TPAN: e il Parlamento italiano dov’è?

  di Wilpf e Disarmisti Esigenti con un commento di Giuseppe Bruzzone e un appello di Peppe Sini

Il  7 luglio 2019 segna la scadenza del secondo anno dal   Trattato sottoscritto a New York da 122 paesi riuniti nella sede ONU per la PROIBIZIONE   DELLE ARMI NUCLEARI. Si è giunti a quel Trattato dopo una mobilitazione globale sempre più viva e partecipata nei precedenti 5 anni, riunita nell’organizzazione ICAN, cui fu conferito nel 2017 il Premio Nobel per la Pace.    Fino a oggi 70 paesi di tutti i continenti hanno sottoscritto il Trattato  e 27 di essi  lo hanno fino a oggi ratificato, ma non è ancora superata la soglia della ratifica dei 50 Paesi per la sua entrata in vigore.

Le associazioni WILPF Italia e Disarmisti Esigenti che in più occasioni hanno sollecitato  il voto dell’Italia, rinnovano in questo secondo anniversario il sollecito al Parlamento italiano a unire la propria voce per la Pace, affinché il TPAN possa divenire operativo e avviarsi a rendere reale l’aspirazione di milioni di cittadini a preservare l’umanità dall’enorme rischio che la sovrasta.

https://www.pressenza.com/it/2019/07/a-milano-la-prima-italiana-de-linizio-della-fine-delle-armi-nucleari-documentario-sul-trattato-di-proibizione-delle-armi-nucleari/

Il commento di Giuseppe Bruzzone

WLPF e Disarmisti esigenti ci ricordano che esiste un Trattato internazionale sulla proibizione delle armi nucleari. L’ unico che al suo articolo 1, con nettezza, proibisce il possesso, la trasformazione, la trasmissione, la cessione ad altri delle armi nucleari. E che al Senato è depositata una mozione che invita il Parlamento alla sua discussione e approvazione.

Vorrei aggiungere a queste giuste posizioni pacifiste un’altra che toccherebbe tutti noi, pacifisti e non, parlamentari, istituzioni di qualsiasi genere (militare, civile, sociale, religioso). Siamo consapevoli, ma veramente, con il pensiero che non molla la presa, che se scoppiasse una guerra nucleare tra due o più Stati, TUTTA L’ UMANITA’ ne risentirebbe con le sue distruzioni e le varianti del clima che inciderebbero sulla produzione agricola-alimentare. Ma avrebbe un perché questo? E se lo avesse non sarebbe frutto di arroganza, di superiore imbecillità, nostra umana, di comportamenti distruttivi senza voler affrontare i problemi di oggi che la nostra realtà ci pone?

Siamo in ERA NUCLEARE ! Non ci sono Stati firts, Popoli first, Industrie first (che portano anch’ esse alla rovina): basta pensarci con realismo. Quest’ ERA ci dice che, se non vogliamo morire, la più gran parte di noi deve smettere e fare smettere di partecipare a guerre di qualsiasi tipo, di spiarci tra amici e nemici o viceversa, perché il nostro Stato deve controllare tutto e tutti. Esso non è composto da umani che nella loro evoluzione sono cambiati ma fanno ancora la cacca come milioni di anni fa. E vogliono bene alla propria cerchia umana per quello scambio generazionale che esalta la VITA, per quella reciproca protezione tra anziani e giovani !

