Appelli e speranze per Vittorio Arrigoni

Ecco due appelli – da firmare e far girare se li condividete – per Vittorio Arrtigoni e qualche notizia (db, ore 22,50)
Beati i costruttori di pace, e tutti coloro che hanno fatto gli osservatori elettorali in RD Congo nel 2006, fanno appello a coloro che hanno rapito il nostro caro Vittorio affinché lo liberino subito, e ce lo restituiscano! Vittorio si è impegnato da sempre a denunciare e documentare le ingiustizie a cui sono sottoposti i “gazawi”, i suoi concitaddini di Gaza. Ha scelto di vivere a fianco delle donne, degli uomini, dei bambini della Striscia di Gaza, quella che lui chiama la più grande prigione a cielo aperto.
Gaza ha bisogno di Vittorio. Tutto il mondo ha bisogno di Vittorio.
Sotto, un appello scritto da Luisa Morgantini; e, ancora sotto, ulteriori notizie, sempre di Luisa. Restiamo umani, come direbbe Vittorio.
Lisa Clark (Beati i costruttori di pace)

LIBERATE SUBITO VITTORIO ARRIGONI
Abbiamo appreso con orrore e sgomento del rapimento del volontario italiano Vittorio Arrigoni.
Facciamo appello al governo di Gaza, al premier Ismail Haniyeh e a tutte le autorità responsabili nella Striscia  perché intervengano immediatamente in una negoziazione con i gruppi responsabili del rapimento di Vittorio.
Facciamo appello al nostro governo perchè attivi ogni canale possibile e si metta in relazione con l’autorità palestinese di Gaza e si adoperi nel contempo per la fine dell’assedio di Gaza.
Il lavoro di Vittorio e con lui di tutti i volontari dell’International Solidarity Movement è un lavoro quotidiano di responsabilità e grande umanità, accanto  alla popolazione di Gaza, sottoposta alla punizione collettiva e ad un assedio illegale e brutale da parte del governo di  Israele. Un lavoro di documentazione delle quotidiane violazione dei diritti umani della popolazione palestinese di Gaza e di accompagnamento dei contadini e dei pescatori di Gaza impossibilitati a lavorare la terra e a pescare da parte dell’esercito israeliano.
Vittorio deve tornare con noi ed essere liberato.
Anche da Gaza giungono appelli da parte della società civile perchè Vittorio sia liberato, e ci chiedono  di comunicare al mondo  di non confonderli  con i gruppi estremisti che hanno rapito Vittorio Arrigoni.
RESTIAMO UMANI.

Ore 21.45.  Ho parlato adesso con Mustapha Barghouti che si sta mobilitando anche  lui. Ho parlato con uno dei ministri di Hamas, dice che stanno facendo  tutto il possibile ed è fiducioso di riuscire a liberare Vittorio tra poche ore, che tutti i servizi, polizia governo ecc., sono assolutamente e  complertamente mobilitati.  Intanto i giovani e gruppi di società civile andranno in piazza a Gaza domani alle 16 per chiedere la liberazione di Vittorio. (Luisa Morgantini)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

4 commenti

  • Marco Pacifici

    I responsabili del rapimento del nostro Compagno Vittorio Utopia Arrigoni sono il mossad israeliano su indicazione dei servizi italiani:se gli sara’ torto ancora un capello i responsabili ci costringeranno a fare giustizia a cominciare dai nazisionisti romani del ghetto:noi vogliamo la pace,ci costringete a fare la guerra per raggiungerla,allora che guerra sia.

    • caro Marco,
      non farti accecare dal dolore: per quello che sappiamo il Mossad stavolta non c’entra. In ogni caso – come ha scritto poco fa in blog Donata – il nostro primo impegno è capire il senso della vita di Vittorio e dunque raccontare di lui (ce n’è bisogno perchè i giornalisti diranno montagne di cazzate e di menzogne … già hanno cominciato) e continuare il suo duro e coraggioso lavoro. Io credo che poi il nostro secondo impoegno sia ragionare a fondo e nel concreto su cosa ognuna/o di noi da domani può costruire contro la macchina che poroduce e alimenta le guerre; ci servono proposte, ci serve coraggio in un tempo buio nel quale vince il disimpegno. Tutte/i insieme possiamo fare qualcosa per una pace con giustizia, credo questo sia il senso di ciò che Vittorio ha fatto. Sto piangendo e magari chissà quante stronzate scrivo, proverò dopo a “organizzare” qualcosa che abbia un senso. Dobbiamo a noi stessi, oltre che a Vittorio, dirci e dire COSA FAREMO da domani (db)

  • restiamo umani, non buttiamo alle ortiche Vittorio
    giustizia, non vendetta

  • Marco Pacifici

    Che siano stati i naziislamici o il mossad salafita,hanno ucciso ancora una volta una parte di me,ormai mi resta ben poco di Umano. “se non riuscite ad opporvi al nemico anche facendovi massacrare,l’ignavia non è giustificata:imbracciate il fucile e sparate ai vostri nemici”. Ghandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.