Una lettera collettiva al sindaco Sala…

sui cambiamenti climatici

appellosala-altan

All’attenzione di Giuseppe Sala,

sindaco della Città Metropolitana di Milano

Vorremmo farle presente un tema al quale noi teniamo molto e di cui si sente poco parlare: il tema dei cambiamenti climatici.

Il pianeta ci sta mandando dei messaggi allarmanti: ghiacciai che si sciolgono, il mare che si innalza, regioni del Bangladesh già sommerse, soppressione di campi coltivati, distruzione della biodiversità, di specie animali e vegetali, diminuzione dell’acqua potabile, cicloni che distruggono, siccità che provocano milioni di profughi africani. Tutto perché in questi duecento anni, dalla rivoluzione industriale in poi, abbiamo estratto e bruciato carbone, petrolio, gas in quantità enormi, contribuendo alla formazione di gas serra che provocano il riscaldamento della terra.

A dicembre 2015 si è tenuta a Parigi la conferenza sul clima COP21, in cui il governo italiano ha sottoscritto impegni per contenere l’aumento della temperatura media del pianeta di 1,5 °C , ma i livelli di emissioni continuano a crescere, anche in Italia. In questi giorni è iniziata a Marrakech la conferenza Cop 22 dove si spera che i governi programmino azioni concrete. Se abbiamo a cuore “la casa comune” e la vita di tutti gli esseri futuri non abbiamo più tempo, perché l’URGENZA si sta trasformando in EMERGENZA.

A nostro parere occorre che i governi comunali diano l’esempio e premano perché il governo centrale attualizzi gli accordi Cop 21 di Parigi e Cop 22 di Marrakech, cioè abbassi drasticamente le emissioni di CO2 e degli altri gas nocivi. Milano può e deve con più vigore dare l’esempio, partendo dai lati positivi raggiunti in questi anni.

A nostro parere occorre:

—FARE UN PIANO PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE : ° creare le condizioni , con l’ aumento dei mezzi di trasporto pubblico e delle possibilità di parcheggio, per estendere “l’area C” al fine di combattere l’inquinamento dell’aria; ° migliorare il collegamento con i Comuni limitrofi (aumentare le corse, costruire le linee che sono in programma da anni, come ad es. il prolungamento della MM2 da Cologno a Vimercate, e introdurre una tariffazione più equa); ° aumentare il bike sharing e il car sharing anche in periferia; ° ridurre la velocità degli autoveicoli in città; ° far rispettare i vincoli già imposti; ° adottare agevolazioni tariffarie concordate con le aziende di trasporto pubblico; ° favorire l’auto elettrica con incentivi e sgravi fiscali anche da parte del Comune; ° diffondere piazzole per la ricarica delle batterie con l’uso di tettoie fotovoltaiche; ° aumentare e raccordare tra loro le piste e le corsie ciclabili.

— RIDURRE IL CONSUMO DI ENERGIA rispettando gli impegni formali già presi col PAES ( Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ) :

° incentivare la riqualificazione energetica delle case per eliminare le dispersioni e ottimizzare i consumi;

° controlli sui caminetti, sulle stufe a legna e sulle caldaie a gasolio assai inquinanti;

° detrazioni fiscali a chi introduce negli edifici le caldaie a condensazione, le pompe di calore, la cogenerazione e la trigenerazione ad alta efficienza, gli impianti geotermici;

° bene ha fatto il Comune a munire l’illuminazione pubblica di parecchie strade con lampioni Led , ma occorre ridurre drasticamente i combustibili fossili incentivando l’energia alternativa con pannelli solari e fotovoltaici;

° sanzionare lo spreco energetico dovuto alle porte aperte dei negozi e centri commerciali;

° vietare la circolazione a partire dal 2020 dei Suv e dei diesel euro tre, dannosi per ragioni climatiche e per le emissioni di polveri sottili cancerogene; ° la Città Metropolitana Milanese potrebbe aderire alla campagna “ divestitaly “ (Sito: http://www.divestitaly.org#0000ff;">), che propone di ritirare i propri investimenti da quei soggetti che operano nel settore dell’estrazione e della commercializzazione dei combustibili fossili, il cui utilizzo rappresenta una delle cause principali dei cambiamenti climatici di origine antropica. Città come Stoccolma, Uppsala, Copenaghen, Oslo, Parigi hanno disinvestito per indurre le industrie a mantenere sotto terra le riserve di carbone e lignite.

