Segundo Ruiz Belvis: una vita in difesa della libertà

Fu grazie a lui che, a Portorico, vennero mossi i primi passi per l’abolizione della schiavitù e a favore dell’indipendentismo. Nato il 13 maggio 1829, Ruiz Belvis morì, in esilio, a soli 38 anni, ma il Grito de Lares, che portò alla proclamazione della Repubblica di Portorico poco meno di un anno dopo il suo decesso, si deve soprattutto alla

Continua a leggere

Haiti, un paese a sovranità limitata

Sottomesso ancora oggi alle politiche coloniali, nelle mani della criminalità organizzata e ormai divenuto uno stato fallito, Haiti rimane un paese ingovernabile, ma i responsabili di quella che è ormai un’emergenza non solo politica, ma anche e soprattutto umanitaria sono gli Usa e tutte quelle dittature e interventi stranieri che da troppo tempo si susseguono in questo martoriato e poverissimo

Continua a leggere

Paraguay: Martín Almada, il cacciatore dei repressori

Se ne è andato lo scorso 30 marzo, a 87 anni, l’uomo che svelò gli “Archivi del terrore” e il Plan Cóndor. Prigioniero della dittatura stronista dal 1974 al 1978, Almada ha dedicato la sua vita a smascherare i torturatori e i repressori che tra la metà degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta, uccisero un’intera generazione di lottatori

Continua a leggere

Messico: guerra sporca contro Claudia Sheinbaum

Una vera e propria campagna di fake news è volta screditare la candidata progressista che sfiderà, nelle presidenziali del prossimo 2 giugno, Xóchitl Gálvez, esponente della destra liberista. A due mesi dalle elezioni, le contraddizioni di Sheinbaum, tra militarizzazione e aspetti controversi della Quarta Trasformazione obradorista e il pericolo del ritorno a Los Pinos di una destra autoritaria. di David

Continua a leggere
1 2 3 89