Europei di calcio?

Tre vignette di Giuliano Spagnul e qualche pensiero di corsa

GiulianoCalcio-UNO

Stasera si finisce. Cosa ricorderò io?

Gli ultrà inarrestabili. Le botte. I soldi. Gli sponsor. Le bugie. La retorica. Gli orribili inni nazionali, con l’eccezione di «La Marsigliese» che, si sa, ha un bel testo. Il diritto allo stadio che sostituisce il diritto allo studio.

Beh sì, gli islandesi – calciatori e tifosi – erano simpatici e un po’ alieni; il fiore nel pattume.

 

Questo è sport?

Come spesso accade, nell’epoca della censura e dell’autocensura, le vignette rivelano quello che “non si può dire”. Grazie a Giuliano.

GiulianoCALCIO-DUE

Un finale? Si potrebbe parafrasare Leo Szilard, uno dei padri “pentiti” della bomba., ci provo. “Il quesito è: siamo liberi di dire [del calcio] tutto quello che pensiamo visto che non pensiamo quello che non siamo liberi di dire?”.

E se vi sembra che io abbia esagerato… provate a riandare alle cascate di idiozie e bugie che a ogni evento “sportivo” la grande informazione e i “tuttologi” – più che altro “nientologi” – ci riversano addosso. (db)

 

GiulianoCalcio-TRE

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.