— continuare LA RACCOLTA DIFFERENZIATA a Milano, riducendo ancora di più gli sprechi, disincentivando la politica nazionale dell’incenerimento rifiuti che si è appurato essere anche causa di malattie, ma soprattutto prendendo accordi per mettere in atto esperienze di riduzione dei rifiuti e degli imballaggi alla fonte, ad es. nel settore della grande distribuzione commerciale;

—utilizzare il PIANO STRATEGICO METROPOLITANO per: ° AUMENTARE IL VERDE, applicando nell’ambito metropolitano gli standard che erano stati previsti dalla prima legge urbanistica regionale, la LR 51/75, che fissava 26,5 mq/abitante di standard di quartiere, di cui il 50% a verde ( attualmente, invece, la L.R. 12/2005, approvata da una giunta Formigoni/Lega, ha riportato gli standard ai minimi di 18 mq/abitante) e realizzando in Milano i grandi piani di trasformazione urbana che prevedono 15 mq/abitante di parchi urbani territoriali e 2,5 mq di servizi generali. Sarebbe davvero opportuno per la Città Metropolitana Milanese progettare un sistema continuo di parchi, boschi, oasi, orti, giardini sulle aree dismesse a partire da quelle degli scali ferroviari; ° RIQUALIFICARE SCUOLE E QUARTIERI POPOLARI : la Città metropolitana dovrebbe partire dalla ristrutturazione delle scuole e delle case dei quartieri popolari che necessitano di interventi urgenti per farne degli edifici modello di efficienza energetica, oltreché completamente bonificati dall’amianto;

° AZZERARE IL CONSUMO DI TERRITORIO, rinunciando a qualsiasi forma di condono e consentendo nuove costruzioni solo in parte di aree dismesse o comunque già cementificate. IL TERRITORIO, che racchiude in sé la fonte di ogni bene indispensabile alla vita, non va sfruttato come una risorsa a buon mercato, come fanno gli speculatori e i capitalisti della “new economy” e gli incoscienti consumisti, ma va rivalutato ( vedi rapporto ISPRA -Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – del 2016 sul consumo di suolo in Italia).

— Riguardo al BENE COMUNE ACQUA, bene ha fatto il Consiglio Comunale a eliminare l’acqua in bottiglia durante le proprie riunioni, ma occorre fare una grande opera di propaganda perché anche i cittadini bevano l’acqua di rubinetto, che a Milano è di buona qualità, controllata giornalmente, sempre disponibile; acqua che costa poco ed evita di produrre tonnellate di rifiuti da smaltire. Inoltre bisogna mettere in sicurezza l’acqua della Città Metropolitana dalla PRIVATIZZAZIONE, unendo in un’unica GRANDE AZIENDA PUBBLICA l’acqua della città gestita da MM e l’acqua dell’ ex territorio provinciale gestita da Cap Holding. A2A incombe.

— La Città Metropolitana milanese potrebbe fare una grande opera di EDUCAZIONE AMBIENTALE, diffondendo via mail, con lettere, con opuscoli, con lezioni universitarie in tutti i Municipi, la cultura della prevenzione, riduzione, recupero, riuso, riciclaggio, la scelta dei prodotti a km. zero, la propaganda dell’acqua di rubinetto e dei Gruppi d’ Acquisto Solidale e aprendo sportelli informativi sul risparmio e sull’efficienza energetica.

Naturalmente la Città metropolitana deve chiedere contributi al governo. Come si sono trovati i soldi per l’Expo e per le autostrade, si devono trovare, a maggior ragione, per combattere i cambiamenti climatici. Per esempio lo Stato potrebbe chiedere soldi alle grandi industrie di fossili, alle grandi industrie agroalimentari che hanno inquinato e continuano ad inquinare, introdurre una imposta sulle transazioni finanziarie, eliminare i sussidi per le compagnie di carburanti fossili. Il motto dovrebbe essere CHI INQUINA PAGA: quindi imposte sugli edifici residenziali, commerciali e del terziario proporzionali al loro consumo di energia.

Il Comune di Milano, a nostro parere, può e deve diventare un Comune pilota nella lotta ai cambiamenti climatici, prendendo esempio soprattutto da città come Basilea, Berna, Zurigo, Lucerna che hanno fissato obiettivi di consumo energetico pro capite per arrivare a un sistema sostenibile dal punto di vista ambientale. Ogni città che aderisce a questo progetto viene certificata come CITTA’ DELL’ENERGIA avente l’obiettivo di portare le emissioni a 1 tonnellata di CO2 pro capite/ anno entro il 2100.

