Voci dalla grande fabbrica dell’Interporto

dal Coordinamento migranti di Bologna

«Io sono arrivato qui vivo, e continuerò a vivere anche se non firmo questo contratto».

D. ha risposto così all’agenzia che gli ha proposto un contratto di lavoro all’Interporto di tre ore al giorno. Tre ore al giorno in magazzino e due ore di bicicletta per andare e tornare dal lavoro, perché i soldi sono troppo pochi per spenderli nel trasporto, e passare il resto del giorno in un centro di accoglienza. Per questo D. si è rifiutato di firmare quel contratto, perché non è più disposto ad accettare lo sfruttamento, i salari da fame che non bastano per prendere una camera in affitto, i lunghi viaggi al freddo a qualsiasi ora del giorno e della notte per essere sempre disponibile ogni volta che il padrone chiama.

D. lavorava già da tre anni per la stessa azienda, che gli prometteva ogni volta condizioni migliori. È il solito gioco di padroni e agenzie: all’Interporto continuano a promettere ai migranti che se non si lamentano dei ritmi di lavoro e delle ore di straordinario non pagate le cose possono migliorare. Sappiamo che padroni e agenzie approfittano dei documenti precari dei migranti e che molti non hanno altra scelta che accettare quelle condizioni di lavoro perché altrimenti perdono il lavoro e poi il permesso.

Ma la storia che D. ha raccontato all’assemblea del Coordinamento Migranti e delle associazioni e comunità migranti dimostra che rifiutare il comando dell’Interporto è possibile. Il coraggio di D. è il coraggio di tutti i migranti e i richiedenti asilo che non sopportano più di lavorare a chiamata o con contratti precari per un salario misero. Per questo è giunto il momento di rompere l’isolamento e prendere parola insieme contro sfruttamento e razzismo: l’Interporto è una grande fabbrica che non esiste senza migranti.

www.coordinamentomigranti.org

 

LEGGI ANCHE  Voci dalla grande fabbrica dell’Interporto/1 Voci dalla grande fabbrica dell’Interporto/2

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Infatti le indagini epidemiologiche hanno sempre evidenziato che la vittime della strada sono spesso lavoratori migranti in transito verso posti di lavoro in ore assurde e con mezzi poveri perchè se potessero usare automobili ben carrozzate le cose sarebbero diverse;
    i datori di lavoro devono essere denunciati e sanzionati; proporre un turno di lavoro in queste condizioni significa creare una situazione lavorativa di distress ;
    spero che il coordinamento migranti indica un incontro pubblico a Bologna su questi temi e -non voglio fare iniziative autonome-ma se loro non lo ritengono inutile potremmo “sollecitare” i servizi ispettivi della Ausl ad avviar eun confronto con i datori di lavoro-quantomeno-sul tema delle inaccettabili condizioni di costrittività e di distress.

    Solidarietà senza se e senza ma ai lavoratori.

    Vito Totire, medico del lavoro

Rispondi a vito totire Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *