Dal 25 novembre al 14 febbraio

Nella «Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne» sarà lanciata «One Billion Rising 2016»

OneBillionRising2016

Cos’e’ One Billion Rising

«Ci sono vagine in sala?» gridava nel 1994 Eve Ensler, e in tutto il mondo, negli anni che seguirono la prima rappresentazione de «I monologhi della vagina», le donne rispondevano: «». Era un modo di affermare pubblicamente che i loro corpi erano pronti per la rivoluzione. Quello che e’ cominciato come un’opera teatrale si e’ trasformato in un movimento internazionale, il V-Day, nato con l’obiettivo di porre fine alla violenza contro le donne, sfidando le disparita’ culturali, sociali, razziali ed economiche che gravano su piu’ della meta’ della popolazione mondiale. Nel 2013, Eve Ensler ha fatto compiere al movimento un altro passo avanti grazie a «One Billion Rising», riuscendo a far ballare insieme un miliardo di donne e uomini in oltre duecento paesi nel giorno di San Valentino, il 14 febbraio. Ancora nel 2014 e nel 2015 «One Billion Rising» ha continuato la sua battaglia con un’adesione crescente a livello globale, levando la sua voce contro la violenza sulle donne e aprendo un nuovo dibattito globale sui diritti, il razzismo, le disuguaglianze economiche e le guerre dichiarate sui corpi delle donne in tutto il mondo.

*

La campagna One Billion Rising Revolution 2016

Grazie agli attivisti della manifestazione molte leggi sono cambiate negli anni, molti diritti ripristinati e molte opportunita’ sono state aperte in diverse comunita’ e nazioni, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Il 14 febbraio 2016 sara’ il giorno del quarto appuntamento con «One Billion Rising» e il tema della rivoluzione continua, focalizzandosi sulle donne emarginate  con azioni sempre piu’ audaci, coraggiose, creative e determinate.

*

Ascolta, agisci, partecipa (Listen! Act! Rise!)

Portare l’attenzione al dramma dei profughi. La crudezza di questa realta’ ci assedia da vicino, il mare e’ esondato ovunque invadendo le nostre strade col suo carico di corpi offesi, vivi e morti, alimentando paure e con esse rabbia e diffidenza. Respingimento e repressione non potranno arrestare il popolo migrante: il suo non e’ uno spostamento dovuto alla ricerca di una vita migliore, ma l’esodo disperato di chi tenta di salvare la propria vita.

*

Un’alleanza globale contro la violenza

L’obiettivo diventa indagare e praticare esperienze civili e sociali nuove, improntate a politiche e forme di governo altre, che consentano di affrontare in maniera nuova gli impegni presi operativamente da chiunque si collochi nell’ambito del sociale, del politico, del culturale. C’e’ uno scarto tra gli esseri umani e il mondo per come esso si e’ venuto costruendo. Guardare questo scarto significa anche concepire strumenti di cambiamento per niente virtuali, al contrario, in grado di proporsi in un’interezza oggi persa, nella quale la vita di ogni singola persona sia considerata preziosa. Le donne possono e debbono prendersi cura del mondo e dei suoi abitanti. «One Billion Rising» si stringe in una alleanza globale con le donne e gli uomini di tutto il mondo con questo primario e irrinunciabile obiettivo.

*

Adesioni e iniziative per il 25 novembre

One Billion Rising in collaborazione con Differenza Donna e l’adesione di D.I.RE, Emergency, Cgil, Terre des hommes, Federazione Nazionale Associazioni Scuole Danza Fnasd, ArciLesbica e molte altre associazioni e scuole, in occasione della «Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza» contro le donne, il 25 novembre, dara’ vita ad eventi con letture, danze, flash mob in numerose citta’ italiane, da Trieste a Pistoia, da Bergamo a Viareggio, da Trieste a Pavia, da Napoli a Parma, da Livorno a Modena. Migliaia di iniziative «One Billion Rising» avranno luogo anche in Europa e negli Stati Uniti, nonche’ in India, nelle Filippine, in Messico e, per la prima volta, anche a Cuba, dove Eve Ensler ha portato in scena di recente «I monologhi della vagina».

*

Per maggiori informazioni e per aderire alla campagna: www.onebillionrising.org, www.facebook.com/obritalia

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.