Auspichiamo che il sindaco della Città Metropolitana di Milano abbia chiaro che il tema dei cambiamenti climatici è drammatico, urgente e non procrastinabile e che, quindi, il piano strategico metropolitano attui tutte le proposte sopra descritte. Vorremmo che il sindaco della Città Metropolitana di Milano proponesse una grande opera di cultura e di educazione ambientale.

Noi gruppi, associazioni, cittadine/i ci mettiamo a disposizione per un incontro/dibattito con l’amministrazione su questi temi, in modo da contribuire a questo grande lavoro di educazione ambientale.

Vorremmo, da ultimo, che il Consiglio Comunale di Milano e il Consiglio Metropolitano prendessero posizione contro l’approvazione dei trattati internazionali TISA e CETA, dannosissimi per il territorio, l’ambiente, la salute e i diritti di cittadini e cittadine. Contro il TTIP il Consiglio Comunale di Milano si è già espresso il 26 gennaio 2015.

    Cordialmente

Coordinamento Nord Sud del Mondo

Associazione per i diritti umani

Associazione Le radici e le ali

Associazione Costituzione Beni Comuni

Centro Nuovo Modello Sviluppo

Comitato Milanese Acqua Pubblica

Comitato Proteggiamo il monte Stella

EffeRossa PCI Maria Carla Baroni”

Associazione Carugate in movimento

Vivi e progetta un’altra Milano

ECOISTITUTO della Valle del TICINO Onlus

Kronos Milano MAG 2 Finance Milano

agenzia stampa PRESSENZA

ACU-Associazione Consumatori Utenti

Associazione Società Sostenibile (Asos)

Comunità per lo Sviluppo Umano Ahimsa di Milano

Don Angelo Casati- comunità” sulla soglia”

Comitato LA GOCCIA – Milano Bovisa ODISSEA, blog di cultura, dibattito e riflessione on line  direttivo sezione ANPI “A. Poletti e Caduti di Trenno” Gallaratese- Trenno-Lampugnano

appellosala-vauro

Aderiscono  i seguenti cittadini:

Cristina Agosti,

Mario Agostinelli – associazione Energia felice, già segretario CGIL Lombardia, Barbara Aiolfi – Mag2 Finance,

Daniele Barbieri – blogger db,

Piero Basso – ass. Costituzione Beni Comuni

Evasio Beduzzi, Mariangela Beretta- gruppo S. Vincenzo di S. Francesco al Fopponino, Nadia Boaretto – comitato Milanese Acqua Pubblica

Simona Bonariva

Camillo Boni , Franco Boni, Luciana Bordin – comitato La goccia, Luciana Borriero,

Elena Bozzalla Gros

Franco Calamida – ass. Costituzione Beni Comuni , Daniela Campiotti- ANPI porta Genova, Sandra Cangemi – Coordinamento Nord Sud del Mondo,

Gianni Cavinato – #1f497d;">ACU-Associazione Consumatori Utenti

Paola Ciardella Gozzini – Milano in Comune, Massimo Cighetti , Dario Cinquetti Luisa Congiu, Maia Cornacchia,

Stefano Costa Roberto Cuda- Coordinamento Nord Sud del Mondo ,

Roberto D’Ambrosio

Maria D’Angelo,

Angelo D’Auria – Comitato Quarto Oggiaro

Barbara De Col Donatella De Col  – Comitato Proteggiamo il Monte Stella , Marina De Col

Lodovico Defendente

Andrea De Lotto – maestro elementare, Carla Dentella

Rose Marie De Songa, Leonardo D’Itri

Laura Donati, Vito Empirio,

Franco Filippazzi

Giuliana Filippazzi

Marco Filippazzi

Umberto Formica

Angelo Gaccione#1f497d;">– direttore del blog Odissea

Silvana Galassi- comitato Milanese Acqua Pubblica

Miriam Garavaglia

Massimo Gatti, già consigliere provinciale

Rossano Gelosini,

Andrea Giorcelli,

Agostino Giroletti- comitato zona 8 solidale

Maria Teresa Gorni

Gabriella Grasso, Francesco Graziani, Alberto Grilli

Antonino Gullo

Salvina Inzana

Marina Lagori

Francesco Saverio Lanza, presidente del Comitato Cittadini Bonola,

Elio Leonida – associazione Energia Felice Oreste Magni – Ecoistituto della valle del Ticino

