza eventi e laboratori di lettura e scrittura.

Attualmente lavora con il musicista Mirco Mungari a un progetto di ricerca sulla contaminazione tra parola e suono.

Sandro Carta

Sandro Carta è nato a Nuoro, successivamente si è trasferito nelle Valli del Natisone dove vive e lavora.

Suona in varie formazioni di musica Oberkrainer e in alcune formazioni di musica contemporanea, tra le quali la Topoloska Minimalna Orkestra.

Luciana Elizondo

Luciana Elizondo ha iniziato i suoi studi presso la Scuola di Musica dell’Università Nazionale di Rosario in Argentina, dove è nata.

Ha studiato viola da gamba e ha fatto parte dell’ensemble Promusica Rosario Antiqua.

Nel 2005 ha ottenuto una borsa di studio che le ha permesso di stabilirsi in Italia e ha proseguito gli studi musicali presso L’Accademia Internazionale della Musica di Milano, dove si è diplomata.

Con diversi ensemble si è esibita nei più importanti teatri europei e del Latinoamerica.

Insegna viola da gamba presso la Scuola Internazionale Musicale di Milano e il Conservatorio Stanislao Giacomantonio di Cosenza.

Pierluigi Vicini

Nato a Rimini, Pierluigi Vicini vive a Sant’Agata Feltria.

È dedito alla musica improvvisata.

Compositore estemporaneo (dal free al be-bop, dai ritmi sudamericani alle manfrine), sassofonista (tenore, alto e soprano), trombettista e percussionista, è un musicista autodidatta, appassionato di jazz e improvvisazione tonale.

Alterna concerti a eterogenee situazioni artistiche, spesso al fianco di musicisti nazionali e internazionali di fama.

Ha preso parte a importanti pièce teatrali, performance artistiche, concerti ed eventi sonori, che ha valorizzato con il suo contributo professionale e creativo.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.