Come scroccare una cena ai rom

Gli zingari non si lavano (e altre cazzate)

un video di Saverio Tommasi

Zingari fuor di retorica, all’interno di un campo rom. Cena, riti, mogli e speranze divise fra lavoro ed elemosina, povertà e festa. E’ un popolo strano, quello Romanì. Se ne sente parlare spesso in campagna elettorale in relazione alle parole “sicurezza”, “furti” e “a casa loro”. Secondo molti è un popolo che ruba per definizione, oppure chiedono l’elemosina perché “è la loro cultura”. Io ci ho parlato, mangiato e ballato. E non ho risparmiato le domande più scomode, cercando innanzitutto di capire.

Ho scelto di raccontarvi le difficoltà della vita quotidiana, ma ho scelto di farlo con allegria; e del resto, con così tanti bambini a giro per il campo, sarebbe stato difficile il contrario.

Buona visione: http://www.youtube.com/watch?v=HI8mYp1otic

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.