Patrizia Malfatti

Biancamaria Manzini, Raffaella Manzo, Ezio Marano – Associazione Società Sostenibile, Renato Martelli

Santino Filippo Masi- comitato zona 8 solidale, Stefano Masson,

Rolando Mastrodonato – “Vivi e progetta un’altra Milano ” , Maria Meneghetti

Gabriella Michelutti, Ersilia Monti- Coordinamento Nord Sud del Mondo,

Alfonso Navarra – Kronos Milano, Eugenia Omodei Zorini, Anna Orlandi , Anna Maria Osnaghi

Marco Pandolfo

Anna Polo- agenzia stampa Pressenza

Daniela Radaelli- presidente sezione ANPI Gallaratese Trenno Lampugnano Massimo Reale, Teresa Resegalli ,

Emilio Rigamonti

Luigi Rilletti, Sergio Rilletti,

Erica Rodari – Comitato Milanese Acqua Pubblica

Marina Rossetto

Pierluigi Rossi- presidente cooperativa Labriola, Aldo Sachero,

Domenica Scelsi, Thomas Schmid

Giuseppa Silicati, Maria Grazia Silvestro- Comunità per lo Sviluppo Umano Ahimsa di Milano

Anita Sonego – presidente Casa delle donne ,

Patrizia Taccani

Veronica Tarozzi- Associazione Società Sostenibile Margherita Thieme

Daniela Varisco – Carugate in movimento, Giancarla Venturelli, Pierluisa Venturelli, Nello Vescovi- zona 8 solidale

appellosala-ellekappa

Nome Cognome Nome Cognome Nome Cognome
Maria Aita Adele Folcia Giulio Pagliari
Alberto Alazraki Giuditta Fumagalli Barbara Panzeri
Antonietta Alberti Elena Furiosi Maurizio Parisi
Cristina Alippi Felici Gabriella Tecla Pavia
Egle Amendolito Miriam Garavaglia Giuseppe Pepicelli
Paolo Azzoni Rosanna Garavaglia Paola Petrini
Marzia Bastoni Adriana Gervasoni Fiora Pezzoli
Franco Beccari Alberta Gervasoni Gianmario Pietra
Giuseppe Belardi Laura Gessner Raffaella Puccio
Giovanna Bianchi Giuseppe Giolitti Antonella Rava
Franco Bonadonna Marina Gorla Daniela Rocchetti
Daniele Pio Bonfanti Gianpiero Grulla Sandra Rocchi
Fernanda Brizzi Riccardo Guerra Martino Rollier
Giovanna Brusaferri Danièle Lehaire Giovanni Mario Rozzi
Angela Calaminici MariaDomenic Lovino Daniela Sala
Simona Calestani Anna Maffiolli Marta Salvi
Laura Capelli Oreste Magni Giorgio Sangermani
Elena Casartelli Riccardo Magni Angela Sassi
Chiara Cogliati Maria Grazia Manzoni Domenica Scelsi
Mario Cogliati Rolando Mastrodonato Cristina Sironi
Paolo Cogliati Elena Mazzola Patrizia Taccani
Neva Corazza Gianni Meazza Domenico Tatulli
Liborio Frances Cozzoli Maria Michelazzo Giancarlo Toppi
Maria De Ceglia Davide Migliorino Piera Toschino
Massimo De Giuli Franco Morabito Fernanda Tucci
Mirella De Gregorio Margherita Morini Maria Tullio
Marta Del Medico Giuliana Navoni Luciano Vailati
Alessandra Deriard Adriana Noale Rinaldi Daniela Varisco
Angela Di Terlizzi Elio Nocerino Laura Vascellari
Milena Diomede Enrica Noseda Mauro Verde
Aurelia Fabbro Cristiana Noviello Guido Viale
Marinella Faliva Graziella Osellame Donata Zocca
Piera Ferraris Patrizia Ottolini Sergio Zurlo

PER CONTATTI

Amalia Navoni- Coord Nord Sud del Mondo 02.38002691 amalia.navoni@fastwebnet.it

Sandra Cangemi- Coord Nord Sud del Mondo 335 7745510 sandra.cangemi@yahoo.it

Ersilia Monti – Coord Nord Sud del Mondo 333 2044346 ersilia.monti@livecom.it

LE VIGNETTE, scelte qui in “bottega”, sono di Altan, di Ellekappa e di Vauro

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.