Giuseppe Bruzzone

Appello al Presidente della Repubblica: preghiera di un impegno per il disarmo nucleare
Egregio Presidente della Repubblica,
il 7 luglio 2017 la conferenza ad hoc dell’Onu ha adottato il Trattato per la proibizione delle armi nucleari. Il trattato non solo costituisce un importante progresso sulla via della pace, ma anche – ed ancor piu’ – un impegno decisivo in difesa dell’esistenza stessa dell’umanita’ che gli armamenti atomici minacciano di distruzione.
Ricorreva ieri l’anniversario del test di Alamogordo che diede avvio alla “eta’ atomica” sulle cui terribili caratteristiche il grande filosofo Guenther Anders ha scritto parole definitive.
E tra poche settimane ricorrera’ l’anniversario della bomba su Hiroshima, e poi quello della bomba su Nagasaki.
Come ogni anno il 6 e il 9 agosto l’umanita’ si raccogliera’ in meditazione; ma tale meditazione deve dar luogo ad azioni concrete.
E l’azione concreta indispensabile e’ quella stabilita nel Trattato Onu per l’universale proibizione delle armi atomiche.
Nel 1981 l’indimenticabile padre Ernesto Balducci in un suo illuminante discorso ebbe a parlare delle “tre verita’ di Hiroshima“; mi consenta una testuale citazione di quelle parole.
Diceva padre Balducci: «La prima verita’ contenuta in quel messaggio e’ che il genere umano ha un destino unico di vita o di morte. Sul momento fu una verita’ intuitiva, di natura etica, ma poi, crollata l’immagine eurocentrica della storia, essa si e’ dispiegata in evidenze di tipo induttivo la cui esposizione piu’ recente e piu’ organica e’ quella del Rapporto Brandt. L’unita’ del genere umano e’ ormai una verita’ economica. Le interdipendenze che stringono il Nord e il Sud del pianeta, attentamente esaminate, svelano che non e’ il Sud a dipendere dal Nord ma e’ il Nord che dipende dal Sud. Innanzitutto per il fatto che la sua economia dello spreco e’ resa possibile dalla metodica rapina a cui il Sud e’ sottoposto e poi, piu’ specificamente, perche’ esiste un nesso causale tra la politica degli armamenti e il persistere, anzi l’aggravarsi, della spaventosa piaga della fame. Pesano ancora nella nostra memoria i 50 milioni di morti dell’ultima guerra, ma cominciano anche a pesarci i morti che la fame sta facendo: 50 milioni, per l’appunto, nel solo anno 1979. E piu’ comincia a pesare il fatto, sempre meglio conosciuto, che la morte per fame non e’ un prodotto fatale dell’avarizia della natura o dell’ignavia degli uomini, ma il prodotto della struttura economica internazionale che riversa un’immensa quota dei profitti nell’industria delle armi: 450 miliardi di dollari nel suddetto anno 1979 e cioe’ 10 volte di piu’ del necessario per eliminare la fame nel mondo. Questo ora si sa. Adamo ed Eva ora sanno di essere nudi. Gli uomini e le donne che, fosse pure soltanto come elettori, tengono in piedi questa struttura di violenza, non hanno piu’ la coscienza tranquilla.
La seconda verita’ di Hiroshima e’ che ormai l’imperativo morale della pace, ritenuta da sempre come un ideale necessario anche se irrealizzabile, e’ arrivato a coincidere con l’istinto di conservazione, il medesimo istinto che veniva indicato come radice inestirpabile dell’aggressivita’ distruttiva. Fino ad oggi e’ stato un punto fermo che la sfera della morale e quella dell’istinto erano tra loro separate, conciliabili solo mediante un’ardua disciplina e solo entro certi limiti: fuori di quei limiti accadeva la guerra, che la coscienza morale si limitava a deprecare come un malum necessarium. Ma le prospettive attuali della guerra tecnologica sono tali che la voce dell’istinto di conservazione (di cui la paura e’ un sintomo non ignobile) e la voce della coscienza sono diventate una sola voce. Non era mai capitato. Anche per questi nuovi rapporti fra etica e biologia, la storia sta cambiando di qualita’.
La terza verita’ di Hiroshima e’ che la guerra e’ uscita per sempre dalla sfera della razionalita’. Non che la guerra sia mai stata considerata, salvo in rari casi di sadismo culturale, un fatto secondo ragione, ma sempre le culture dominanti l’hanno ritenuta quanto meno come una extrema ratio, e cioe’ come uno strumento limite della ragione. E difatti, nelle nostre ricostruzioni storiografiche, il progresso dei popoli si avvera attraverso le guerre. Per una specie di eterogenesi dei fini – per usare il linguaggio di Benedetto Croce – l’accadimento funesto generava l’avvenimento fausto. Ma ora, nell’ipotesi atomica, l’accadimento non genererebbe nessun avvenimento. O meglio, l’avvenimento morirebbe per olocausto nel grembo materno dell’accadimento».
Ogni persona ragionevole condivide queste riflessioni, questo monito.
E del resto illustri personalita’ come lo scienziato Albert Einstein, il filosofo Bertrand Russell, e con loro altri scienziati e pensatori, fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso promossero l’appello per il disarmo nucleare che recava le preziose, profonde parole: «Non parliamo, in questa occasione, come appartenenti a questa o a quella nazione, continente o credo, bensi’ come esseri umani, membri del genere umano, la cui stessa sopravvivenza e’ ora in pericolo». Ed ancora: «Ci appelliamo, in quanto esseri umani, ad altri esseri umani: ricordate la vostra umanita’».
Il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari e’ il frutto della crescente consapevolezza da parte dell’umanita’ intera della verita’ delle riflessioni sopra ricordate.
Come e’ noto, affinche’ il trattato divenga vincolante occorre che almeno 50 paesi vi aderiscano e lo ratifichino, ed il numero necessario non e’ ancora stato raggiunto.
L’Italia non lo ha ancora sottoscritto, e quindi neanche ratificato.
Eppure non vi e’ cittadino italiano – anzi: non vi e’ essere umano senziente e pensante – che non sia persuaso della necessita’ di evitare la distruzione dell’umanita’, della necessita’ quindi di abolire le armi atomiche.
Cosa si aspetta allora ad aderire al Trattato?
Molte volte lei ha detto parole vere e sagge di esortazione all’impegno per la pace, la solidarieta’, il rispetto dei diritti di tutti gli esseri umani, la difesa dell’intero mondo vivente.
Voglia ancora una volta esprimersi contro la criminale follia degli armamenti atomici.
Nell’esercizio del suo ruolo, delle sue funzioni e delle sue competenze, voglia far sentire la voce dell’umanita’ che invoca la proibizione delle armi nucleari che l’intera umanita’ minacciano di distruzione.
Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo
Viterbo, 17 luglio 2019

NELLA MAPPA (ripresa da Wikipedia): in verde gli Stati che hanno ratificato il trattato e i giallo quelli che hanno firmato il trattato

IN “BOTTEGA” cfr – fra i tanti – Tpan: per passare dalla non proliferazione all’eliminazione delle armi nucleari, Riflessioni sull’Era Nucleare e sulle nostre urgenze e ICAN: il premio Nobel (e i molti “ignobel” pro armi nucleari)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • finalmente l’attenzione rivolta su WILPF Italia
    che da oltre 5 anni si sta battendo per la proibizione
    delle armi nucleari …e dopo il TPAN , per la ratifica
    dell’Italia. Il 6 agosto- anniversario di Hiroshima- saremo
    nella piazza del Pantheon, come ogni anno, a riproporre
    l’appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.