Denisoviani: una faccia una razza?

di Giorgio Chelidonio

Premetto, per chi non ne sapesse l’origine, che la nota frase (solitamente attribuita a greci nei confronti degli italiani) [LINK 1] «una faccia una razza» venne inventata e diffusa dalla propaganda fascista durante la cosiddetta “Campagna di Grecia”, nel 1940-1941 [LINK 2].
Se poi la notizia si presentava visivamente “servita su un piatto” [LINK 3] in forma di modellato in argilla, i miei dubbi sulla scientificità dell’informazione erano aumentati.
Eppure, nel mio giornaliero vagabondare nelle paleo-recensioni, l’avevo individuata in recensioni solitamente affidabili [LINK 4] compresa la stessa comunicazione scientifica apparsa su «
Nature» [LINK 5].
Forse per questo avevo glissato il puntuale suggerimento di Daniele ad interessarmi di questa paleo-novità: mi era parsa un po’ campata in aria.
Debbo ricredermi: la lettura dell’articolo di Andrea Capocci (pubblicato sul quotidiano «
il manifesto» del 22.9.2019) mi ha tolto gran parte di quella dubbiosità di cui sopra. 

Invitandovi a leggerlo “on-line “ [LINK 6] mi limito ad estrarre, di seguito, alcune frasi/chiave che aiutano a chiarire il metodo e quindi le basi di questa ricerca.
Non sono i geni a differenziare gli organismi, infatti, ma la loro «espressione»: il livello di attivazione dei singoli geni per produrre le corrispondenti proteine. L’espressione genica è più variabile, anche all’interno dello stesso individuo. …. Sull’espressione, però, sappiamo ancora molto poco. Studiando la metilazione del Dna denisoviano, si può risalire (molto sommariamente) a quanto ogni gene fosse attivo nelle loro cellule ossee. E ricostruire, con un grado di incertezza ancora maggiore, le dimensioni del cranio e l’aspetto del volto. È un processo lungo e complicato. Prima di applicarlo ai denisoviani, Carmel e colleghi lo hanno testato su Neanderthal e scimpanzé, di cui conosciamo sia il profilo genetico che lo scheletro reale. In questi casi, sono riusciti a collegare le informazioni sull’espressione genica alla morfologia in più dell’80% delle caratteristiche somatiche considerate.”
Sulla base di questi confronti, effettuati su campioni di specie note, sia per morfologia che per DNA, i ricercatori (che fanno capo alla Hebrew University di Gerusalemme) hanno ripetuto l’analisi su alcuni resti ossei fossili attribuiti a denisoviani
, ricavando così l’ipotetica e sommaria ricostruzione cranio-facciale di una adolescente di Denisova [LINK 7].
Infine, l’articolista de
il manifesto cita anche limiti e dubbiosità di questi risultati, arrivando a proporre anche pareri perplessi, come quello di John Hawks [LINK 8] un importante paleo-antropologo il cui sito invito a consultare [LINK 9].
E, concludendo, sottolinea che “
In assenza di sufficienti prove scientifiche, scienziati e illustratori sono più facilmente influenzati dagli stereotipi culturali”.
A questa significativa osservazione aggiungo come uno dei più noti ed efficaci illustratori divulgativi della seconda metà del XX secolo, Zdnek Burian [LINK 10] sulle cui splendide tavole si è formata l’immaginario dei paleoantropologi della mia generazione, raffigurò i Neanderthal come li si credevano diversi decenni prima [LINK 11, 12 e 13].

LINKS

  1. http://www.ilcondominionews.it/?p=12607
  2. https://it.wikipedia.org/wiki/Campagna_italiana_di_Grecia
  3. https://www.latimes.com/science/story/2019-09-19/dna-lets-scientists-peer-into-the-faces-of-our-ancient-cousins-the-denisovans
  4. https://www.lescienze.it/news/2019/09/27/news/ricostruzione_volto_denisova_metilazione_dna-4560537/ + https://www.sciencedaily.com/releases/2019/09/190919114858.htm
  5. https://www.nature.com/articles/d41586-019-02820-0
  6. https://ilmanifesto.it/il-volto-della-misteriosa-ragazza-di-denisova/
  7. https://it.wikipedia.org/wiki/Homo_di_Denisova
  8. http://johnhawks.net/weblog/reviews/epigenetics/denisova-methylation-morphology-2019.html
  9. http://johnhawks.net/
  10. https://it.wikipedia.org/wiki/Zden%C4%9Bk_Burian
  11. Wolf J., Zdenek Burian, 1978: L’uomo della preistoria. L’origine e l’evoluzione del genere umano, Gruppo Editoriale Fabbri, Milano.
  12. https://ilbolive.unipd.it/it/news/pregiudizio-sui-neanderthal
  13. https://www.pinterest.at/pin/569212840392456588/

NELLE IMMAGINI: ricostruzione cranio-facciale di un’adolescente denisoviana e raffigurazione di cacciatori neanderthaliani realizzata negli anni ’70 del XX secolo ma che si basava su ricostruzioni risalenti a 40-50 anni prima.

Giorgio Chelidonio

Un commento

  • con una infanzia ed una adolescenza passata tra fascismo e guerre, avrei sperato che nessuno più adoperi il termine insensato di ‘razza’, nemmeno in futili ricerche tra ‘razza’, ‘specie’, ‘varietà’, ‘etnia’, ‘popolazione’,’faccia’, ‘volume cranico’, ‘lunghezza del naso’, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.